Polemiche per la nuova ambasciata Usa in Libano. È la più grande del Medio Oriente

Polemiche per la nuova ambasciata Usa in Libano. È la più grande del Medio Oriente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La "città-ambasciata" che gli Stati Uniti stanno costruendo in Libano da più di due anni sta suscitando ampie polemiche per le sue enormi dimensioni.

Infatti, è la più grande della regione dell'Asia occidentale, occupando un'area di circa 180.000 metri quadrati ad Awkar, a nord di Beirut, secondo quanto riportato ieri dal quotidiano Raialyoum.

Questa sede diplomatica è infatti più grande dell'ambasciata costruita dagli USA da quella edificata Baghdad dopo l'invasione diretta del Paese arabo nel 2003 e la successiva occupazione militare.

Secondo il rapporto, il progetto di espansione dell'ambasciata è iniziato più di due anni fa e dovrebbe concludersi nel 2023 con un costo stimato di 1,2 miliardi di dollari.

Un'ambasciata per gestire le operazioni militari statunitensi

Secondo un documento del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, il progetto prevede la costruzione di un aeroporto all'interno del complesso dell'ambasciata, nonché luoghi di intrattenimento, edifici consolari e unità abitative.

Raialyoum indica che questa ambasciata sarà un hub per la gestione delle operazioni militari e di sicurezza statunitensi in Libano e Siria, nella Palestina occupata e a Cipro , mostrando il livello di sfida che la Resistenza dovrà affrontare nel territorio libanese, dove Washington svolge molte attività di interferenza.

Inoltre, è naturale che ci siano linee dirette di coordinamento tra questa ambasciata e Israele contro il Movimento di resistenza islamica libanese (Hezbollah), tanto più che la sicurezza del regime di Tel Aviv è tra le massime priorità della politica estera di Washington.

Tutto ciò ha suscitato diffuse polemiche e critiche sui social media da parte di cittadini libanesi che mettono in dubbio lo scopo di stabilire un'ambasciata delle dimensioni di una città a Beirut.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma... di Marinella Mondaini Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma...

Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma...

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO di Savino Balzano CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Antonio Di Siena - La mia diffida ad Open di Antonio Di Siena Antonio Di Siena - La mia diffida ad Open

Antonio Di Siena - La mia diffida ad Open

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti