Josh Holroyd - Palestina: il fallimento della soluzione dei due Stati e l’alternativa comunista

Josh Holroyd - Palestina: il fallimento della soluzione dei due Stati e l’alternativa comunista

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 di Josh Holroyd - INTERNATIONALIST 360° 


Mentre il numero delle vittime a Gaza aumenta vertiginosamente, molti esponenti della sinistra chiedono un cessate il fuoco e negoziati di pace. Ma non può esserci una vera fine all’oppressione palestinese sotto il capitalismo. Per questo diciamo: Intifada fino alla vittoria!

La guerra genocida di Israele contro Gaza sta raggiungendo una fase cruciale. Le immagini terrificanti dei civili massacrati hanno provocato un’ondata di repulsione in tutto il mondo.

Migliaia di persone sono scese in piazza nelle capitali di tutto il Medio Oriente, chiedendo azioni a sostegno di Gaza, mentre  centinaia di migliaia di persone in Occidente hanno protestato contro la complicità dei loro governi nei crimini di Israele.

La TMI sostiene con tutto il cuore questo movimento ed  è completamente solidale con la lotta del popolo palestinese  per la liberazione nazionale e la libertà dall’oppressione imperialista.

Ma sorge subito la domanda: come realizzare la libertà palestinese? E questa domanda richiede una risposta chiara.

Nessuna risoluzione

Molti partiti di sinistra e organizzazioni operaie hanno chiesto un cessate il fuoco immediato e un piano di pace, offrendo la prospettiva della fine dell'occupazione israeliana della Palestina.

La Federazione Mondiale dei Sindacati, ad esempio, ha chiesto la fine “dell’occupazione e dell’insediamento israeliano nei territori arabi occupati, come previsto dalle risoluzioni delle Nazioni Unite”, e la creazione di “uno stato palestinese indipendente ai confini del 1967 con l’Est Gerusalemme come capitale e garantire il diritto al ritorno dei profughi palestinesi”.

I partiti comunisti di tutto il mondo hanno rilasciato dichiarazioni simili. Il Partito Comunista Britannico (CPB), ad esempio, chiede “l’attuazione di una soluzione a due Stati basata sui confini precedenti al 1967 che istituiscano uno Stato palestinese indipendente”.

Ma a parte il sentimento di sostegno, cosa offre veramente questo alle masse palestinesi?

Il primo dovere di ogni comunista è dire la verità. E la verità più elementare di tutta la situazione è che nulla potrebbe essere di minor aiuto al popolo palestinese delle impotenti risoluzioni dell'ONU e degli intrighi della “comunità internazionale”.

Per cominciare, i confini pre-1967 furono stabiliti dalla pulizia etnica di 700.000 palestinesi tra il 1947 e il 1949, nota come Nakba (“catastrofe” in arabo), portata avanti dalle milizie sioniste con il sostegno dell’imperialismo statunitense.

Alla fine del 1949, Israele aveva conquistato il 78% della Palestina. Qual è stata la risposta della “comunità internazionale”? Ha riconosciuto questo sanguinoso fatto compiuto come la “Linea Verde” – proprio il confine a cui il CPB e altri vorrebbero ora tornare.

Israele ha violato la Linea Verde nel 1967, quando ha invaso l’intera Palestina durante la Guerra dei Sei Giorni. La risposta delle Nazioni Unite è stata quella di approvare la risoluzione 242, che a tutt'oggi non è stata applicata. Pertanto, dobbiamo chiederci: se le Nazioni Unite sono state del tutto incapaci (e riluttanti) a far rispettare le proprie deboli risoluzioni dal 1947, allora chi lo farà?


Una pace marcia

Ciò che manca sempre nelle richieste di una soluzione “a due Stati” è una proposta su come realizzarla. Quando le organizzazioni chiedono un accordo di pace, è necessario chiedersi: quale accordo? Negoziato da chi? E imposto da chi?

La Palestina ha una certa esperienza di accordi di pace. In effetti, la crisi attuale è il prodotto del completo fallimento della soluzione dei “due Stati”, come previsto dagli accordi di Oslo del 1993 e del 1995.

Secondo i termini di questo accordo, negoziato alle spalle del popolo palestinese, Israele ha accettato di ritirarsi parzialmente dai territori occupati. È stato istituito un semi-stato palestinese chiamato Autorità Palestinese (AP). Il problema, tuttavia, era che il 60% della Cisgiordania sarebbe rimasta interamente sotto il controllo israeliano.

In cambio, Yasser Arafat e l’OLP accettarono di riconoscere lo Stato di Israele e di abbandonare la sua richiesta per il diritto dei palestinesi sfollati durante la Nakba di tornare alle loro case.

Invece, la leadership palestinese ha accettato di lavorare per il ripristino dei confini pre-1967, come riconosciuto nella Risoluzione 242 delle Nazioni Unite – esattamente i termini richiesti oggi dai partiti comunisti ufficiali.

Inoltre, le parti hanno convenuto di “gettare le basi per rafforzare la base economica della parte palestinese”. Ma questo obiettivo doveva essere raggiunto incorporando la Palestina in un’unione doganale con Israele. Anche la Palestina utilizzerebbe la stessa valuta, lo Shekel israeliano.

Infine, è stata istituita una forza di polizia palestinese. Ma lo Stato israeliano ha mantenuto “tutti i poteri” per salvaguardare “la sicurezza e l’ordine interno”. Israele mantenne anche il controllo esclusivo dei confini e dello spazio aereo della Palestina.

Qual è stato il risultato di questa “pace”? Trent’anni dopo, le condizioni di vita in Palestina sono peggiorate. Nel 1993 la disoccupazione a Gaza e in Cisgiordania era pari al 7%; oggi è il 24%. La disoccupazione giovanile è pari quasi al 37%. L’ultimo dato relativo alla disoccupazione a Gaza è ancora peggiore, attestandosi al 45%, e più alto per i giovani. Questo accadeva prima del bombardamento israeliano.

L’intera economia palestinese è tenuta in uno stato di dipendenza coloniale da Israele, che fornisce il 58% delle sue importazioni e riceve circa l’86% delle sue esportazioni.

L’Autorità palestinese e il partito al potere Fatah sono diventati nient’altro che una cricca corrotta, che rimane al potere unicamente perché funge da utile regime fantoccio per lo Stato israeliano. Ed è proprio così che vengono visti dalla maggior parte dei palestinesi. La sparatoria contro i manifestanti palestinesi a Nablus da parte delle forze di sicurezza dell'Autorità Palestinese la scorsa settimana è un chiaro esempio di questo fatto.

Quando l’ostilità di massa contro Fatah diede la vittoria ad Hamas nelle elezioni legislative del 2006, Israele, UE e Stati Uniti rifiutarono di riconoscere il risultato, esercitando pressioni su Fatah affinché non cedesse il potere. Di conseguenza, la Palestina fu divisa da una guerra civile. Ciò ha lasciato Gaza sotto il controllo di Hamas e la Cisgiordania sotto il controllo di Fatah. Da allora non ci sono state elezioni.

La cosiddetta soluzione dei “due Stati” è riuscita a creare due Palestina; o meglio, due miserabili riserve in cui i palestinesi sono tenuti prigionieri nel proprio Paese.

Allo stesso tempo, l’espansione degli insediamenti illegali in Cisgiordania è continuata sotto ogni singolo governo israeliano da quando sono stati firmati gli Accordi.

La Palestina non è mai stata così lontana dall’indipendenza come lo è adesso. La sua economia è stata sistematicamente strangolata. La cosiddetta Autorità Palestinese non ha alcuna autorità.

Le pie risoluzioni che chiedono semplicemente il ritorno ai confini pre-1967 e “uno stato palestinese indipendente” in astratto trascurano completamente questo fatto scomodo.


Imperialismo israeliano

I sostenitori della soluzione dei “due Stati” potrebbero protestare sostenendo che il problema è che i governi israeliani di destra – e Benjamin Netanyahu, in particolare – hanno agito in malafede e deliberatamente minato il percorso verso la pace.

Questo è tutto vero, ovviamente. Ma allora dobbiamo chiederci: quale governo israeliano sarebbe disposto o capace di abbandonare l’intera Cisgiordania? Inoltre, quale governo israeliano sarebbe disposto a pagare effettivamente per lo sviluppo di un’economia palestinese vitale e indipendente al suo confine?

Israele è uno stato capitalista con interessi imperialisti che ha sviluppato in tutta la regione. E il dominio dell’intera Palestina è una necessità assoluta per il perseguimento di tali interessi. Questo fatto è stato riconosciuto dai fondatori di Israele. E ha determinato la politica di ogni governo israeliano dal 1948.

La proliferazione di insediamenti illegali in Cisgiordania è continuata dal 1967, e ha subito un’accelerazione dal 1993. Oggi ci sono più di 700.000 coloni ebrei che vivono illegalmente nella Cisgiordania occupata e a Gerusalemme Est, sfruttando il lavoro dei palestinesi che lavorano in condizioni di schiavitù. E gli insediamenti sono diventati una potente forza politica che nessun governo israeliano è in grado di ignorare.

Non sono stati il ??Likud o Netanyahu, ma il Partito laburista israeliano di Yitzhak “Spaccaossa” Rabin a negoziare gli accordi di Oslo, insistendo sull’“integrazione” economica delle economie israeliana e palestinese. E quando l’alleanza laburista “One Israel” salì al potere nel 1999, non invertì né fermò l’espansione degli insediamenti israeliani in Cisgiordania.

Sotto l’imperialismo, la pace è semplicemente la continuazione della guerra con altri mezzi. L’unica differenza tra il sionismo liberale e quello di destra è che il primo preferisce tranquillamente mettere lo stivale sul collo dei palestinesi e soffocarli fino a farli perdere i sensi, mentre il secondo li prende ripetutamente a calci in faccia.

Ciò a cui si oppone l’ala liberale della classe dirigente israeliana non è la mostruosa oppressione dei palestinesi, ma la prospettiva che le provocazioni della destra possano sfociare in un’altra rivolta delle masse palestinesi. E le loro paure sono confermate dagli eventi.

In realtà, non esiste uno Stato palestinese vitale – e non ce ne sarà mai uno finché il capitalismo israeliano continuerà ad esistere. La solidarietà con la Palestina deve partire da questo fatto inevitabile, che è già compreso dalla maggioranza palestinese.

In un sondaggio di settembre, condotto dal Centro palestinese per la politica e la ricerca sui sondaggi (PSR), il 64% ha affermato che la situazione oggi era peggiore rispetto a prima di Oslo; Il 71% ritiene che sia stato sbagliato da parte dell'OLP firmare l'accordo; e il 53% ha affermato che la lotta armata è la migliore via da seguire per la lotta di liberazione palestinese.

La richiesta di un nuovo piano di pace sulla falsariga di Oslo, nelle condizioni attuali, è nella migliore delle ipotesi una distrazione e nella peggiore un inganno.

Questo è esattamente il motivo per cui gli Stati Uniti sono intervenuti e hanno mediato gli accordi di Oslo nel 1993, e perché da allora una serie di presidenti statunitensi hanno appoggiato la cosiddetta soluzione dei “due Stati”. Questo è anche il motivo per cui gran parte dei giovani palestinesi l’hanno giustamente rifiutata.

Un onesto rifiuto della guerra e della distruzione è del tutto comprensibile. Ma nel conflitto tra oppressori e oppressi, il massimo che il pacifismo può ottenere è predicare la passività alle masse e deviare la lotta in un vicolo cieco.


Per una soluzione rivoluzionaria

Non esiste una strada riformista verso la libertà palestinese. La pressione internazionale e gli accordi di “pace” possono solo preservare lo status quo già intollerabile. Le masse palestinesi possono contare solo sulle proprie forze, sostenute dalla solidarietà della classe operaia mondiale.

Una nuova rivolta in tutta la Palestina, che si basi innanzitutto sulla gioventù rivoluzionaria, potrebbe scuotere non solo il regime israeliano ma l’intera regione.

Mobilitato attorno a un programma socialista, il movimento potrebbe estendersi oltre i confini artificiali della Palestina fino ai lavoratori arabi che vivono sul lato israeliano della Linea Verde; ai lavoratori e ai poveri dei vicini stati arabi, che bruciano di indignazione per la complicità della loro stessa classe dirigente nei crimini del sionismo; e potrebbe iniziare ad alimentare la lotta di classe e a rompere l’unità nazionale tra lavoratori e padroni israeliani, che è vitale per il governo di questi ultimi.

Ma per un movimento così onnipotente fermarsi alla creazione di una Palestina capitalista debole, fianco a fianco con una versione “democratica” dell’attuale stato capitalista israeliano, sarebbe assolutamente controproducente.

In realtà, un risultato del genere sarebbe impossibile. La classe dirigente israeliana, se il suo governo fosse semplicemente scosso anziché distrutto, tornerebbe in cerca di vendetta. Tornerebbe a qualcosa di ancora più da incubo dell’attuale situazione.

L’establishment sionista reazionario deve essere completamente smantellato; la classe dirigente espropriata; e la terra e i monopoli posti sotto il controllo della classe operaia.

Solo un regime di democrazia operaia può sostituire l’attuale Stato di Israele, porre fine all’occupazione, risolvere la questione essenziale della terra e rispettare i diritti democratici sia degli ebrei che degli arabi. In breve, non siamo per una pace fittizia: siamo per la rivoluzione.

Ma ciò che serve è una rivoluzione che non rispetti né la “democrazia” capitalista né i confini nazionali; ciò non si fermerà finché l’imperialismo israeliano e i suoi burattini in Palestina non saranno stati completamente distrutti; e che soddisfa i bisogni urgenti del popolo palestinese, di terra, lavoro, alloggio e un’esistenza dignitosa per tutti.

Ciò significa che la rivoluzione deve essere socialista, che è l’unico modo per rimuovere la base materiale su cui poggia l’élite dominante sionista.

Per questo diciamo:  Intifada fino alla vittoria!

Traduzione de l’AntiDiplomatico

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La partita a scacchi più pericolosa di sempre di Giuseppe Masala La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti