Macron annuncia il ritiro dell’ambasciatore e delle truppe francesi dal Niger

Macron annuncia il ritiro dell’ambasciatore e delle truppe francesi dal Niger

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Macron annuncia il ritiro dell’ambasciatore e delle truppe francesi dal Niger

La Francia ha deciso di ritirare il suo ambasciatore e i suoi diplomatici dal Niger a causa delle tensioni tra le nuove autorità nigerine e il paese europeo. La decisione è stata annunciata, ieri, dal presidente francese Emmanuel Macron.

"Nelle prossime ore, il nostro ambasciatore in Niger ritornerà in Francia insieme al personale diplomatico", ha dichiarato il leader francese. Macron ha aggiunto che il ritiro dei soldati francesi "sarà organizzato nelle prossime settimane" ed entro la fine dell'anno la presenza militare francese in Niger terminerà.

"Non siamo qui per essere ostaggio dei golpisti", ha affermato. Il presidente ha indicato che la Francia continuerà ad aiutare i paesi del continente africano nella lotta contro il terrorismo, ma solo "ai governi democraticamente eletti".

Secondo Macron “i golpisti sono amici del disordine”, ma la Francia non può più intervenire negli affari interni dei Paesi africani. "L'Africa francese non esiste più", ha ricordato.

  • Le relazioni tra Niger e Francia si sono deteriorate rapidamente negli ultimi tempi. Macron ha ribadito che Parigi non riconosce il potere della giunta militare che attualmente governa il Paese africano.
  • Allo stesso modo, all'inizio di settembre, il presidente francese ha precisato che un'eventuale ridistribuzione delle truppe francesi in Niger avverrà solo su richiesta del deposto presidente del paese, Mohamed Bazoum.
  • Ieri la giunta militare del Niger ha vietato agli aerei francesi di utilizzare il suo spazio aereo.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti