Più di 150.000 proiettili rubati da una base militare israeliana

Più di 150.000 proiettili rubati da una base militare israeliana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Decine di migliaia di proiettili di fucile d'assalto M-16 sono stati rubati da una base dell'esercito israeliano nel nord dei territori palestinesi occupati, riportano i media locali.

L'emittente israeliana Canale 7 ha rivelato, ieri, che in un'operazione senza precedenti effettuata circa un mese e mezzo fa, dal magazzino Al-Zahron della brigata di riserva sono stati rubati tra i 100.000 e i 150.000 proiettili del fucile d'assalto M-16, a nord dei territori palestinesi occupati.

Da parte sua, la polizia israeliana stima che più di 150.000 proiettili siano stati rubati dalla suddetta base, tuttavia, l'esercito israeliano dichiara che gli importi rubati sono inferiori alle stime della polizia, si legge nel rapporto il rapporto.

Le forze israeliane hanno aperto un'indagine sull'incidente e presto un rapporto sarà inviato all'ufficio del procuratore militare, ha annunciato un portavoce della Difesa.

Finora non ci sono stati arresti in relazione alla rapina. La quantità di munizioni rubate è considerevole e la polizia teme che sia già stata distribuita ai criminali.

Al di là della questione del furto di munizioni, le autorità militari israeliane sottolineano che quanto accaduto mostra un difetto nella preparazione dell'esercito alle situazioni di emergenza. Così, secondo la fonte israeliana, appena giunti alla base Alexandroni, i funzionari israeliani hanno descritto la situazione come un "vero allarme" a causa della "grande carenza" di proiettili e dell'"incompetenza" nel prendere i provvedimenti necessari. 

In effetti, questo è stato uno dei più grandi furti di munizioni nella storia del regime di Tel Aviv. All'inizio di quest'anno, i media israeliani hanno riportato un altro furto di oltre 93.000 colpi dalla base di Tseelim.

Gli esperti israeliani spiegano che la  tossicodipendenza  delle truppe israeliane è uno dei motivi principali per cui rubano e vendono armi.

Inoltre, l'esercito israeliano deve affrontare altri problemi. La corruzione morale ed i crimini sessuali hanno visto un aumento significativo negli ultimi anni nei territori palestinesi occupati, che non ha smesso di colpire le forze militari israeliane .

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump di Francesco Santoianni USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump

USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti