López Obrador ribadisce la sua offerta di asilo politico ad Assange in Messico

 López Obrador ribadisce la sua offerta di asilo politico ad Assange in Messico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, ha dichiarato oggi che chiederà al suo omologo statunitense, Joe Biden, di occuparsi del caso dell'attivista Julian Assange in modo che possa essere graziato.

"Chiederò al presidente Biden di affrontare questo problema. Sono consapevole che sta andando contro i gruppi duri e severi, che esistono negli Stati Uniti come in tutti i paesi, ma deve prevalere anche l'umanesimo. Il Messico apre le porte ad Assange nel caso in cui si decida di liberarlo. Ci sono dei meccanismi per farlo", ha spiegato López Obrador durante la sua conferenza mattutina. 

Le osservazioni del presidente messicano arrivano pochi giorni dopo che il governo britannico ha approvato l'estradizione del fondatore di WikiLeaks negli Stati Uniti, dove dovrà affrontare accuse di spionaggio che potrebbero portarlo fino a 175 anni di prigione.

“È stato imprigionato per molti anni. Speravo che la giustizia nel Regno Unito lo proteggesse. Tuttavia, è stato molto riprovevole che lo abbiano mandato negli Stati Uniti, condannandolo a vivere per tutta la vita in carcere, perseguitato. Allora, che dire delle libertà? Rimuoveremo la Statua della Libertà da New York? Continueremo a parlare di democrazia, tutela dei diritti umani, libertà di espressione?" ha lamentato. 

Per López Obrador, Assange è il "miglior giornalista" di questa generazione. Inoltre, ha approfittato della conferenza mattutina per mostrare parte di un video pubblicato da WikiLeaks sull'assassinio di civili durante l'intervento statunitense in Iraq. 

"È il miglior giornalista del nostro tempo, al mondo. Ed è stato trattato in modo molto ingiusto. Peggio di un criminale. Questo è un peccato per il mondo, il trattamento che è stato riservato a questo giornalista. Molti non sanno cosa ha fatto [Assange]. È stata un'indagine non ortodossa. Raccoglieva i cablogrammi, i rapporti delle ambasciate statunitensi dove si parlava di atti di interventismo e di crimini commessi, di flagranti violazioni dei diritti umani... Non solo testi, ma immagini", ha precisato. 

D'altra parte, López Obrador ha ritenuto che l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) dovrebbe pronunciarsi sul caso del giornalista e ha ricordato che alla fine del mandato dell'allora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva chiesto la grazia di Assange.

"Nel caso di Julian Assange, noi, in effetti, alla fine del governo di Donald Trump, abbiamo chiesto che fosse liberati, perché prigioniero di coscienza, è stato trattato ingiustamente. Il suo reato, tra virgolette, è stato quello di denunciare gravi le violazioni dei diritti umani nel mondo e, inoltre, l'ingerenza del governo statunitense negli affari interni di altri paesi, questo è ciò che ha fatto Assange", ha concluso il presidente. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti