Il paese è fallito. Questa campagna elettorale lo attesta definitivamente

Il paese è fallito. Questa campagna elettorale lo attesta definitivamente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La campagna a elettorale attesta una volta di più che il paese è fallito. I partiti della prossima legislatura non hanno le capacità minime per affrontare le questioni più urgenti: crisi energetica, clima, declino dell’Ue, tensioni nel Mediterraneo, politiche di riarmo, guerra in Ucraina, espansione della Nato, crisi di Taiwan sono solo alcuni dei temi che riguardano da vicino l’Italia e la sua economia.

Nemmeno la politica interna è al centro della discussione politica. Non si parla di lavoro, né di progetti industriali per il paese. Siamo reduci da una grandissima crisi dovuta al Covid e alla saturazione degli ospedali, ma il tema del potenziamento del sistema sanitario nazionale non compare in alcun dibattito, benché sia presente nei programmi di Unione popolare e M5S. Proprio di questi giorni è però la notizia di 500 medici cubani che verranno integrati in Italia a causa della penuria di personale.
 
Ma che razza di paese siamo?
 
La campagna elettorale è tutta orientata sull’agenda della destra reazionaria e su questioni come la flat tax e il presidenzialismo. nessun tema di sinistra è all’ordine del giorno. Fa del resto davvero orrore lo spettacolo delle candidature. I partiti si sono ridotti ad album di figurine da comporre secondo i livelli di notorietà dei candidati e non sul progetto politico. La coalizione del Pd, tanto per fare un esempio abbastanza noto, è in grado di tenere insieme Crisanti e Camusso, Cottarelli e Saumahoro…

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti