La fonte dei “bambini decapitati” è un leader dei coloni che ha incitato rivolte per “spazzare via” un villaggio palestinese

La fonte dei “bambini decapitati” è un leader dei coloni che ha incitato rivolte per “spazzare via” un villaggio palestinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Con un lavoro di inchiesta giornalistica, "The Gray Zone" ha scoperto chi è la “fonte” della non notizia dei bambini decapitati (smentita adesso dallo stesso esercito israeliano) e rilanciata addirittura da Biden ieri (prima che un suo collaboratore ha dovuto grottescamente smentire il suo presidente al Washington Post).

Un semplice lavoro di inchiesta che è mancato ai nostri giornali mainstream che hanno solo fatto da megafono con l’obiettivo di coprire il massacro in corso a Gaza.

Di seguito la traduzione dell’inchiesta di The Gray Zone….

-------------


di Max Blumenthal e Alexander Rubeinstein - The Gray Zone


Dopo che un soldato di riserva israeliano di nome David Ben Zion ha dichiarato a un giornalista che i militanti palestinesi “tagliavano le teste dei bambini”, Biden, Netanyahu e i media internazionali hanno amplificato la dubbia affermazione.

The Grayzone ha identificato Ben Zion come un leader estremista dei coloni che ha incitato rivolte, chiedendo che una città palestinese fosse “spazzata via”.

Uno protesta internazionale è esplosa quando il Ministero degli Esteri israeliano ha annunciato che i militanti palestinesi della Striscia di Gaza assediata avevano ucciso 40 “bambini” e ne avevano decapitati molti durante un’incursione a Kfar Aza, un kibbutz al confine di Gaza. Il presidente Joseph Biden ha ripetuto la provocatoria affermazione durante un discorso al Rose Garden della Casa Bianca, mentre le reti di tutto l’Occidente hanno riportato la storia senza uno straccio di esame critico.

Secondo il corrispondente della CNN Nic Robertson, citando apparentemente fonti militari israeliane, i militanti palestinesi hanno effettuato “esecuzioni in stile ISIS”, in cui “tagliavano la testa a persone”, compresi neonati e animali domestici.

The Grayzone ha ora identificato una fonte chiave della denuncia secondo cui i militanti palestinesi avrebbero decapitato i bambini israeliani. Si tratta di David Ben Zion, un vice comandante dell’Unità 71 dell’esercito israeliano che è anche un leader estremista dei coloni che all’inizio di quest’anno ha incitato violente rivolte contro i palestinesi nella Cisgiordania occupata.

In un’intervista del 10 ottobre con la giornalista Nicole Zedek della rete i24 sponsorizzata dallo stato israeliano, Ben Zion ha dichiarato: “Abbiamo camminato porta a porta, abbiamo ucciso molti terroristi. Sono molto cattivi. Tagliano teste ai bambini, tagliano teste alle donne. Ma noi siamo più forti di loro”.

Ha aggiunto: “Sappiamo che sono animali”, riferendosi ai palestinesi, “ma abbiamo scoperto che non hanno cuore”.

"They chopped heads of children and women," says David Ben Zion, Deputy Commandee of Unit 71 to our @Nicole_Zedek, while reporting from the massacre in Kfar Aza in southern Israel pic.twitter.com/IHSB0ywMbF

— i24NEWS English (@i24NEWS_EN) October 10, 2023
Ore dopo la sua intervista con i24, sempre nel villaggio di Kfar Aza, si è potuto vedere un Ben Zion in uniforme sorridere ripetutamente da un orecchio all'altro in un video pubblicato sul suo Facebook – una strana disposizione per un presunto testimone della metodica macellazione di bambini.


Quel giorno, Zedek di i24 aveva dichiarato durante un servizio dal vivo da Kfar Aza: "Circa 40 bambini sono stati portati su barelle... Culle rovesciate, passeggini abbandonati, porte spalancate". Il rapporto di Zedek è stato visto decine di milioni di volte su Twitter e condiviso dal Ministero degli Esteri israeliano.

Ore dopo, la giornalista ha precisato la sua dichiarazione, affermando: “I soldati mi hanno detto che credono che siano stati uccisi 40 neonati/bambini. L’esatto numero delle vittime è ancora sconosciuto poiché i militari continuano ad andare casa per casa e a trovare altre vittime israeliane”.

Eppure la storia non verificata si è rapidamente fatta strada fino ai più alti livelli di leadership, come se fosse stata pianificata. Il portavoce del primo ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato inequivocabilmente che neonati e bambini sono stati trovati con le “teste decapitate”, mentre lo stesso presidente Joe Biden ha fatto un vago cenno verso “rapporti sconvolgenti di bambini uccisi”.

Allo stesso modo, le notizie via cavo sono andate in delirio, riportando senza fiato la storia nonostante l’IDF abbia ritirato la sua conferma iniziale.

Nel frattempo, alcuni giornalisti che inizialmente riportavano le accuse ufficiali israeliane sui bambini decapitati hanno iniziato a fornire le proprie qualifiche.

Oren Ziv, un reporter israeliano che si è unito al tour ufficiale militare di Kfar Aza, ha commentato su Twitter: “Ricevo molte domande sulle notizie di ‘bambini decapitati da Hamas’ che sono state pubblicate dopo il tour mediatico nel villaggio. Durante il giro non abbiamo visto alcuna prova di ciò, e nemmeno il portavoce dell’esercito o i comandanti hanno menzionato tali incidenti”.

Allora chi è la fonte dietro questa affermazione esplosiva?




David Ben Zion in un video da un cantiere di costruzione di un insediamento (a sinistra) e alcune ore dopo aver detto a i24 che l'IDF aveva trovato bambini decapitati da Hamas (a destra) Chiede che i palestinesi vengano “annientati”, “non c’è spazio per la misericordia”



David Ben Zion, è un leader del Consiglio regionale di Shomron di 35 insediamenti illegali della Cisgiordania, che quest’anno ha chiesto che il villaggio palestinese di Huwara venga “spazzato via”.

“Basta parlare di costruzione e rafforzamento degli insediamenti”, ha detto Ben David in un post su Twitter il 26 febbraio 2023. La deterrenza che era andata perduta deve ritornare ora, non c’è spazio per la misericordia”.

Ben David è stato citato dai media israeliani quando ha affermato subito dopo: “Il villaggio di Huwara dovrebbe essere spazzato via, questo posto è un covo di terrore e la punizione dovrebbe essere per tutti”, un chiaro appello alla punizione collettiva dei palestinesi.

Il tweet di Ben David ha ricevuto “mi piace” su Twitter dall’allora ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smotrich, una mossa che ha spinto 22 studiosi di diritto a chiedere al procuratore generale di aprire un’indagine sul funzionario per “induzione a crimini di guerra”. Quando in seguito Smotrich fece eco a Ben David, invitando a “spazzare via” Huwara il mese successivo, il Dipartimento di Stato americano condannò la sua retorica definendola “pericolosa”.

Il villaggio di Huwara era all’epoca bersaglio di violenti disordini da parte dei coloni che operavano sotto la sorveglianza di Ben David. In seguito all’assalto dei coloni alla città, che ha provocato l’incendio di decine di case e veicoli, oltre al ferimento dei locali, Hamas ha definito l’attacco una “dichiarazione di guerra”.

Ma l’appello di Ben David alla punizione collettiva a Huwara era ben lungi dall’essere la sua unica imprecazione genocida contro i palestinesi. In effetti, ha utilizzato i suoi account sui social media per invocare ripetutamente crimini di guerra e la “deportazione delle masse [palestinesi]”.

“Il popolo palestinese… [è] un nemico”, ha scritto Ben David nel 2016. “Non possiamo cambiare il suo DNA barbarico”.

Durante la sua fallita campagna per la Knesset israeliana nel 2021 con il partito pro-coloni Jewish Home, Ben David ha descritto la sua missione come segue: “Sono impegnato nel compito di ripristinare la sede politica del sionismo religioso”.


Uno dei leader dell'apocalittico movimento israeliano Tempio

Ben David è stato per anni in prima linea nell’estremismo dei coloni. È stato fotografato nel 2015 (sotto) con in mano un microfono con il fanatico ideologo dei coloni Noam Livnat, un sedicente “messianista di destra radicale”.

Secondo il libro “Assassinio in nome di Dio: il complotto per uccidere Yitzhak Rabin”, l’assassino di Rabin, Yigal Amir, “ammirava particolarmente” Livnat. Nel 2005, Livnat ha guidato un ammutinamento di 10.000 soldati e riservisti dell’IDF contro l’ordine dell’allora primo ministro Ariel Sharon di rimuovere gli insediamenti illegali da Gaza.

Ben David sembra condividere le ossessioni messianiche di Livnat. Nel 2018, ha portato suo nipote alla base della moschea di al-Aqsa, il terzo luogo più sacro dell'Islam, che gli estremisti ebrei hanno cercato di sostituire con un Terzo Tempio. “Perché i musulmani camminano ancora orgogliosi su questa montagna?” ha scritto, aggiungendo “c’è molto lavoro davanti a noi”.

“Israele dovrebbe costruire una Shul (sinagoga) sul Monte del Tempio, seguita da un terzo Tempio. Non abbiamo bisogno del permesso di nessuno", ha scritto un utente di Facebook in risposta alla foto, che a Ben David è piaciuta.

In un altro post dal luogo sacro, Ben David ha scritto che “Il Monte del Tempio non è solo il passato del popolo ebraico ma anche il futuro”. Ha poi esortato i suoi seguaci a fare donazioni a Beyadenu, un'organizzazione i cui membri tentano di macellare lì gli agnelli per il sacrificio.

Anche Ben David sembra condividere l’ossessione di Noam Livnat per la distruzione di Gaza. Alcuni giorni dopo che Israele aveva lanciato l’Operazione Margine Protettivo, il bombardamento di 50 giorni contro Gaza che ha causato la morte di quasi 1.500 civili palestinesi, Ben David ha pubblicato su Facebook una fotografia di se stesso e dei suoi compagni soldati dell’IDF in posa davanti all’artiglieria posizionata per scrivere “Il popolo di Israele vive” in ebraico. “La nazione di Israele è con voi fino alla fine (di Gaza). Amen”, ha risposto un utente di Facebook, con il “mi piace” di Ben David.

Mentre Netanyahu utilizza la dubbia accusa di bambini decapitati per coinvolgere ancora di più i suoi sponsor americani nella sua guerra, le fantasie apocalittiche di Ben David si avvicinano alla loro realizzazione.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti