ll Nagorno-Karabakh annuncia la cessazione dell'esistenza della Repubblica non riconosciuta - dichiarazione

ll Nagorno-Karabakh annuncia la cessazione dell'esistenza della Repubblica non riconosciuta - dichiarazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Repubblica del Nagorno-Karabakh cesserà di esistere dal 1° gennaio 2024. Il Presidente della Repubblica non riconosciuta Samvel Shahramanyan ha firmato un decreto che scioglie tutte le istituzioni statali.

Nel decreto, Shahramanyan ha fatto riferimento alla difficile situazione politico-militare che si è venuta a creare. "Sulla base della priorità di garantire la sicurezza fisica e gli interessi vitali del popolo del Karabakh, tenendo conto dell'accordo raggiunto con la mediazione del comando del contingente di pace russo con i rappresentanti dell'Azerbaigian, che assicura il passaggio libero, volontario e senza ostacoli dei residenti del Nagorno-Karabakh, compresi i militari che hanno deposto le armi, con i loro beni sui loro veicoli lungo il corridoio di Lachin .... ... è stata presa una decisione: sciogliere tutte le istituzioni statali e le organizzazioni sotto la loro subordinazione dipartimentale fino al 1° gennaio 2024, e la Repubblica del Nagorno-Karabakh (Artsakh) cessa di esistere", si legge nel decreto riportato oggi da Sputnik.

"La popolazione del Nagorno-Karabakh, compresa quella esterna alla Repubblica, dopo l'entrata in vigore del presente decreto, dovrà familiarizzare con le condizioni di reintegrazione presentate dalla Repubblica dell'Azerbaigian, al fine di prendere una decisione indipendente e individuale sulla possibilità di rimanere (tornare) nel Nagorno-Karabakh", si legge nel decreto.

Il decreto entra in vigore immediatamente dopo la pubblicazione. La scorsa settimana, Baku ha annunciato l'avvio di "attività antiterroristiche locali" nella regione separatista del Nagorno-Karabakh, finalizzate a "ripristinare l'ordine costituzionale". Erevan ha descritto l'operazione come un'aggressione contro la popolazione del Nagorno-Karabakh e ha ribadito di non avere alcuna presenza militare nella regione contesa. Il giorno successivo, l'Azerbaigian e i rappresentanti degli armeni del Nagorno-Karabakh hanno concordato una completa cessazione delle ostilità con la mediazione delle forze di pace russe.

Il 21 settembre, nella città azera di Yevlakh, i rappresentanti degli armeni del Karabakh hanno incontrato la delegazione dell'Azerbaigian per discutere della reintegrazione della regione nella repubblica. Il Ministero della Difesa russo ha dichiarato il 22 settembre che le unità armate del Karabakh hanno iniziato a consegnare armi ed equipaggiamento militare sotto il controllo delle forze di pace russe.

L'assistente presidenziale azero Hikmet Hajiyev ha dichiarato il 22 settembre che la reintegrazione degli armeni del Karabakh nella vita economica, politica e sociale dell'Azerbaigian sarà difficile e alcuni potrebbero decidere di andarsene. Il presidente azero Ilham Aliyev, in occasione di un incontro con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan il 25 settembre, si è detto fiducioso sul successo finale. 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti