Il Financial Times svela l'attacco della finanza contro l'Italia e prepara il terreno al Draghi bis

Il Financial Times svela l'attacco della finanza contro l'Italia e prepara il terreno al Draghi bis

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come l'AntiDiplomatico abbiamo tradotto l'intero articolo di apertura di oggi del Financial Times - Hedge funds build biggest bet against Italian debt since 2008 - che descrive l'attacco speculativo in corso contro il nostro paese che potrebbe aprire ad una siginificativa crisi del debito nelle prossime settimane. Si tratta di un passaggio molto significativo in uno dei templi del potere neo-liberale, che prepara il terreno ad un Draghi bis, a discapito di qualunque risultato nelle elezioni del 25 settembre.




-----------------



di Laurence Fletcher and Nikou Asgari

Financial Times - 25 agosto 2022

 

 

Per le turbolenze politiche a Roma e la dipendenza del Paese alle importazioni di gas russe, gli hedge fund hanno messo in piede la più grande scommessa contro i titoli di stato italiani dalla crisi finanziaria globale.

Il valore totale delle obbligazioni di chi scommette su un calo dei prezzi ha raggiunto il livello più alto da gennaio 2008, raggiungendo i 39 miliardi di euro, secondo i dati di S&P Global Market Intelligence.

La corsa degli investitori a scommettere contro l'Italia arriva in una fase in cui il paese deve far fronte a crescenti venti contrari economici, in particolare l'aumento dei prezzi del gas naturale europeo provocato dai tagli alle forniture della Russia e da un clima politico teso con le elezioni che incombono a settembre.

"È il [paese] più esposto in termini di ciò che accade ai prezzi del gas e la politica è complessa", ha affermato Mark Dowding, chief investment officer di BlueBay Asset Management, che gestisce circa 106 miliardi di dollari di asset. Dowding sta vendendo allo scoperto obbligazioni italiane a 10 anni utilizzando derivati ??noti come futures.

Il mese scorso il FMI ha avvertito che un embargo russo sul gas avrebbe portato a una contrazione economica di oltre il 5% in Italia e in altri tre paesi, a meno che altri paesi non condividano le proprie forniture.

L'Italia è anche considerata dagli investitori tra i paesi più vulnerabili rispetto la decisione della Banca Centrale Europea di allentare i suoi programmi di stimolo, con un rialzo dei tassi di interesse e l’interruzione degli acquisti di obbligazioni a sostegno del vasto mercato del debito del Paese.

Un periodo di relativa calma politica, inaugurato dalla nomina di Mario Draghi a primo ministro nel febbraio 2021, è andato in frantumi nel luglio di quest'anno, quando l'ex capo della BCE si è dimesso e la sua coalizione di unità nazionale è andata in pezzi. Le elezioni anticipate sono ora fissate per settembre, con la leader nazionalista Giorgia Meloni considerata la favorita a diventare il prossimo presidente del Consiglio. Mercoledì, Draghi ha invitato i partiti in competizione alle elezioni a rispettare gli impegni di riforma finanziaria dell'Italia.

I partiti euroscettici all'interno della coalizione di destra, che secondo i sondaggi potrebbero assicurarsi fino alla metà dei voti il ??25 settembre, hanno segnalato che potrebbero rivedere i dettagli del piano di ripresa dell'Italia da 200 miliardi di euro finanziato dall'UE e le altre riforme come una nuova concorrenza legge ad essa collegata.

 

"La credibilità interna va di pari passo con quella internazionale", ha affermato Draghi.

Le obbligazioni italiane sono già state vendute nelle ultime settimane mentre gli investitori rispondono alla crescente incertezza. Il rendimento del debito decennale italiano è salito al 3,7%, spingendo il divario, o "spread", con il debito tedesco - un barometro del rischio chiave - a 2,3 punti percentuali da 1,37 punti percentuali di inizio anno.

Un grande investitore in hedge fund ha affermato che "l'Italia sembra essere il paese più vulnerabile" al peggioramento delle condizioni economiche, aggiungendo che tali scommesse erano già "diffuse", con molti gestori che stavano già “giocando” sullo spread tra le obbligazioni tedesche e italiane.

Michael Hintze, fondatore dell'hedge fund CQS, è stato tra coloro che hanno tratto profitto dalle scommesse contro le obbligazioni italiane all'inizio di quest'anno, secondo i documenti visti dal Financial Times. CQS ha rifiutato di commentare.

Scommettere contro il debito italiano è stato in precedenza un'operazione altamente redditizia per gli hedge fund a causa dell'incertezza politica di lunga data e dei timori sui 2,3 trilioni di euro di titoli di stato in circolazione nel paese.

Nel 2018, mentre i mercati si preoccupavano se un governo di coalizione avrebbe aumentato i livelli di debito e allentato i legami con l'UE, gli hedge fund hanno aumentato le loro scommesse al livello più alto dalla crisi finanziaria, con il co-fondatore di Brevan Howard, Alan Howard tra coloro che ne hanno tratto profitto. Tuttavia, le scommesse degli hedge fund, sia in termini assoluti che in proporzione all'emissione totale di obbligazioni, hanno ora superato i livelli del 2018, segno di dove gli investitori ritengono che i rendimenti potrebbero arrivare da adesso in avanti.

Alcuni gestori rimangono diffidenti nei confronti della speculazione, affermando che lo strumento di protezione della trasmissione recentemente annunciato dalla BCE limiterà il rialzo ai rendimenti. Il nuovo strumento è stato progettato per evitare che gli oneri finanziari nei paesi dell'eurozona altamente indebitati aumentino troppo al di sopra delle nazioni principali come la Germania.

"Mi sembra [che sia] come giocare a una partita di pollo con la BCE", ha affermato Decio Nascimento, chief investment officer dell'hedge fund Norbury Partners, che sta evitando lo scambio.

Tuttavia, Dowding di BlueBay sostiene che il TPI è poco deterrente per piazzare una scommessa ribassista. "[La BCE] non può semplicemente acquistare l'Italia", ha affermato, aggiungendo che una tale mossa fungerebbe da segnale che la banca centrale fornirà supporto ai paesi privi di restrizioni fiscali.



L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti