Non è solo calcio: un paese in macerie

Non è solo calcio: un paese in macerie

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Se solo fosse chiaro a tutti i delusi odierni che i fallimenti della Nazionale di calcio sono generati dagli stessi, identici problemi che hanno ridotto l’Italia allo stato moribondo in cui si trova, forse, saremmo già a metà strada.

1. Distruzione del tessuto economico-produttivo interno con conseguente sempre maggior dipendenza da investimenti esteri. Se il mondo si globalizza, il capitalismo diventa oligarchico eccetera non si svuotano solo le zone industriali, ma ci saranno anche sempre più sceicchi e magnati e sempre meno Berlusconi (o Anconetani se vi piace di più il paragone);

2. assenza di investimenti in ricerca, sviluppo e infrastrutture strategiche. Porti, poli di ricerca, stadi e centri sportivi all’avanguardia assolvono infatti alla medesima funzione. Germania e Olanda stanno all’Italia esattamente come Bayern e Ajax alla Roma. 

3. gerontocrazia inscalfibile sostenuta da una diffusa cultura gerontocratica, mancanza atavica di politiche giovanili e conseguente emigrazione delle eccellenze fra le giovani generazioni. Fra un ricercatore che se ne va negli USA e Verratti al PSG, fra il Mattarella bis e Chiellini convocato a 38 anni non c’è alcuna differenza. I migliori vanno via e chi resta o è vecchio o non è allo stesso livello;

4. disinteresse totale per la crescita culturale ed educativa dei giovani. Se un quattordicenne sogna di fare lo youtubber anziché diventare ingegnere o un campione di serie A è anche un problema di propensione al sacrificio. Se all’allenarsi sotto la pioggia tre volte a settimana (o studiare per vent’anni) si preferisce stare sul divano a mangiare cibo spazzatura inseguendo un successo effimero e immediato è - anche - un problema culturale, di civiltà nel senso più ampio. 

5. denatalità sempre più drammatica. Meno figli fai sempre meno gente di qualità avrai. Enrico Mattei e Adriano Olivetti o Roberto Baggio e Alessandro Del Piero è anche una questione di statistica; 

6. corruzione, clientelismo e incertezza della pena. Un ladro seduto in parlamento e Masiello su un campo da calcio sono due facce della stessa medaglia. Chi sbaglia non paga mai abbastanza e presto o tardi torna al suo posto. Con tutto ciò che implica. 

Pochi esempi ma si potrebbe continuare ancora.

Certo, sono problemi propri dell’intero Occidente ma in Italia, per una serie di ragioni specifiche e congiunture esterne, si sommano e stratificano moltiplicandone violentemente gli effetti.

È evidente, quindi, che il più grande fallimento della nostra nazionale di calcio (mai fuori dai mondiali per due edizioni consecutive) è diretta conseguenza della crisi economica, politica e culturale che ha ridotto l’intero sistema Italia in macerie.

Un paese che da quarta potenza industriale è diventato economicamente e politicamente irrilevante.

La stessa identica parabola del nostro alter ego pallonaro. Chi pensa che sia solo una curiosa coincidenza dovrebbe sforzarsi di fare un’analisi più complessa e multidisciplinare uscendo da una prospettiva meramente sportiva e, magari, andando anche contro qualche proprio profondo convincimento politico. Diversamente non ne usciamo.

E per favore, non tiratemi fuori l’europeo come argomento a contrario. D’altronde si sa che, come hanno scritto tutti, quella vittoria è stata merito di Draghi. Oppure semplicemente l’ultimo, bellissimo canto del cigno.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" (Gruppo L.A.D.)

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti