Israele istituì campi segreti di detenzione con prigionieri palestinesi innocenti nel Sinai

Israele istituì campi segreti di detenzione con prigionieri palestinesi innocenti nel Sinai

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Emerge una storia, una delle tante, su cosa sono e sono stati più di 70 anni di occupazione israeliana a danno dei palestinesi.

Un giornale israeliano ha rivelato che nel 1971 Israele ha segretamente allestito campi di per palestinesi innocenti nel cuore del deserto del Sinai, lontano dagli occhi della gente.

Il quotidiano Haaretz ha ricordato che nel campo istituito da "Israele nel Sinai c'erano anche bambini, sotto una pesante copertura segretezza, due campi di Gaza di le famiglie dei membri del movimento Fatah sono state arrestate, accusate di atti di resistenza".

Ha aggiunto che Israele "ha detenuto nel secondo campo giovani disoccupati e l'esercito israeliano ha portato bambini, donne e uomini dalla Striscia di Gaza nei due campi nel cuore del deserto, isolati dal mondo e dal corso delle loro vite".

Ha spiegato che "sono rimasti lì per periodi diversi, alcuni dei quali sono durati diversi mesi, in condizioni definite dalla Croce Rossa come (intollerabili)".

I delegati della Croce Rossa protestarono con il primo coordinatore delle attività governative dell'epoca, Shlomo Gazit per le condizioni disumane dei prigionieri.

Secondo il giornale, "il primo campo si trovava nel mezzo del Sinai , e l'altro campo era vicino al mare nel Golfo di Suez".

La Striscia di Gaza tra il 1971 e il 1972 fu teatro di una forte attività di resistenza contro i coloni israeliani così come in  diverse città occupate da Israele, spingendo l' esercito israeliano a lanciare una campagna di rappresaglia con operazioni militari palestinesi guidate dal criminale di guerra Ariel Sharon.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra