In Slovacchia il killer solitario colpisce ancora

In Slovacchia il killer solitario colpisce ancora

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Stephen Karganovic - Strategic Culture

Il "killer solitario", quella figura fumettistica che negli ultimi decenni - almeno dal novembre 1963 - ha regolarmente incorniciato la maggior parte degli omicidi di alto profilo, ha colpito ancora, questa volta nella disobbediente Slovacchia. Compare sempre ogni volta che è richiesta la sua presenza per mettere in guardia i disadattati e disciplinare anche i giocatori della squadra che sono disattenti ai loro compiti.

L'attentato al Primo Ministro slovacco Robert Fico si inserisce in questo schema. I precedenti politici di Fico, risalenti a decenni fa, possono aver suscitato una certa diffidenza nei circoli globalisti. Tuttavia, la sua vittoria elettorale e il suo ritorno al potere nell'autunno dello scorso anno sarebbero stati probabilmente considerati una sfida gestibile se Fico fosse stato abbastanza marcio da agire come fanno abitualmente i suoi colleghi, dicendo una cosa prima delle elezioni e facendo il contrario dopo.

Si è invece rivelato un uomo fedele alla parola data, smentendo certamente le voci che lo volevano tra i giovani leader del WEF. In un momento critico per i tiratori di corde globalisti, in cui il gioco di squadra cooperativo è considerato ‘de rigeuer’, ha scelto di uscire dal sentiero battuto con altri emarginati come Victor Orban e di difendere valori di vecchio stampo, come la sovranità nazionale della Slovacchia.

Fico, tuttavia, non ha insistito solo sulla sovranità della Slovacchia, il che sarebbe stato già abbastanza grave, ma anche su altre nozioni disprezzate, altrettanto screditate nell'Europa di oggi: la statualità, la nazione, la religione e la famiglia. È la sua adesione a questi valori, un tempo pietra miliare della civiltà europea prima della sua implosione culturale, che ha reso Fico un bersaglio solitario.

Ma a queste mancanze se ne aggiungono altre, non meno fastidiose e potenzialmente pericolose per la vita. Negli ultimi mesi, mentre il Progetto Ucraina si stava trasformando in un naufragio, Fico ha rifiutato in modo provocatorio di autorizzare gli aiuti militari al regime di Kiev, ha chiesto la cancellazione delle sanzioni anti-Russia e ha ripetutamente espresso l'idea proibita che l'Ucraina sarà sconfitta.

Come se non bastasse, c'è di più. Nel 2006, in una tragedia a lungo dimenticata, un aereo slovacco si è misteriosamente schiantato mentre tornava dal Kosovo. A bordo, oltre ai peacekeepers slovacchi, c'era un carico molto interessante. Specialisti ed esperti forensi slovacchi erano stati coinvolti nell'esumazione di diverse fosse comuni in Kosovo, dove erano state sepolte vittime serbe, e stavano portando le prove in patria. È emerso che molte di quelle vittime presentavano incisioni sul torace che suggerivano fortemente che erano state usate come donatori di organi non consenzienti dai trafficanti albanesi. I lettori la cui memoria è ancora intatta ricorderanno la controversia sull'estrazione e il traffico di organi umani in Kosovo che infuriava all'epoca, culminata nell'incriminato rapporto del 2010 presentato all'UE dall'investigatore svizzero Dick Marty.

Il team slovacco consegnò una serie di prove che aveva portato alla luce alla NATO, di cui la Slovacchia era ormai diventata membro. Ma per essere sicuri che le loro scoperte non scomparissero in un buco nero della NATO, presero la precauzione di portarne a casa un'altra serie. Queste prove erano a bordo dell'aereo che inspiegabilmente si è schiantato insieme a circa 40 membri del personale slovacco morti, le cui bocche riguardo alle loro raccapriccianti scoperte in Kosovo sono state così sigillate per sempre.

Come è consuetudine in tali situazioni, le autorità slovacche hanno condotto un'indagine frettolosa e superficiale, le cui conclusioni sono state dichiarate segreto di Stato e poi sigillate.

Cinque anni fa, l'incidente aereo del 2006 fu nuovamente sotto i riflettori poiché emersero nuove prove che l'evento potrebbe non essere stato un incidente, dopotutto, a causa di un ordigno esplosivo collocato a bordo. Il parlamento slovacco ha aperto un'inchiesta sulla questione, che Robert Fico ha sostenuto con tutto il cuore e pubblicamente.

Oltre alle sue ‘gaffe’ più recenti, anche quella deve essere stata un duro colpo contro di lui.

Com'era prevedibile, la responsabilità della sparatoria fu immediatamente attribuita a un individuo solitario che, presumibilmente, nutriva rancore politico per Fico e decise di ucciderlo. Potremo presto vedere come andrà a finire questa ridicola spiegazione alla Jack Ruby, mentre le autorità slovacche portano avanti la loro inchiesta.

Ma indipendentemente da ciò che gli investigatori slovacchi scoprono e da quanto i signori della NATO permettono loro di pubblicare, si possono ancora trarre alcune conclusioni preliminari su questo orribile tentato omicidio. Basandosi sulla totalità dell’esperienza passata, queste conclusioni sono destinate ad essere infine confermate e sicuramente resisteranno alla prova del tempo.

L'attentato al Primo Ministro slovacco avrà avuto l'effetto desiderato, che egli sopravviva o meno. È stato un messaggio intimidatorio inviato forte e chiaro a tutti gli interessati, che non devono nemmeno pensare di sfidare l'ordine basato sulle regole. La natura e la portata delle "regole", così come sono state definite, sono state rese chiaramente l'altro giorno in Slovacchia. Mentre la posizione dell'Occidente collettivo si sgretola, tutti i leader europei che potrebbero pensare di fare marcia indietro o di far valere gli interessi delle loro nazioni piuttosto che seguire obbedientemente gli ordini sono stati avvisati. Se Robert Fico era vulnerabile, lo sono anche loro. E questo vale non solo per le patetiche scuse dei leader nazionali attualmente in carica, ma anche per quelli che aspirano a sostituirli. Più in generale, il tentato omicidio di Robert Fico invia un messaggio alle figure pubbliche non politiche di spicco e di vario profilo, come l'arcivescovo Vigano, le cui dichiarazioni coraggiose, le analisi coerenti e gli appelli convincenti al pubblico minacciano di far crollare il consenso costruito.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene? di Alberto Fazolo Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti