I sindacati palestinesi e la guerra a Gaza

I sindacati palestinesi e la guerra a Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Enrico Vigna


Dopo che ho documentato le posizioni e scelte di campo delle forze laiche, progressiste e rivoluzionarie, delle Chiese cristiane nelle sue varie fedi, delle comunità ebraiche religiose antisioniste e delle associazioni di ci cittadini ebrei per la pace e per la giustizia, solidali con la Palestina, qui è documentata la posizione dei sindacati palestinesi che rappresentano alcuni milioni di lavoratori palestinesi.

Tutto questo per cercare contrastare ciò che cercano di far passare con i media occidentali, associati e subalterni alle politiche razziste e oppressive del sionismo israeliano: cioè che lo scontro sarebbe tra un movimento terrorista e Israele. Tutta questa documentazione dimostra inoppugnabilmente che il conflitto è tra un popolo, quello palestinese in tutte le sue componenti sociali, politiche e religiose e lo stato sionista israeliano occupante e oppressore.

 

Appello urgente dei sindacati palestinesi: porre fine a ogni complicità, smettere di armare Israele

                            

CHIAMATA ALL'AZIONE

 

Israele ha chiesto che 1,1 milioni di palestinesi evacuino la metà settentrionale di Gaza, sottoponendoli a continui bombardamenti. Questa mossa spietata fa parte del piano di Israele, sostenuto dal sostegno incrollabile e dalla partecipazione attiva degli Stati Uniti e della maggior parte degli stati europei, volto a compiere massacri senza precedenti e atroci contro 2,3 milioni di palestinesi a Gaza e ad effettuare una pulizia etnica totale. Da 16 giorni Israele ha bombardato indiscriminatamente e intensamente Gaza, tagliando carburante, elettricità, acqua, cibo e forniture mediche. Israele ha ucciso migliaia di palestinesi, tra cui alcune migliaia di bambini. Ha raso al suolo interi quartieri, spazzando via intere famiglie e ferendo decine di migliaia di civili. Molti esperti di Diritto internazionale stanno denunciando gli atti genocidi di Israele.

Nei territori occupati delle colonie, il governo di estrema destra israeliano ha distribuito più di 10.000 fucili ai coloni estremisti nella Palestina del ’48 e nella Cisgiordania occupata per facilitare i loro crescenti attacchi e pogrom contro i palestinesi. Le azioni, i massacri e la retorica di Israele evidenziano la sua intenzione di attuare la seconda Nakba promessa da tempo, espellendo quanti più palestinesi possibile e creando un “Nuovo Medio Oriente” in cui i palestinesi vivono in perenne sottomissione.

La risposta degli stati occidentali è stata di completo e totale sostegno allo Stato di Israele, senza nemmeno un frettoloso cenno al Diritto internazionale. Ciò ha amplificato l’impunità di Israele, dandogli carta bianca per portare avanti senza limiti la sua guerra genocida. Oltre al sostegno diplomatico, gli stati occidentali forniscono armamenti a Israele, autorizzando l’attività delle aziende produttrici di armi israeliane all’interno dei loro confini.

Mentre Israele intensifica la sua campagna militare, i sindacati palestinesi chiedono alle nostre corrispettivi a livello internazionale e a tutte le persone di coscienza di porre fine a ogni forma di complicità con i crimini di Israele, fermando con urgenza il commercio di armi con Israele, così come tutti i finanziamenti e la ricerca militare. Il momento di agire è adesso: le vite dei palestinesi sono in gioco.

Questa situazione urgente e genocida può essere prevenuta solo da un aumento massiccio della solidarietà globale con il popolo palestinese e solo questo può frenare la macchina da guerra israeliana. Abbiamo bisogno che tutti agiscano immediatamente, ovunque nel mondo, per impedire l’aumento dell’armamento dello Stato israeliano e il blocco delle aziende coinvolte nelle produzioni militari. Ci ispiriamo alle precedenti mobilitazioni dei sindacati in Italia , Sud Africa e negli Stati Uniti, e a simili mobilitazioni internazionali contro l’invasione italiana dell’Etiopia negli anni ’30, la dittatura fascista in Cile negli anni ’70 e altrove dove la solidarietà globale ha limitato la portata del brutalità coloniale.

Chiediamo ai sindacati dei settori interessati:

  • Rifiutarsi di costruire armi destinate a Israele.
  • Rifiutarsi di trasportare armi in Israele.
  • Di approvare mozioni nel loro sindacato in tal senso.
  • Agire contro le aziende complici coinvolte nell'attuazione dell'assedio brutale e illegale di Israele, soprattutto se hanno contratti con la vostra istituzione.
  • Fare pressione sui governi affinché interrompano ogni commercio militare con Israele e, nel caso degli Stati Uniti, i relativi finanziamenti.

Lanciamo questo appello mentre assistiamo ai tentativi di vietare e mettere a tacere ogni forma di solidarietà con il popolo palestinese. Vi chiediamo di parlare apertamente e di agire di fronte all’ingiustizia come hanno fatto storicamente i sindacati. Facciamo questo appello nella convinzione che la lotta per la giustizia e la liberazione palestinese non sia solo una lotta determinata a livello regionale e globale. È una leva per la liberazione di tutti i popoli diseredati e sfruttati del mondo.

Federazione Generale Palestinese dei Sindacati, Gaza. 

Unione Generale dei Lavoratori del Pubblico Servizio e del Commercio

Unione Generale dei Lavoratori Comunali

Unione generale dei lavoratori delle scuole materne

Unione Generale dei Lavoratori Petrolchimici

Unione Generale dei Lavoratori Agricoli

Unione dei Comitati delle Donne Palestinesi

Unione Generazionale dei Lavoratori dei Media e della Stampa

Federazione Generale Palestinese dei Sindacati (PGFTU)

Unione Generale degli Insegnanti Palestinesi

Unione Generale delle Donne Palestinesi

Unione Generale degli Ingegneri Palestinesi

Associazione dei contabili palestinesi

Federazione delle associazioni professionali tra cui: 

Associazione Odontoiatrica Palestinese – Centro di Gerusalemme

Associazione dei Farmacisti Palestinesi – Centro di Gerusalemme

Associazione Medica – Centro di Gerusalemme

Associazione degli Ingegneri – Centro di Gerusalemme

Associazione degli ingegneri agricoli – Centro di Gerusalemme

Sindacato dei veterinari – Centro di Gerusalemme

Sindacato dei giornalisti palestinesi

Ordine degli avvocati palestinesi 

Associazione infermieristica e ostetrica palestinese

Unione dei lavoratori delle scuole materne 

Sindacato palestinese dei lavoratori dei servizi postali

Federazione dei sindacati dei professori e dei dipendenti delle università palestinesi 

La Federazione Generale dei Sindacati Indipendenti, Palestina

La Nuova Federazione dei Sindacati Palestinesi

Unione Generale Palestinese degli Scrittori

Unione degli appaltatori palestinesi

Federazione dei sindacati dei professionisti sanitari

Unione palestinese degli psicologi e degli assistenti sociali

 

  • ottobre 2023 Da Etun - Palestine

 

Comunicato stampa di:

Unione Generale dei Lavoratori Palestinesi –

GUPW Coalizione sindacale - Palestina

The Palestine New Federation of trade Unions

 

I sindacati palestinesi chiedono alla classe operaia internazionale un’azione immediata.

Basta con ogni forma di sostegno ai crimini di Israele! I lavoratori del mondo chiedono la PALESTINA LIBERA.

Fratelli e sorelle, lavoratori del mondo, dalla Palestina insanguinata, la classe operaia palestinese e i nostri sindacati inviano il nostro fiero saluto e la nostra immensa gratitudine ai milioni di persone che hanno invaso le strade delle città di tutti i continenti gridando PALESTINA LIBERA! Contro i loro governi, le organizzazioni dell’imperialismo, gli USA, la NATO, l’UE, i popoli del mondo stanno dalla parte del nostro popolo, stanno dalla parte giusta della storia, che in questi giorni sta scrivendo con il sangue dei palestinesi sulle sue pagine il più grande crimine del 21° secolo. Sono tempi drammatici. Ogni ora, ogni minuto, ogni secondo che passa, un altro bambino palestinese viene ucciso da Israele. Le nostre lacrime si sono asciugate, così come si sono asciugati l'acqua, il cibo, la benzina e l'elettricità nella prigione più grande del mondo, a Gaza, la prigione di 2 milioni di anime. Ciò che ci resta è la speranza! Speriamo che il nostro popolo non sia solo contro la brutale occupazione e l’ingiustizia israeliana! Ci resta la speranza che i popoli, i sindacati militanti del mondo, la classe operaia mondiale si alzeranno ancora una volta e difenderanno i loro fratelli e sorelle. Chiediamo che in ogni Paese del mondo i sindacati diffondano il nostro messaggio!

Contro i governi che schiacciano i diritti del proprio popolo e sostengono lo stato assassino di Israele, chiediamo:

  • Basta con ogni sostegno e ogni collaborazione con lo Stato assassino di Israele!
  • I sindacati di ogni paese devono sviluppare azioni contro la macchina omicida NATO-USA che sostiene lo sterminio di massa del popolo palestinese.
  • I sindacati di tutti i paesi devono ostacolare l'armamento della mano che ci uccide. Per impedire il riarmo militare ed economico di Israele
  • Esprimere una condanna di massa contro i governi e le multinazionali che perseguitano l’espressione di solidarietà con il popolo palestinese.
  • Rafforzare le azioni congiunte dei sindacati militanti del mondo nella lotta per una PALESTINA LIBERA e nella

Vi giuriamo: il nostro popolo non si sottometterà! Non importa quanto ci feriscono, non importa quanto ci dissanguano, la nostra lotta continuerà, perché abbiamo ragione e alla fine il nostro Popolo vincerà! Questa terra, era chiamata Palestina. E il suo nome resta Palestina.     26/10/2023

 

Comunicato della Federazione Sindacale Mondiale (FSM)            

 

Fermare il genocidio, cessate il fuoco adesso. Liberare la Palestina 

 

Fermare il genocidio. Cessate il fuoco adesso. Palestina libera

L'annunciato assalto delle truppe israeliane a Gaza, iniziato proprio mentre l'Assemblea delle Nazioni Unite stava votando una risoluzione di 22 paesi arabi che chiedevano un cessate il fuoco, sta prendendo di mira indiscriminatamente chiunque si trovi nel territorio. Questa volta l’esercito israeliano, appoggiato da Usa e Ue, non sta nemmeno giocando la solita farsa di una “operazione chirurgica” alla ricerca di “terroristi”, ma sta bombardando incessantemente ospedali, scuole, rifugi e aree residenziali. Le cancellerie occidentali, quando non soffiano sul fuoco, non muovono un dito per chiedere la fine della strage.

 

DOVREBBE ESSERCI SILENZIO QUANDO I BAMBINI DORMONO, NON QUANDO MUOIONO.

L’Ufficio Regionale Europeo della FSM, chiede un cessate il fuoco immediato, la fine del massacro del popolo palestinese, l’apertura immediata di corridoi umanitari e la revoca dell’assedio, come atti preparatori alla pace e al riconoscimento definitivo del diritto del popolo palestinese ad avere un proprio Stato con Gerusalemme Est come capitale. Con queste parole d’ordine, la FSM EUROPEA invita le organizzazioni sindacali di classe e antimperialiste a sostenere ogni manifestazione nei loro paesi a sostegno del popolo palestinese e a mobilitarsi per fare pressione sui loro governi affinché prendano posizione condannando il massacro e chiedendo una cessate il fuoco immediato.       30 ottobre 2023

 

Sostenere la pace, resistere all’occupazione.

 

 “L’ingiustizia ovunque è una minaccia alla giustizia ovunque”   (Martin Luther King)

Il mondo conta ancora una volta il crescente bilancio delle vittime a Gaza a causa degli attacchi israeliani contro i civili, violando così il diritto umanitario internazionale. Migliaia di persone sono state uccise, tra cui bambini, donne, operatori sanitari, volontari dell’ONU e giornalisti, e decine di migliaia sono rimaste ferite da sabato 7 ottobre 2023 ai giorni nostri. Oltre alla distruzione di case, interi quartieri, edifici residenziali, proprietà e infrastrutture, centinaia di migliaia di civili sono stati sfollate con la forza a causa della paura, dei problemi di protezione e della distruzione delle loro case. È stato imposto un assedio totale alla Striscia di Gaza per bloccare tutte le consegne di cibo, acqua, elettricità e carburante. In questi tempi difficili per il popolo palestinese, la YWCA della Palestina ricorda la sua rivendicazione che i diritti umani e il Diritto internazionale siano rispettati, affermati e protetti per tutti. Sosteniamo il diritto della Palestina all’autodeterminazione come garantito nella Risoluzione 242 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e come affermato nella Risoluzione 338. La pace con la giustizia è stata una visione e un obiettivo costante negli oltre 130 anni del nostro movimento su questa terra. Di conseguenza, invitiamo la comunità internazionale e i responsabili politici a:

  • Riconoscere la causa principale della situazione e della sofferenza senza fine: l'occupazione israeliana.
  • Ritenere Israele responsabile delle sue continue violazioni dei diritti umani in conformità con il diritto internazionale e le pertinenti convenzioni internazionali.
  • Intraprendere azioni immediate ed efficaci per esercitare una pressione significativa sull'occupazione israeliana affinché fermi la guerra contro Gaza, proteggendo la vita dei civili.
  • Fornire assistenza umanitaria urgente per affrontare le conseguenze dell'aggressione in corso e fermare il peggioramento della crisi umanitaria a Gaza.
  • Sostenere i diritti dei palestinesi così come articolati nelle risoluzioni delle Nazioni Unite, in particolare il diritto all'autodeterminazione, alla libertà, all'indipendenza, e al ritorno e al riconoscimento dello Stato palestinese ai confini del 1967.
  • Continueremo a pregare e operare per una soluzione pacifica che estenda i diritti umani al popolo palestinese.

La vera pace si basa sulla giustizia e sulla solidarietà con i sofferenti e gli oppressi, che garantiscono eguali misure di libertà e sicurezza

 

YWCA  Palestina è una associazione sociale non governativa di donne, fondata nel 1893 da un gruppo di donne Cristiane e ha sede in Ramallah, Palestina.

 

A cura di Enrico Vigna, SOS Palestina/CIVG

 

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti