Il movimento dei non allineati chiede il ritiro di Israele dal Golan siriano

Il movimento dei non allineati chiede il ritiro di Israele dal Golan siriano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I membri del Movimento dei Non Allineati (NAM) chiedono il ritiro totale di Israele dalle alture del Golan siriano.

In una dichiarazione congiunta emessa ieri al termine della conferenza ministeriale di medio termine del Movimento dei paesi non allineati (NAM), tenuta in videoconferenza a Baku, la capitale dell'Azerbaigian, i ministri degli esteri hanno espresso il loro sostegno alla Siria nei suoi sforzi per riconquistare l'alto del Golan occupato da Israele.

I partecipanti all'evento hanno nuovamente esortato il regime israeliano ad attuare quanto prima la Risoluzione 497 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), approvata nel 1981, secondo la quale l'annessione delle alture del Golan da parte di Israele è "nulla, invalido e senza effetti giuridici internazionali”.

Il comunicato avverte che le misure adottate dal regime di Tel Aviv per modificare lo status giuridico e demografico di questo territorio siriano occupato sono nulle.

I membri del NAM hanno invitato Israele a restituire le alture del Golan alla Siria e a rispettare le risoluzioni 242 e 338 dell'UNSC, che includono il ritiro delle truppe del regime di occupazione dai territori conquistati nella guerra del 1967.

Preoccupazione per il programma nucleare segreto di Israele

Anche i ministri degli esteri dei paesi membri del Movimento dei paesi non allineati hanno espresso la loro preoccupazione per il programma nucleare segreto di Israele e hanno esortato questo regime a firmare il Trattato di non proliferazione (NPT) e ad aprire i suoi impianti nucleari agli ispettori dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica ( AIEA).

Durante il suo discorso alla conferenza, il ministro degli Esteri siriano Faisal al-Miqdad ha criticato Israele e altri paesi per i loro ripetuti attacchi contro il Paese arabo, nonché per aver continuato a occupare il territorio siriano del Golan.

Israele ha occupato parte dell'altopiano del Golan, situato nel sud della Siria, dopo la Guerra dei Sei Giorni nel 1967, e ha incorporato quel territorio nel suo sistema legale nel 1981, in pratica un'annessione di fatto. Tuttavia, molti paesi e organizzazioni in tutto il mondo non riconoscono tale annessione.

Il governo siriano ha più volte ribadito che riconquistare la sovranità sulle alture del Golan è "una priorità nazionale" e "un diritto", che nessuno può negare.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti