Liberata con la figlia, una donna israeliana lascia una lettera ad Hamas

Liberata con la figlia, una donna israeliana lascia una lettera ad Hamas

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Danielle Aloni e sua figlia Emilia di 5 anni sono state tenute in ostaggio da Hamas per 49 giorni nella Striscia di Gaza assediata.

In base all’accordo per il cessate il fuoco tra Israele e Hamas, mediato dal Qatar, Danielle ed Emilia sono state rilasciate venerdì scorso.

Danielle, prima di lasciare Gaza, ha scritto una lettera ad Hamas: “Vi ringrazio dal profondo del mio cuore per la vostra straordinaria umanità dimostrata nei confronti di mia figlia Emilia".

Il braccio armato di Hamas, le Brigate al Qassam, ieri, hanno pubblicato la lettera sul loro canale Telegram alle ore 17:49 ora italiana.

Originariamente scritta in ebraico, la lettera è stata accompagnata da una traduzione in arabo, con una foto che ritraeva madre e figlia.

Si legge nella lettera scritta a mano in ebraico: "Lei (Emilia) riconosce di sentirsi come se tutti voi foste suoi amici, non solo amici, ma veramente buoni e gentili".

Danielle ha ringraziato anche per l’assistenza e le cure ricevute: "Grazie per le molte ore trascorse come badanti".

Ha inoltre ribadito che sua figlia non solo ha legato con i combattenti di Hamas, ma si è anche sentita una regina.

"I bambini non dovrebbero essere in prigione, ma grazie a voi e alle altre persone gentili che abbiamo incontrato lungo la strada, mia figlia si è sentita una regina a Gaza".

“Nel lungo viaggio che abbiamo fatto, non abbiamo incontrato nessuno che non sia stato gentile con lei, l'avete trattata con gentilezza e compassione", ha aggiunto.

Aloni ha mostrato comprensione per Hamas con queste parole: "Ricorderò il vostro comportamento gentile dimostrato nonostante la difficile situazione che avete affrontato e le gravi perdite che avete subito qui a Gaza".

Ha concluso la sua lettera con un auspicio di pace: "Vorrei che in questo mondo potessimo essere davvero buoni amici", oltre a fare i suoi auguri ai palestinesi: "Auguro a tutti voi salute e benessere... salute e amore a voi e ai figli delle vostre famiglie".



AGGIORNAMENTO

Sulla spontaneità della lettera sono stati sollevati giuste critiche e dubbi. In particolare rimandiamo a questo articolo del New York Post per un'informazione completa che riporta la testimonianza del cugino della donna.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti