I paesi arabi si avvicinano alla Siria dopo ritiro USA dall'Afghanistan

I paesi arabi si avvicinano alla Siria dopo ritiro USA dall'Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un rapporto del media statunitense Foreign Policy evidenzia la possibile strada che potrebbero intraprendere gli ex partner arabi degli Stati Uniti, dopo il prematuro ritiro delle truppe statunitensi dal territorio afghano; una misura considerata da molti una prova del fallimento del Paese nordamericano.

"[L'amministrazione statunitense presieduta da Joe] Biden ha già dato indicazioni che è disposta a distogliere lo sguardo dagli stati arabi del Golfo Persico che stanno rianimando le relazioni con il presidente siriano Bashar al-Asad, piuttosto che impedire loro attivamente di farlo", si legge nella pubblicazione.

Il media osserva che Washington ha ridotto la sua voglia di isolare la Siria, nell'attuale status quo, questo si traduce in un leggero ma significativo cambiamento nella politica degli Stati Uniti riguardo all'applicazione della pesante sanzione anti-siriana chiamata 'Caesar Law' che è in vigore dal 2019.

In questa situazione, sottolinea che, negli ultimi mesi, i rapporti dei Paesi arabi, in particolare degli Emirati Arabi Uniti (EAU), del Bahrain e dell'Arabia Saudita, con il governo siriano sono migliorati, anche se in misura diversa e nella ricerca di differenti obiettivi.

Alcuni leader arabi, compresi quelli della Giordania, degli Emirati Arabi Uniti e altri, sembrano aver esercitato pressioni al più alto livello a Washington per deroghe alle sanzioni per sostenere l'espansione della loro portata in Siria, si precisa nell'articolo, spingendosi ad ipotizzare che potrebbe essere un tentare di acquisire influenza in Siria e guidare il processo di ricostruzione nel Paese devastato da 11 anni di guerra.

Pur riconoscendo che esistono limiti alla misura in cui gli stati del Golfo Persico possono far progredire le loro relazioni, che sono fortemente influenzate dalla nascente politica siriana dell'amministrazione Biden e dalla portata ancora ampia delle sanzioni del Cesare Act.

Tra l'altro, i leader arabi ricordano senza dubbio che l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump dichiarò prima la vittoria contro il Daesh nel dicembre 2018 e “data la politica del presidente degli Stati Uniti di Joe Biden nei confronti dell'Afghanistan, basata su un'analoga dichiarazione di 'missione compiuta', probabilmente si prepareranno per l'uscita di Washington dalla Siria", scrive Foreign Policy.

In conclusione, la rivista sostiene che gli stati arabi del Golfo Persico stanno cercando modi per sviluppare una soluzione araba alla guerra e, così facendo, riportare la Siria nella cosiddetta "piega araba" dando loro un vantaggio, se gli Stati Uniti si ritirano frettolosamente o raggiungono un accordo con la Russia sulla forma di un accordo politico.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra