Lavrov: "Ci auguriamo ancora che l'Europa diventi uno dei poli del mondo multipolare. Deve prima rendersi indipendente dagli Usa"

Lavrov: "Ci auguriamo ancora che l'Europa diventi uno dei poli del mondo multipolare. Deve prima rendersi indipendente dagli Usa"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov nel suo intervento di oggi al forum Primakov Readings, ha denunciato che l'Occidente sta cercando di destabilizzare i mercati energetici e alimentari e di controllare le risorse naturali dei paesi per consolidare la propria egemonia.

Durante il suo discorso, Lavrov ha affermato che “il mondo sta cambiando e si sta muovendo verso il multipolarismo” e che vedendo l'equilibrio di potere sulla scena mondiale continuare a spostarsi e non a loro favore l'Occidente, collettivamente, guidato dagli Stati Uniti, è molto determinato a mantenere la sua posizione dominante.

"Stabilire un mondo multipolare come quadro universalmente accettato per il lavoro futuro della comunità internazionale richiede un lungo periodo storico", ha riconosciuto.

A tal proposito, ha annunciato che i BRICS potrebbero diventare un gruppo che riunisce 15-17 stati se tutti coloro che vogliono entrare nel blocco economico-commerciale saranno accettati.

“C'è un'intera fila di stati che chiedono la piena adesione. Se tutte le domande verranno accolte, i cinque Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica diventeranno tra i 15 e i 17 paesi, come dimostrato al vertice Brics di giugno."

Sulla NATO ha evidenziato che non ha raggiunto i suoi obiettivi e la sua politica ostile non è diretta solo contro la Russia ma anche contro altri paesi.

L'Alleanza non solo rivendica il dominio in Europa, ma anche nella regione indo-pacifica per cercare di mettere l'India contro la Cina, ha lamentato.

D'altra parte, il capo della diplomazia russa ha ricordato che l'Occidente ha stretto un accordo con i nazisti ucraini per sradicare tutto ciò che è russo.

Siria vittima della "primavera araba"

Secondo il ministro degli Esteri russo, la Siria è stata vittima della cosiddetta "primavera araba", e in questo gli Stati Uniti e l'Europa hanno svolto un ruolo importante.

“I terroristi si sentono al sicuro nelle aree illegalmente controllate dagli Stati Uniti in Siria", ha denunciato, aggiungendo che Mosca continuerà i suoi sforzi per preservare la sovranità, l'unità e l'indipendenza dei territori siriani e impedire l'attuazione di qualsiasi agenda separatista.


La visione russa del mondo multipolare include l'UE come partner paritario

Lavrov ha spiegato che la Russia vorrebbe che l'UE fosse parte paritaria di un mondo multipolare, ma in questo caso non deve dipendere al 100% dagli Stati Uniti,.

"Certo, vorremmo che l'UE fosse uno dei poli del nuovo mondo multipolare, ha ancora tutte le opportunità per farlo. <...> L'Unione europea potrà partecipare equamente a questi processi quando si renderà conto che non deve dire 'Sono d’accordo' agli Stati Uniti il 100% delle volte".

"Ma India, Brasile, Paesi del Golfo Persico, associazioni regionali in Africa e America Latina hanno più motivi per far parte del mondo multipolare, in parti uguali, rispetto all'Ue", ha precisato.

Lavrov ha avvertito che l'Europa ha interessi che non coincidono con quelli degli Stati Uniti e che l'Europa non può difendere quegli interessi. Secondo lui, la visita del presidente francese Emmanuel Macron a Washington lo conferma.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente