Nasrallah: Gli Usa usano la guerra per procura in Libano come fatto in Ucraina

Nasrallah: Gli Usa usano la guerra per procura in Libano come fatto in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Che i fronti di guerra nel mondo siano diversi, combattuti con armi tradizionali almeno finora, con ingerenze e sanzioni lo testimoniano le dichiarazioni fatte ieri da Hassan Nasrallah, segretario generale del movimento di Resistenza libanese, Hezbollah.

Il Libano, con la sua crisi economica, l’esplosione al porto di Beirut nel 2020, la delimitazione dei confini marittimi per estrarre il gas, è di nuovo preda degli appetti coloniali dell’occidente, USA in testa. Ieri, a tal proposito, Il leader di Hezbollah ha chiesto l'elezione di un presidente della Repubblica per il Libano "che sia pronto al sacrificio e non si preoccupi delle minacce statunitensi".

"Vogliamo un presidente che, se gli americani gli soffiano addosso, non svolazzerà da Baabda Palace al Mediterraneo... Vogliamo un presidente coraggioso, pronto al sacrificio e che non si preoccupi delle minacce statunitensi", ha ribadito Nasrallah durante un intervento in occasione del 30° Anniversario del Centro Consultivo di Studi e Documentazione.

Inoltre, ha anche osservato che il popolo libanese può rilanciare il proprio Paese se c'è "una volontà e un piano corretto".

I suoi commenti sono arrivati ??poche ore dopo che il parlamento libanese non è riuscito a eleggere un nuovo presidente per l' undicesima volta consecutiva , facendo precipitare il valore della Lira a nuovi minimi.

Sempre ieri, in risposta alle parole di Nasrallah, il vicesegretario di Stato per gli affari del Vicino Oriente degli Stati Uniti, Ethan Goldrich, aveva precisato che la Casa Bianca ha "una visione chiara" riguardo alla "minaccia" che Hezbollah rappresenta per il Libano.

"In effetti, combattere l'influenza di Hezbollah e rafforzare la stabilità e la sicurezza del Libano rimangono obiettivi chiave per questa amministrazione", ha affermato Goldrich durante un webinar con l'American Task on Lebanon.

Una dichiarazione di chiara ed evidente ingerenza, se Hezbollah è o meno una minaccia dovrebbero stabilirlo i libanesi.

Queste minacce di Goldrich hanno direttamente fatto eco a un altro degli avvertimenti di Nasrallah durante il suo discorso di ieri sera, quando ha sottolineato che gli Stati Uniti “stanno perseguendo la politica di massima pressione e sanzioni economiche contro i paesi e le nazioni che fanno parte dell'Asse della Resistenza, come il Repubblica Islamica di Iran, Siria e Yemen”.

“I problemi finanziari di queste nazioni sono dovuti al fatto che non vogliono arrendersi ai diktat di Washington”, ha sottolineato Nasrallah.

Ha poi accusato Washington di essere tornato “a una guerra per procura [in Libano], come nel caso dell'Ucraina... Questi fattori combinati hanno portato alla situazione economica raggiunta dal Libano. Dobbiamo affrontarli e lavorare per superarli”.

“È deplorevole che alcune persone in Libano neghino il fatto che ci sia un assedio economico. Ritengono che il blocco del Libano avverrebbe solo se una corazzata fosse ormeggiata al largo delle coste del Paese... Il blocco significa impedire aiuti e donazioni al Libano, impedire prestiti e impedire allo Stato di accettare donazioni, come è avvenuto con le donazioni russe e iraniane, o accettare l'apertura di investimenti cinesi e russi", ha aggiunto.

Tra l’altro, nel suo discorso, il leader di Hezbollah ha ricordato che c'è “un'enorme ricchezza” nel Mar del Libano.

"Abbiamo sicuramente petrolio nella nostra terra, e i fatti dicono che la politica ha costretto [l'esplorazione e l'estrazione] a fermarsi, e lo stesso vale per la Palestina e la Siria", ha affermato.

Infine, il leader della resistenza ha lamentato che l'Asia occidentale è diretta "verso una maggiore tensione" a causa di una spinta occidentale agli stati arabi per normalizzare le relazioni con Israele.

“Chiunque voglia formulare nuove politiche economiche [del Libano] dovrebbe abbandonare la falsa illusione che gli Stati regionali stiano per fare la pace con Israele e che la cosiddetta soluzione dei due Stati sia a portata di mano, soprattutto ora che un'amministrazione israeliana corrotta e terrorista è ora al comando."

“Non ci saranno né insediamenti né scene di pace. Le crisi saranno dilaganti in tutta la regione", ha avvertito Nasrallah.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente