Israele teme attacchi simili a quelli di Abu Dhabi

Israele teme attacchi simili a quelli di Abu Dhabi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La preoccupazione prevale in Israele dopo l'improvviso attacco di ieri ad Abu Dhabi, per il timore che si compia un atto simile ai siti israeliani con operazioni mirate e dannose.

Secondo i media israeliani, esperti militari israeliani si sono precipitati a contattare i loro colleghi negli Emirati Arabi Uniti e si sono offerti di aiutare a indagare sull'attacco che ha ucciso tre civili.

Gli esperti israeliani hanno anche esaminato i dettagli del caso con i leader degli Emirati Arabi Uniti per beneficiare della lezione e contrastare eventuali attacchi simili in futuro a cui Tel Aviv potrebbe essere esposta.

Israele ha invitato la comunità internazionale ad agire immediatamente per impedire che "l'Iran e i suoi delegati" possano minare ulteriormente la sicurezza regionale.

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha scritto in un tweet: "Condanno fermamente l'attacco di oggi con i droni ad Abu Dhabi e invio le mie condoglianze alle famiglie dei morti e i miei auguri per una pronta guarigione ai feriti. Israele sostiene gli Emirati Arabi Uniti."

Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato ieri la morte di 3 persone e il ferimento di altre 6, in un'esplosione in 3 cisterne di petrolio nell'area Musaffah Icad vicino ai carri armati dell'ADNOC alla periferia di Abu Dhabi, a seguito di un attacco effettuato da Ansarollah.

Il gruppo yemenita ha annunciato di aver preso di mira gli aeroporti di Dubai e Abu Dhabi e altre strutture sensibili degli Emirati con missili balistici e droni, minacciando ulteriori attacchi verso una banca di obiettivi strategici se gli Emirati Arabi Uniti decideranno di intensificare e rispondere all'attacco.

L'Arabia Saudita, dal 2015, guida una colazione contro lo Yemen per rimettere in sella il loro fantoccio Abdrabbuh Mansur Hadi.

Questo conflitto ha distrutto il paese più povero del mondo arabo, con continui bombardamenti sulle aree civili, ha provocato carestie e diffusione del colera. I morti per il conflitto sono quasi 400.000 mila. Causati anche da un asfissiante blocco economico dei sauditi.

Questo conflitto, una vera è propria guerra di aggressione, è presentata dai media occidentali e delle monarchie del Golfo come un conflitto a distanza tra Iran e Arabia Saudita per nascondere i crimini commessi e l'appoggio di armi e logistica alla monarchia saudita.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti