"Prima i vaccinati": 4 considerazioni sulla bestialità pronunciata da Bersani

"Prima i vaccinati": 4 considerazioni sulla bestialità pronunciata da Bersani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato
 
 
Dice Bersani che se non ci fosse più posto negli ospedali un vaccinato deve avere la priorità su un novax. Ora, al simpatico Bersani mi permetto di sottolineare alcune semplici e banalissime cose.
 
La prima, ma proprio di passaggio, è che un “vaccinato” in ospedale non dovrebbe proprio finirci. E se malauguratamente ci finisce, probabilmente, il vaccino che la sedicente sinistra vuol rendere obbligatorio a tutti i nostri lavoratori (mentre addirittura gli americani rigettano il principio) non funziona esattamente come dovrebbe. Ma vabbè, qua parliamo di logica spicciola quindi non si può pretendere chissà che cosa.
 
La seconda è che il diritto universale alla salute è giuridicamente garantito dalla Costituzione “più bella del mondo”, lo stesso pezzo di carta da loro idolatrato come un totem. Benché a orologeria e solo ogni qual volta si rende necessario respingere le minacce dei fascisti fantasma. E che di principi fondamentali di questo tipo non si può fare carta straccia come nulla fosse, soprattutto se in ragione di un’emergenza causata principalmente da carenze strutturali. Tipo posti letto che mancano, ospedali chiusi, farmacie e laboratori ospedalieri senza farmaci e reagenti, liste d’attesa bibliche, migliaia di giovani medici e infermieri costretti a emigrare all’estero. Cose così, mica da un imprevedibile asteroide.
 
La terza è che queste carenze strutturali sono figlie di una violentissima stagione di tagli e privatizzazioni di cui proprio Bersani è stato massima espressione. Perché i decreti sulle liberalizzazioni mica li ho scritti e firmati io. Se si chiamano “decreti Bersani” un cazzo di motivo ci dev’essere.
 
Esattamente come i 37 miliardi di tagli alla sanità in sette anni. Tutti promossi e votati da governi con dentro il Pd, partito di cui, mi pare, sia stato ministro e pure segretario.
 
La quarta (e ultima) è che sostenere simili posizioni di meritocrazia sanitaria - oltre che figlio del più becero pensiero liberista ottocentesco - non è soltanto feccia. È proprio sbagliato a livello di strategia. Perché se oggi passa questo criterio di macabra lotteria a premi e poi domani cambiano gli equilibri di potere, finisce che arriva qualcun altro che di principio ne fa passare uno simile. Tipo che se non si può curare tutti allora diventa lecito negare assistenza medica a ministri, politici, segretari, giornalisti ed elettori di quei partiti che, durante la seconda Repubblica, hanno fattivamente contribuito a devastare l’intero sistema sanitario nazionale trasformandolo in uno da terzo mondo in cui ci si arroga il diritto di scegliere chi far vivere e chi no. Anche questo “bisogna che lo diciamo”. Occhio che la ruota gira.
 
 
L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti