Lo psicologo Luigi Sorrentino: "Neuromarketing e necrofilia. Così i media manipolano il nostro inconscio"

Lo psicologo Luigi Sorrentino: "Neuromarketing e necrofilia. Così i media manipolano il nostro inconscio"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giulia Bertotto

Il dottor Luigi Sorrentino, psicologo e psicoterapeuta di formazione strategica, collabora con L’AntiDiplomatico da dieci anni ed è infatti con la Casa Editrice LAD EDIZIONI che ha pubblicato il suo saggio “Il Codice della narrazione globale. La soggettività dell’uomo nell’era dello storytelling” (2023).


Il problema che Sorrentino denuncia con efficacia è la deriva del branded content, sponsorizzazioni ingannevoli che occultano il prodotto ed esaltano il coinvolgimento emotivo, in un processo di profondissima sinapsi-manipolazione che agisce sull’inconscio come denuncia anche il filosofo coreano B. C. Han nel suo Infocrazia. Se queste tecniche pubblicitarie vengono estese alla politica, spiega Sorrentino, abbiamo la propaganda; ma esse si spingono ancora oltre, fino ad orientare lo stile di vita comportando il condizionamento di aspetti molto personali come la sessualità, l’educazione dei figli, la salute e le terapie scelte, la dieta...per mezzo della comunicazione deliberatamente ammalata, della demonizzazione del dissenso, della perdita del mito, del sequestro del futuro. L’azione distruttiva di questo neuro-marketing, colpisce soprattutto i giovani, i “nativi digitali”. Coloro che più consumano, coloro che più sono vulnerabili perché alla ricerca di sé stessi.

Psicologia del marketing, psicologia sociale e psicologia profonda si intrecciano in maniera armoniosa in questo saggio agile ma ricco: archetipi senza tempo e meccanismi attualissimi trattati in maniera semplice ma non banale.


L'INTERVISTA


Dottor Sorrentino, lei recupera la relazione freudiana tra narcisismo patologico, nostalgia (non quell’emozione romantica, necessaria alla memoria e all’appartenenza, ma morbosa che blocca il processo di costruzione del futuro e di elaborazione del lutto) e necrofilia. La Triade delle tre N., nostalgia-narcisismo-necrofilia. Pare esserci una contraddizione nella nostra società: il rimpianto del passato ma anche l’esaltazione del progresso, di ciò che verrà, col pregiudizio che sarà di certo migliore.

Prima del Novecento il grande tabù era il sesso, poi è diventato la morte. Eppure la morte è ovunque: i nostri film e serie Tv dicono “fare sesso” invece di “fare l’amore”, ecco già la morte! Si cerca di uccidere tutto ciò che è vivo nella musica, nell’arte, nelle tradizioni, nella vita comunitaria. E’ tipico dell’amore per la morte -sentiamo tutta la forza del paradosso- l’attaccamento ad oggetti del passato; questo è sano quando si è in fase di elaborazione del lutto, ma non lo è se restiamo fermi per tutta la vita ad un successo universitario o ad un amore adolescenziale. Questo accade perché il futuro è carico di insicurezze, e genera il narcisismo tipico della necrofilia; insomma, il terrore della morte genera la mania mortifera. Un aspetto sociale incisivo da non sottovalutare. Il nuovo marketing approfitta di questo, lo vediamo su Netflix ad esempio, su gadget e magliette. Queste sofferenze appartengono alla sfera privata ma la nostra società le alimenta in un circolo vizioso. Lo smartphone e al reperibilità continua aumentano l’ansia e l’illusione del controllo. Voglio dare una buona notizia, non controlliamo alcunché, ma possiamo esprimere tutta la nostra creatività e soggettività.


Infatti, tiriamo fuori gli antidoti. Secondo lei sono la soggettività, il contatto con la natura e con gli altri. Per soggettività lei intende l’esperienza unica e irripetibile di sé che non può essere alienata. Il filosofo Mazzarella propone infatti l’eros inteso come sentire, l’approccio per mezzo dei sensi dell'esperienza vissuta e viva come argine alla digitalizzazione. L’azione politica nel suo senso più alto è invece vana secondo lei?

Credo che l’azione politica, cioè collettiva, possa scaturire solo dalla scelta spontanea dei singoli, dal Coro di solisti, espressione che ho sentito ad un concerto e che è rimasta una guida per me. La disobbedienza non può che nascere spontanea nell’individuo, poi può essere orchestrata, ma non può nascere per volontà partitica, la storia ci ha dimostrato che non ha mai funzionato e che anche qui poi prende piede il narcisismo, la violenza, la degenerazione della rivoluzione. Non sto dicendo che dovremmo lasciarci andare all’individualismo, ma che ciascuno deve ritrovare la responsabilità personale delle proprie azioni. Ognuno deve partire da sé stesso, altrimenti si tratta di un coro di automi, di branco senza personalità. Se invece i singoli si ribellano ad uno ad uno altri faranno lo stesso, lo faranno con il cuore e la convinzione. E anche questo sarà un effetto spontaneo e non orientato e cioè fallimentare.

L’assassinio di Giulia Cecchettin ha colpito molto l’opinione pubblica, e i media, le associazioni e i partiti, servendosi anche delle tecniche spiegate da lei, hanno cavalcato l’onda del coinvolgimento emotivo dividendosi tra l’attribuire la colpa al patriarcato (causa sociale) e alla malattia mentale (causa individuale). Il filosofo Cacciari ha spiegato che il patriarcato è tramontato da un pezzo e ovviamente è stato attaccato. Lei, in quanto studioso delle dinamiche della comunicazione e psicoterapeuta cosa può dirci?

Si può rispondere a questa domanda dal punto di vista letterario-mitico, affermando che le tragedie sono sempre accadute, prendiamo Medea per esempio, perché il tragico è inscindibile dalla dimensione umana. Per questo torno a ribadire che è fondamentale leggere i classici, soffermarsi sulla poesia, integrare il tragico. Invito vivamente a leggere Eric Fromm, che non è uno “scrittore” come ci racconta la vulgata, ma uno dei più grandi psicanalisti del Novecento, ma anche C. G.Jung e J. Hillman.


ACQUISTA IL CODICE DELLA NARRAZIONE GLOBALE




Non sappiamo se questo sia il caso delle persone coinvolte in questo delitto, ma anche Hillman può darci a darci una chiave interpretativa, con la sua “sfumatura della gerarchia”: la figura del padre assente o ridicolizzato. La gerarchia famigliare è stata da tempo minata e assediata, e il Pater ha perso rispetto dentro la sua casa, magari da padre-padrone è passato a padre preso in giro, svilito. Il figlio che non rispetta il genitore non rispetta il professore, le forze dell’ordine, le istituzioni, il collega o la moglie. Chi non rispetta una donna sicuramente non rispetta davvero neanche gli uomini, gli amici, la natura o lo sconosciuto, perché in quella persona non c’è il senso stesso del rispetto. Questo per quanto riguarda la psiche profonda.
Però possiamo rispondere anche mediante la lente sociologica usata nel Codice: da ciò che sappiamo si tratta di una giovane coppia, nella quale lui non sopporta la separazione e il rifiuto. Vediamo qui l’incapacità di tollerare la frustrazione, la nostalgia nel suo senso patologico, e l’atteggiamento necrofilo di cui abbiamo parlato sopra. Scorgiamo anche la difficoltà a reggere qualsiasi ferita narcisistica, qualsiasi “figuraccia”, sconfitta, scheggiatura della propria immagine e dell’ego, come appunto l’essere lasciati. E infatti non siamo più adulti, ma dipendenti come bambini, siamo la società della dipendenza. Soggettività e creatività sono la forza per diventare adulti, perché ciascuno diventi sé stesso.

 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti