Nagorno Karabakh, come la Russia ha riacquistato gradatamente la sua iniziativa strategica nella regione

 Nagorno Karabakh, come la Russia ha riacquistato gradatamente la sua iniziativa strategica nella regione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo i drammatici avvenimenti nella Repubblica dell’Artsakh dei mesi scorsi, con la conquista da parte dell’Azerbaigian della Repubblica indipendente auto costituita nella regione del Nagorno Karabakh, che ha creato una situazione ingarbugliata, complessa e molto delicata per gli equilibri dell’intera area caucasica e limitrofa, la Russia ha riacquistato gradatamente la sua iniziativa strategica e rafforzato la sua posizione con i paesi lì collocati.

Indubbiamente l'anno passato è stato attraversato da situazioni straordinarie per il Caucaso meridionale. Dopo la guerra del Karabakh che era durata 44 giorni nel 2020, con il successivo dispiegamento delle forze di pace russe nell’Artsakh, sembrava che lo status quo non avrebbe avuto scompensi o innalzamenti di tensione e non era avvenuto più nulla di grave. Poi nel settembre scorso gli avvenimenti sono precipitati e hanno creato squilibri, conflitti, minacce e reciproche accuse tra i vari attori sul terreno.

Dal 2021, l’UE con la Russia aveva assunto l’iniziativa nella questione del Karabakh, i presidenti azero e armeno Aliyev e Pashinyan si erano incontrati periodicamente a Bruxelles per discutere le condizioni per il mantenimento della pace. Ma la crisi sempre più profonda nelle relazioni franco-azerbaigiane e l’inasprirsi di quelle azerbaigiano-americane, hanno nuovamente riproposto la Russia come attore principale e equilibratore in tutta l’area.

La piattaforma “3+3” promossa dalla Russia ha raggiunto un nuovo livello. Nel mese di novembre si è svolto un incontro con la partecipazione dei ministri degli Esteri di Russia, Iran, Turchia, Azerbaigian e Armenia.

Alla fine dell'anno, Putin ha riunito i leader dei paesi della CSI a San Pietroburgo e ha creato l'opportunità per un incontro personale tra Aliyev e Pashinyan.

A differenza degli Stati Uniti e della UE, che cercano di condurre i negoziati esclusivamente su piattaforme euro-atlantiche, Mosca si caratterizza nel sostenere soluzioni regionali ai problemi regionali. Questo approccio soddisfa l’Iran, che teme l’isolamento dall’area, e si adatta alla Turchia nei suoi aspetti antioccidentali e all’Azerbaigian, che sta sempre più nel solco turco.

In questo scenario, il presidente armeno Pashinyan è quello più in difficoltà e a disagio. Continua a cercare un suo ruolo a Bruxelles e Parigi, ma non riesce a trovare una posizione chiara e di prospettiva, per cui è diplomaticamente condizionato.

Nello stesso tempo occorre essere cauti nel leggere solo dinamiche positive o solutive, le conflittualità, anche potenzialmente militari, esistono e continueranno ad esistere fino a che non ci sarà un punto di arrivo collettivo e condiviso tra gli attori regionali.

Per ora il presidente armeno, il perdente della seconda guerra del Karabakh, messo ai lati da Russia e Turchia, è riuscito in qualche modo a vendicarsi, rafforzando la sua posizione interna in Armenia e trasportando la questione dei negoziati armeno-azerbaigiani fino a Bruxelles.

Anche se Washington e Parigi sono scontenti per molti aspetti, sia Aliyev, che Pashinyan, hanno deciso di partecipare ad alcune piattaforme di proposte europee. Aliyev ha recentemente aperto un interconnettore dalla Bulgaria alla Serbia, attraverso il quale scorrerà il gas azerbaigiano, e questo interessa le autorità europee, che accolgono con favore la diversificazione delle forniture di gas e la riduzione del ruolo della Russia nel fornire risorse energetiche all'Europa.

Ma Mosca ha immediatamente risposto aumentando il suo ruolo di mediazione costruttiva, avendo organizzato il primo incontro tra Aliyev e Pashinyan dopo il conflitto di settembre. Ma ora per mantenere questo vantaggio, la Russia dovrà aumentare i propri sforzi e proposte solutive, e non è una cosa semplice da attuare. Ma più forte sarà la Russia negli scenari globali e sugli altri fronti, più facile sarà per lei portare avanti la sua agenda programmata nel Caucaso meridionale.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

APPELLO di oltre 150 partiti, organizzazioni pubbliche, organi di stampa e leader degli organi di autogoverno locale della Repubblica dell’Artsakh (Repubblica del Nagorno Karabakh) hanno firmato un appello alla comunità internazionale in occasione del Giorno del Referendum sull’Indipendenza, il Giorno della Costituzione della Repubblica dell’Artsakh e il 75° anniversario dell’adozione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

“Un popolo libero non può rinunciare ai suoi diritti sovrani e sottomettersi al dominio di uno Stato straniero, soprattutto governato per molti anni da un regime autoritario, corrotto e razzista, inebriato dalla sua impunità.

La nostra decisione collettiva di lasciare la nostra Patria – la Repubblica dell’Artsakh (Repubblica del Nagorno Karabakh), le nostre case, le nostre chiese armene, lasciando dietro di noi le reliquie di San Giovanni Battista (Surb Hovhannes Mkrtich) e le tombe dei nostri antenati, che noi proteggono da secoli, è la prova davanti al mondo intero che la libertà è il valore più alto per il popolo dell’Artsakh. Abbiamo preso questa decisione forzata nel mezzo di azioni genocide in corso e di gravi minacce esistenziali incombenti.

Abbiamo preso questa decisione perché coloro che si definiscono paladini e difensori della libertà e dei diritti umani hanno deciso di negarci il nostro  diritto a vivere con dignità nella nostra patria e il nostro diritto all’autodeterminazione, puntando così a realizzare una pace immaginaria tra Armenia e Azerbaigian e per il bene dei propri interessi geopolitici.

Ce ne siamo andati perché era l’unico modo per garantire la nostra sicurezza, preservare la nostra dignità umana e nazionale e il nostro patrimonio genetico, smascherare la grande menzogna su cui si basava l’idea politica di una risoluzione unilaterale e forzata del conflitto, costringendo noi e i nostri bambini ad accettare la cittadinanza e a giurare fedeltà al regime che ci odia.

Per più di tre decenni abbiamo difeso con tutte le nostre forze il diritto dei nostri figli alla pace e al libero sviluppo. Ci siamo opposti agli accordi politici che ci sono stati offerti a scapito del nostro diritto sovrano di vivere nella nostra Patria, conquistato a costo di vite umane e di enormi sacrifici di molte generazioni durante i lunghi secoli di lotta per preservare la nostra dignità e identità nazionale. E questa lotta non è finita. Siamo fiduciosi che riconquisteremo la nostra Patria con il potere della verità e della giustizia.

Per coloro che pensano che il mondo possa essere governato dalla menzogna e dalla forza bruta, ripetiamo quanto segue:

La Repubblica del Nagorno Karabakh (NKR) è stata proclamata il 2 settembre 1991 dalle legittime autorità della Regione Autonoma del Nagorno Karabakh (NKAO) e della Regione Shahumyan della Repubblica Sociale Sovietica dell’Azerbaigian, quando le autorità di quest’ultima annunciarono la loro decisione di secedere. dall’URSS. La Dichiarazione politica sulla proclamazione dell’NKR si basava sulle norme giuridiche della legge sovietica allora in vigore e sulla volontà del popolo dell’Artsakh, espressa in un referendum nazionale.

Il nostro diritto all’autodeterminazione fu riconosciuto anche dalle autorità della Russia sovietica e dell’Azerbaigian nel 1920, e divenne la base per la creazione della Regione Autonoma del Nagorno-Karabakh nel 1923, fu sancito nella costituzione dell’URSS, la costituzione dell’Azerbaigian Repubblica Socialista Sovietica e la sua legge “Sulla NKAO”, ed è stata preservata nella Legge “Sulla procedura di secessione della Repubblica Sovietica dall’URSS” del 3 aprile 1990, e si basa anche sulla Carta delle Nazioni Unite e sul Patto Internazionale sulla Diritti civili e politici del 1966.

Il referendum del 10 dicembre 1991 ha confermato che la maggioranza assoluta degli elettori ha sostenuto la decisione di dichiarare l’indipendenza della nostra Repubblica. Il parlamento legittimo, eletto secondo standard democratici e in condizioni di assedio genocida e aggressione armata, ha adottato il 6 gennaio 1992 la Dichiarazione di Indipendenza della Repubblica del Nagorno Karabakh, Artsakh. Migliaia di nostri connazionali hanno pagato con la vita questa scelta.

Nel 1992, tutti gli Stati membri della CSCE/OSCE hanno riconosciuto il diritto dei rappresentanti eletti del Nagorno-Karabakh a partecipare alla conferenza internazionale dell’OSCE incaricata di risolvere il conflitto del Nagorno-Karabakh. Con un referendum nel 2006, il nostro popolo ha approvato la Costituzione della Repubblica, che definisce la procedura per l’elezione dei legittimi rappresentanti del Nagorno-Karabakh e i loro poteri; nel 2017, sempre con un referendum, il popolo ha approvato una nuova Costituzione. Questa Costituzione era e rimane l’unico documento fondamentale attraverso il quale i cittadini della nostra Repubblica sono guidati e obbediti di loro spontanea volontà.

Di conseguenza, noi, cittadini della Repubblica dell’Artsakh, nel tentativo di difendere i nostri diritti legali e il diritto di preservare la soggettività della nostra Repubblica, affermiamo che l’autodeterminato Nagorno-Karabakh non ha preso alcuna parte nella formazione del costituzione e autorità dell’autoproclamata Repubblica dell’Azerbaigian e, al contrario, ne ha dichiarato l’indipendenza. Tuttavia, il neonato Azerbaigian non ha nascosto le sue pretese infondate sul Nagorno-Karabakh.

Fu in tali condizioni che la comunità internazionale registrò l’esistenza di disaccordi sullo status del Nagorno-Karabakh, riconoscendo la natura contesa di questo territorio. Armenia e Azerbaigian sono diventati paesi partecipanti alla CSCE/OSCE a condizione che riconoscano l’esistenza di disaccordi sulla questione del Nagorno-Karabakh e concordino che il futuro status del Nagorno-Karabakh venga determinato in una conferenza di pace sotto gli auspici di la CSCE/OSCE. Entrambi gli stati hanno assunto l’obbligo internazionale di risolvere la questione esclusivamente con mezzi pacifici.

Tuttavia, una volta divenuto uno Stato partecipante alla CSCE/OSCE, l’Azerbaigian ha immediatamente violato il suo obbligo internazionale di risolvere pacificamente le controversie. Baku ha usato illegalmente la forza contro l’NKR come territorio conteso per impedire lo svolgimento di una conferenza internazionale per determinare lo status del Nagorno Karabakh. In quelle condizioni, la popolazione del Nagorno-Karabakh ha esercitato il proprio diritto all’autodifesa. L’aggressione armata dell’Azerbaigian nel 1992-1994 portò alla sua sconfitta con significative perdite territoriali. È importante sottolineare che la linea di contatto tra NKR e Azerbaigian è stata riconosciuta a livello internazionale.

Tuttavia, durante i tre decenni del conflitto, nessuno statista, politico o autorità legale internazionale ha risposto a una semplice domanda: perché l’Azerbaigian e altri Stati che hanno riconosciuto legalmente l’obbligo di seguire lo stato di diritto come principio fondamentale della loro statualità, possono prescindere dall’obbligo di rispettare il diritto all’autodeterminazione del Nagorno Karabakh e dal principio di non uso della forza, entrambi derivanti da tale principio fondamentale?

Questa circostanza ha permesso all’Azerbaigian di mantenere nel suo arsenale politico la strategia di annessione del Nagorno Karabakh attraverso l’espulsione forzata dei suoi popoli indigeni. La politica aggressiva dell’Azerbaigian non ha ancora ricevuto la dovuta condanna internazionale. Gli attori internazionali, contrariamente ai loro obblighi internazionali di assumersi la responsabilità di proteggere la popolazione dal genocidio (Responsabilità di proteggere), purtroppo, non hanno prestato la dovuta attenzione agli avvertimenti contenuti nella Dichiarazione del Parlamento dell’Artsakh del 27 luglio 2023 sui più gravi le gravi minacce esistenziali che affliggono la popolazione dell’Artsakh, non hanno impedito le azioni criminali dell’Azerbaigian, che ha commesso un’altra aggressione militare contro l’NKR nel settembre 2023 ed ha completamente espulso la popolazione armena indigena dell’Artsakh dalla loro patria storica.

Va ricordato che dopo la conclusione della tregua il 9 novembre 2020, il presidente dell’Azerbaigian ha dichiarato che il problema del Nagorno Karabakh non esiste più e che tutti devono fare i conti con le conseguenze della seconda guerra del Karabakh. Nel tentativo di cambiare l’essenza del conflitto, l’Azerbaigian ha introdotto nel suo vocabolario diplomatico una falsa narrativa dell’“occupazione armena delle terre azerbaigiane”, attraverso la quale tenta di mettere a tacere le legittime preoccupazioni sulla sua aggressiva politica genocida.

Non intendiamo compromettere i nostri principi, le nostre convinzioni e i nostri diritti in relazione alla nostra Patria, né di fronte alla forza, né sotto la minaccia di distruzione, né in esilio, né in qualsiasi altra circostanza politica.

L’intero mondo civilizzato si trova oggi di fronte a una scelta: o ripristinare l’ordine internazionale nel Nagorno Karabakh, basato sul rispetto del diritto all’autodeterminazione e degli altri diritti e libertà dei popoli e dei diritti umani, oppure accettare che il blocco, l’aggressione armata, Il genocidio e l’occupazione sono modi legittimi per risolvere i conflitti.

Oggi i leader di molti stati parlano della necessità del ritorno degli armeni nel Nagorno-Karabakh. Tuttavia, crediamo che per il ritorno pacifico, sicuro e dignitoso e la vita del nostro popolo nella loro patria siano necessarie le seguenti indiscutibili condizioni:

Innanzitutto escludiamo il ritorno dei cittadini della Repubblica dell’Artsakh nella giurisdizione dell’Azerbaigian. Le forze armate, la polizia e l’amministrazione azera devono essere completamente ritirate dal territorio della Repubblica dell’Artsakh, compresa la regione di Shahumyan, dove anche l’Azerbaigian ha la piena responsabilità della pulizia etnica del 1992.

In secondo luogo, le forze multinazionali internazionali di mantenimento della pace delle Nazioni Unite dovrebbero essere dispiegate lungo tutto il confine della Repubblica dell’Artsakh e dovrebbe essere creata una zona smilitarizzata.

In terzo luogo, il Corridoio Lachine, riconosciuto a livello internazionale, dovrebbe essere completamente trasferito sotto il controllo e la gestione delle Nazioni Unite.

In quarto luogo, il territorio della Repubblica dell’Artsakh dovrebbe essere consegnato al controllo delle Nazioni Unite per garantire le condizioni per il ritorno di tutti i rifugiati, la formazione di istituzioni democratiche e legali e il ripristino dell’economia. Tutti i rifugiati devono avere pari status, pari diritti ed essere soggetti alle regole comuni del periodo transitorio fino a quando non si terrà un referendum per confermare lo status politico finale del Nagorno-Karabakh, il cui risultato sarà legalmente riconosciuto da tutti gli Stati.

In quinto luogo, dovrebbe essere completamente esclusa la possibilità di procedimenti penali da parte dell’Azerbaigian nei confronti di cittadini della Repubblica dell’Artsakh per qualsiasi accusa durante l’intero periodo del conflitto. Tutti gli armeni arrestati e già condannati in Azerbaigian devono essere rilasciati immediatamente. Siamo pronti a riconoscere la competenza di un tribunale internazionale per indagare su ogni crimine di guerra di cui sono accusati i nostri cittadini, a condizione che allo stesso modo questo tribunale affronti anche tutti i crimini di guerra commessi dai cittadini dell’Azerbaigian e dai suoi mercenari.

Siamo pronti a fare del nostro meglio per contribuire al raggiungimento di una soluzione pacifica al conflitto, che sarà basata sul pieno rispetto del diritto all’autodeterminazione e degli altri diritti umani e libertà dei popoli riconosciuti a livello internazionale.”

I destinatari dell’appello sono: il Segretario generale dell’ONU, il Consiglio di sicurezza dell’ONU, il Presidente in esercizio dell’OSCE, i copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE, il Consiglio d’Europa (Segretario generale, Presidente dell’Assemblea parlamentare , Presidente del Comitato dei Ministri), il Presidente del Consiglio europeo, il Presidente del Parlamento europeo, il Segretario generale della CSI, il Segretario generale della CSTO e il Segretario generale della NATO.          

 Dicembre 10, 2023       Da Iniziativa Italiana per il Karabakh

A cura di Enrico Vigna, IniziativaMondoMultipolare/CIVG

Enrico Vigna

Enrico Vigna

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti