Portavoce Commissione europea al FT: "Il Recovery Fund è morto"

Portavoce Commissione europea al FT: "Il Recovery Fund è morto"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Gilberto Trombetta 

«Il Recovery Fund dell’Unione Europea è morto».


 
Lo ha detto un portavoce della Commissione Europea a Mehreen Khan, corrispondente da Bruxelles del Financial Times.
 



Quindi, ricapitolando: dei 750 fantastiliardi che il Governo aveva annunciato urbi et orbi per settimane, a oggi, se ne sono visti poco meno di 20 miliardi, come ci ha ricordato lo Svimez.
 
I 55 miliardi in più previsti per il decreto aprile non si sono mai visti. Infatti il decreto aprile non esiste. È slittato a maggio. Anche per la scelta del Governo di attendere il permesso dalla UE. Cioè dalla Germania.
 
Intanto il PIL dell’Italia è crollato del 4,7% nel primo trimestre di quest’anno. Ed è solo l’inizio.
 
Nel frattempo si sveglia pure una parte della stampa dominante, quella del pensiero unico, che si accorge che un MES senza condizionalità non è mai esistito.
 
Ma alla luce del rifiuto del Governo di fare da soli (non hanno neanche un piano B, i fenomeni) rimarrà l’unica opzione sul tavolo insieme ai suoi simili (SURE e BEI).
 
Si svegliano puri i Costituzionalisti, quelli "illustri". Finalmente. E richiamano duramente Conte e il Governo che lo appoggia per l'uso improprio dello strumento dei DPCM.  Ma, soprattutto, per aver fatto carta straccia della Costituzione. Cosa che, purtroppo, viene fatta da più di 30 anni.
 
Stamattina alle Camere rappresentanti del Governo hanno parlato di sfruttare questa immensa crisi per «ridisegnare il Paese», per «fare una nuova Costituente».
 
Ricorderei però loro che prima della Costituente ci furono due guerre e una resistenza contro l’invasore straniero. Almeno contro uno degli invasori. Non contro quello che ne prese il posto, purtroppo.
 
Come diceva Flaiano, «la situazione politica in Italia è grave ma non è seria».
 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti