Il miglior Video sulla campagna mediatica in corso sul Xinjiang

Il miglior Video sulla campagna mediatica in corso sul Xinjiang

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da Chiaro Scuro
 
Nel Febbraio scorso, il parlamento canadese ha approvato la mozione (passata con 266 voti a favore e 0 contrari) che “riconosce le azioni cinesi contro la minoranza musulmana degli uiguri dello Xinjiang come atto di genocidio”.

Il Canada è il secondo paese ad allinearsi formalmente agli Stati Uniti, a cui seguirà a Marzo l'Unione Europea aggiungendo sanzioni arbitrarie.
Per sostenere tale narrazione, gli Stati Uniti d'America stanno investendo milioni di dollari in propaganda mediatica, pagando e supportando gruppi di uiguri (o presunti tali) fuori dai confini cinesi, da utilizzare come “testimonial” del genocidio in atto.

Un ben noto modus operandi su cui non serve andare troppo lontano con la memoria:
la falsa testimonianze della quindicenne Nayirah, miccia mediatica per l'operazione Sand Storm nella Guerra del Golfo, ne è un chiaro esempio.

La motivazione di questa condotta va ricercata nel ruolo di primo piano internazionale che la Cina ha ormai assunto:
dopo i numerosi “sorpassi” su singoli settori, il formale riconoscimento della Cina come 1° economia del mondo è dietro l'angolo;
i paesi in via di sviluppo, fino ad oggi costretti ad un ruolo subalterno all'occidente, stanno trovando un'alternativa nella cooperazione paritetica offerta dalla Cina;
molte transazioni internazionali ormai avvengono in Renminbi, la valuta cinese, aggirando il dominio finanziario del dollaro e le sanzioni imposte dagli USA ai paesi non allineati, senza sottostimare il recente successo dello Yuan digitale.
Specificatamente sulla provincia dello Xinjiang, si tratta di un territorio ricco di petrolio e con un ruolo chiave nella nuova Via della Seta terrestre (Belt and road initiative).

In questo video, il canadese Daniel Dumbrill sottolinea tutte le contraddizioni di un'accusa lanciata dall'occidente senza l'opzione di un contraddittorio, utilizzando come “prove” le accuse e i documenti redatti da organizzazioni fortemente legate e compromesse ad attività di intelligence della CIA. A livello accademico e giornalistico, per chi tenta la diffusione di contro-prove, materiale verificato e documenti ufficiali, le reazioni sono pressioni, minacce e ripercussioni lavorative; destino simile per chi si limita alla critica con domande fuori agenda.

Un dettagliato e scorrevole punto sulla situazione che smaschera le fake news più pubblicate dai media mainstream, le finte prove più grossolane, i “personaggi-vittime” confezionati per la propaganda del momento.

Vecchi metodi per un piano occidentale di destabilizzazione interno alla Cina, diffamatorio a livello internazionale, ma che nulla ha a che vedere con la democrazia e i diritti umani. 
 
 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti