Morto in un incidente aereo testimone nel processo per corruzione di Netanyahu

Morto in un incidente aereo testimone nel processo per corruzione di Netanyahu

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"A pensar male si fa peccato ma quasi sempre si indovina."

Quando muore in circostanze come queste un testimone in un processo per corruzione di un capo di governo come non citare una delle frasi più famose di Giulio Andreotti.

I fatti si svolgono in Israele, ergo, nessun media occidentale metterà in dubbio la dinamica dei fatti. Nelle democrazie, proprio come quella di Tel Aviv non c'è spazio per crimini come questi. Siamo sarcastici naturalmente.

Andiamo ai fatti, quantomeno torbidi.

Come riportato dai media israeliani, Haim Garon, testimone nel processo dove è incriminato l'ex primo ministro del regime israeliano Benjamin Netanyahu, è morto in seguito allo schianto del suo aereo mentre volava al largo dell'isola di Samos in Grecia, al largo della costa della Turchia.

Garon, ex vicedirettore del Ministero delle comunicazioni, è stato testimone dell'accusa nel caso 4000, che indaga su  Netanyahu per abuso dei suoi poteri quando è stato capo del governo e ministro delle comunicazioni tra il 2014 e il 2017.  La sua testimonianza si è concentrata su problemi normativi con questo caso.

Tuttavia, la causa dell'incidente aereo, un Cessna 172 che operava da un piccolo aeroporto di Haifa, rimane sconosciuta, ma l'incidente sarebbe avvenuto a causa di presunte "difficoltà tecniche" prima dell'atterraggio.

I rapporti specificano che l'aereo è scomparso dallo schermo dei controllori del traffico aereo alle 20:00 (ora locale) e, dopo un po', è apparso chiaro che l'aereo si era schiantato prima di raggiungere la sua destinazione.

Netanyahu è sotto processo per tre casi di corruzione, frode e violazione della fiducia conosciuti come 4000, 2000 e 1000; uno di questi casi riguarda l'  aver ricevuto regali come gioielli da personaggi facoltosi.

L'ex primo ministro del regime sionista è accusato di aver utilizzato la sua posizione per avvantaggiare in modo illecito e molto redditizio gli interessi commerciali di Shaul Elovitch, azionista di maggioranza della società di telecomunicazioni Bezeq. In cambio, Elovitch avrebbe fornito a Netanyahu e alla sua famiglia una copertura positiva sul portale di notizie Walla di proprietà di Elovitch, consentendo persino ai soci e ai familiari dell'allora primo ministro di dettare regolarmente contenuti editoriali e politici.

Nel maggio 2020, Geron, avvocato, ha parlato della testimonianza che aveva reso nel processo a Netanyahu e spiegò che era collegata allo sviluppo dell'infrastruttura in fibra ottica del paese, all'industria delle comunicazioni e ai servizi telefonici. Alla domanda se avesse assistito a qualsiasi attività criminale nel ministero, Geron rispose che "il tribunale è l'unico che può determinare se qualcosa è criminale o meno".

L'ex leader del regime di Tel Aviv ha lasciato la sua residenza ufficiale a luglio, un mese dopo essere stato estromesso dal potere, il 13 giugno, dopo un voto di fiducia al parlamento a favore di una nuova coalizione guidata da Naftali Bennett.

Una vicenda che lascia molti interrogativi. Speriamo che ci sia qualcuno che almeno sollevi qualche dubbi su questa morte, le cui cause al momento sono alquanto vaghe, troppo, per non scaturire sospetti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti