Jeffrey Sachs - I Partiti della Guerra, il candidato per la Pace e le elezioni di novembre

Jeffrey Sachs - I Partiti della Guerra, il candidato per la Pace e le elezioni di novembre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

di Jeffrey D. Sachs* - Othernews

I Democratici e i Repubblicani si stanno superando a vicenda per dimostrare chi può portarci più velocemente alla Terza Guerra Mondiale. Joe Biden e i Democratici del Congresso stanno facendo un'offerta convincente per essere i principali guerrafondai. 

I Democratici del Congresso hanno appena votato all'unanimità, con un voto di 210 a 0, per prolungare la guerra in Ucraina con altri 61 miliardi di dollari per uccidere altri russi e ucraini, e con una maggioranza sbilanciata di 173 a 37 per altri 14 miliardi di dollari per prolungare il massacro di massa dei palestinesi a Gaza da parte di Israele.  

Donald Trump ha dichiarato prima del voto che la sopravvivenza e la forza dell'Ucraina sono “importanti per noi” e che l'Europa dovrebbe pagare di più.  Lo speaker repubblicano Mike Johnson ha fatto la sua parte di guerrafondaio definendo Russia, Cina e Iran l'asse del male aggiornato.  Questo insulto è arrivato giusto in tempo prima che il Segretario di Stato Blinken volasse in Cina per minacciare ulteriori sanzioni statunitensi se la Cina avesse commerciato con la Russia in modi che gli Stati Uniti disapprovano.  

Il candidato presidenziale più forte per la pace è Jill Stein del Partito Verde, che è sulla buona strada per apparire sulle schede elettorali in tutto il Paese. 

Il Partito Verde è a buon punto nella conquista di un pieno accesso nazionale e sta lavorando duramente per portare a termine questo compito.  Cornel West, un altro appassionato candidato per la pace, è sulla scheda elettorale in alcuni Stati ma, come candidato indipendente, deve affrontare spese proibitive per l'accesso alle urne a causa di un sistema iniquo truccato dai due partiti principali.  Robert F. Kennedy Jr., ahimè, è un candidato per la pace solo a metà, forte dell'idea di porre fine alla guerra in Ucraina attraverso la diplomazia, ma che sostiene strenuamente la guerra di Israele a Gaza piuttosto che la diplomazia che è urgentemente necessaria e in grado di porre fine alla guerra. 

Su base bipartisan, la Casa Bianca e il Congresso stanno portando il mondo verso una guerra globale. Washington non ha assolutamente una strategia per far vincere la guerra all'Ucraina, ma è intenzionata ad armare l'Ucraina per uccidere il maggior numero possibile di russi, anche se la guerra uccide un numero molto maggiore di ucraini.  Fin dall'inizio dell'operazione militare speciale della Russia in Ucraina, ho chiesto una pace negoziata, sottolineando la neutralità dell'Ucraina e la fine dell'allargamento della NATO - a cui la Russia si oppone a gran voce, e comprensibilmente, come minaccia esistenziale. Eppure Biden e il Congresso continuano a insistere sull'allargamento della NATO all'Ucraina e quindi su una nuova guerra.  Il risultato? L'Ucraina ha subito centinaia di migliaia di vittime e continue perdite territoriali. 

 Allo stesso tempo, Biden sta armando Israele per commettere crimini di guerra inconcepibili, con un ulteriore sostegno in arrivo. La complicità degli Stati Uniti nel massacro dei gazawi da parte di Israele è fortemente rifiutata dal popolo americano, soprattutto dai giovani, ma Biden e il Congresso non ascoltano la gente.  Il governo del Sudafrica, in un ricorso alla Corte internazionale di giustizia (CIG), ha affermato con forza che Israele sta commettendo un genocidio. Eppure, quando gli studenti statunitensi dicono lo stesso, vengono arrestati.  In effetti, la Corte internazionale di giustizia ha rapidamente stabilito che le azioni di Israele potrebbero violare la Convenzione sul genocidio del 1948, in attesa di una sentenza definitiva che richiederà più tempo. 

Se tutto questo non bastasse, gli Stati Uniti continuano a intensificare le loro numerose provocazioni nei confronti della Cina. 
Gli Stati Uniti stanno imponendo nuove misure commerciali, finanziarie e tecnologiche unilaterali per ostacolare l'economia cinese.  Queste misure violano gli impegni assunti dagli Stati Uniti nell'ambito delle norme commerciali internazionali, ma gli Stati Uniti le impongono sfacciatamente in ogni caso.  In un'altra azione paranoica e vendicativa, il Congresso ha anche votato oggi che TikTok deve essere venduto dai suoi proprietari cinesi a un proprietario statunitense.  

Gli Stati Uniti hanno anche la faccia tosta di attaccare la Cina per la sua “sovraccapacità” nella produzione manifatturiera. Il termine “sovraccapacità” in realtà significa solo che la Cina produce grandi volumi di manufatti di alta qualità a prezzi molto bassi.  I processi produttivi cinesi per i veicoli elettrici, ad esempio, sono incredibilmente efficienti.  

Di recente, Biden ha inviato truppe statunitensi nell'isola di Kinmen, un'isola di Taiwan, in violazione della politica di una sola Cina che è alla base delle relazioni degli Stati Uniti con la Cina, e quindi della pace.  Gli Stati Uniti hanno anche gratuitamente aumentato la retorica anti-cinese insieme ai leader di Giappone e Corea.   

L'antagonismo dell'amministrazione Biden nei confronti dell'Iran è altrettanto implacabile e ipocrita.  Il primo aprile, Israele ha bombardato il complesso diplomatico iraniano, in una palese violazione del diritto internazionale.  
Tuttavia, invece di condannare le azioni di Israele, gli Stati Uniti hanno bloccato le raccomandazioni a Israele da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il giorno successivo.  Quando l'Iran ha contrattaccato il 14 aprile, gli Stati Uniti hanno criticato duramente l'Iran e hanno persino imposto nuove sanzioni.  Washington fa di tutto per affermare questi due pesi e due misure. 

Quindi, tiriamo le somme sul presunto “asse del male”.  Gli Stati Uniti rifiutano i negoziati con la Russia perché vogliono usare la guerra in Ucraina per indebolire la Russia, anche se la guerra distrugge l'Ucraina.  Gli Stati Uniti si rifiutano di intraprendere qualsiasi azione per fermare il massacro di massa di Israele a Gaza. Gli Stati Uniti provocano palesemente la Cina in molti modi.
Gli Stati Uniti puniscono l'Iran per l'escalation iniziata da Israele.  Non esiste un asse del male.  Piuttosto, gli Stati Uniti hanno spinto la Russia, la Cina e l'Iran ad unirsi sempre più strettamente di fronte all'implacabile e fuorviante militarismo statunitense.  

Gli americani sono profondamente scontenti di tutto questo bellicismo.  Solo il 33% degli americani approva la politica estera di Biden.  Biden è un neocon da una vita, che da decenni sostiene l'espansione della NATO, le avventure militari e le operazioni di “regime change”.  È anche inadatto a guidare il Paese per altri quattro anni e non dovrebbe in ogni caso candidarsi per la rielezione. Nel frattempo, Trump come presidente ha armato l'Ucraina, ha disconosciuto l'accordo di Minsk II che avrebbe disinnescato la crisi e ha fatto di tutto per inimicarsi e abbandonare la diplomazia sia con la Cina che con l'Iran.  Il mondo è più vicino che mai all'Armageddon nucleare, a soli 90 secondi dalla mezzanotte secondo il Doomsday Clock del Bulletin of Atomic Scientists.   

I due principali partiti americani non offrono agli americani alcuna voce in capitolo sulle questioni di vita e di morte della guerra e della pace.  Entrambi sono partiti di guerra.  Entrambi continuano a spargere denaro e munizioni per cercare di nascondere gli errori di calcolo commessi in passato.  Entrambi i partiti sono al servizio degli stessi padroni: Wall Street, il complesso militare-industriale e i mega-ricchi, che finanziano i due partiti per offrire tagli alle tasse e ai sussidi per i ricchi, nonché l'allargamento della NATO e i contratti di armamento per le industrie militari. Pace e giustizia economica vanno quindi di pari passo.  

La vera speranza per una politica estera sana e un'economia giusta è la candidata leader per la pace, Jill Stein.  Il lavoro principale per gli attivisti per la pace nelle prossime settimane è quello di assicurare che la Stein sia effettivamente sulla scheda elettorale in ogni Stato a novembre, nonostante gli sfacciati tentativi dei due partiti principali di tenere il Partito Verde e i candidati per la pace fuori dalla scheda elettorale.  

Poiché gli americani, in numero record, chiedono una scelta politica al di fuori dei fallimentari partiti della guerra e di Wall Street, e soluzioni diplomatiche alle guerre che imperversano nel mondo, a novembre potrebbe verificarsi un'ondata di elettori per la pace. Se la Stein si presenterà alle urne in tutta la nazione, gli elettori avranno questa possibilità di scelta.

*Professore alla Columbia University, è direttore del Centro per lo sviluppo sostenibile della Columbia University e presidente della Rete per le soluzioni di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. È stato consulente di tre Segretari generali delle Nazioni Unite e attualmente ricopre il ruolo di Consulente per gli SDG per il Segretario generale António Guterres.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti