Londra ha pagato ingenti tangenti per nascondere accordo sulle armi con Riad

Londra ha pagato ingenti tangenti per nascondere accordo sulle armi con Riad

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Alle volte lo scempio è così grande che anche per il mainstream è difficile occultare le notizie scomode per i governi.

Così, emerge uno scandalo di tangenti in Gran Bretagna per il pagamento di armi all’Arabia Saudita, risalente sì a doversi anni fa, ma che inquadra lo scenario di stretta alleanza tra Londra e Riad che hanno contributo a disintegrare lo Yemen e la sua popolazione.

Ian Winter QC, un avvocato del Serious Fraud Office (SFO), ha rivelato, ieri, alla Southwark Crown Court di Londra che il governo britannico ha garantito "ogni centesimo" di pagamento per assicurarsi il lucroso contratto, risalente alla fine degli anni '70.

Il giurista ha sottolineato che lo stesso "Ministero della Difesa ha effettivamente chiesto che questi pagamenti fossero effettuati" e che gli accordi erano in vigore da decenni, mentre i pagamenti ammontavano a oltre 60 milioni di sterline.

Il principe Miteb , figlio del defunto re saudita Abdullah bin Abdulaziz, è stato uno degli alti funzionari che ha ricevuto la tangente per questo accordo tra governi, secondo questa rivelazione.

L'avvocato ha descritto la struttura di questo accordo come un "violino" che ha permesso a entrambe le parti di "rinunciare a qualsiasi conoscenza [dei pagamenti]".

Winter rappresenta Jeffrey Cook, ex CEO della società britannica GPT Special Project Management, che aveva svolto il ruolo di appaltatore privato, è accusato di corruzione tra il 2004 e il 2008. 

Questa rivelazione arriva in un momento in cui il Regno Unito è accusato di prolungare la crisi umanitaria in Yemen vendendo armi a Riad. Diverse organizzazioni umanitarie hanno ripetutamente invitato il Regno Unito e gli Stati Uniti a interrompere l'esportazione di armi.

Il quotidiano britannico The Independent, citando un'indagine esplosiva della Campaign Against the Arms Trade (CAAT), ha rivelato il 14 luglio 2021 che la spedizione di armi da parte del Regno Unito a Riad dall'inizio della brutale campagna militare saudita contro lo Yemen nel 2015, era molto più alto di quanto riportato ufficialmente. Secondo alcune inchieste, ammontano a 20 miliardi di sterline le armi inviate dalla Gran Bretagna all’Arabia Saudita dall’inizio della guerra allo Yemen.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi? di Savino Balzano Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

L'attacco al salario e il golpe del 1992 di Pasquale Cicalese L'attacco al salario e il golpe del 1992

L'attacco al salario e il golpe del 1992

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti