I "missili invisibili" della Russia: ecco le armi di Mosca che persino Biden ha definito "impossibili da intercettare"

I "missili invisibili" della Russia: ecco le armi di Mosca che persino Biden ha definito "impossibili da intercettare"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Russia è da tempo impegnata in un programma di modernizzazione e rafforzamento del proprio arsenale al fine di scoraggiare eventuali nemici che volessero imbarcarsi in avventure belliche contro Mosca. 

Nel marzo 2018, il presidente russo Vladimir Putin ha svelato nuove super-armi durante il suo discorso al Manezh Central Exhibition Hall vicino al Cremlino, alimentando i timori tra gli avversari del paese eurasiatico.

Con la Russia che aggiunge al suo arsenale missili ipersonici (che sono quasi impossibili da rilevare e intercettare), come è stato testimoniato con il recente successo del test del missile balistico intercontinentale Sarmat (ICBM) – una delle super-armi annunciate nel 2018 – è interessante soffermarsi ad analizzare anche le altre super armi che Putin ha nel suo arsenale, evidenzia The EurAsian Times. 

Il più recente Programma statale di armamento (SAP) della Russia è stato firmato dal presidente Putin nel 2016. Il SAP è un documento decennale che viene rinnovato ogni cinque anni e approvato dal presidente.

Stabilisce piani relativi all'acquisto di nuove armi, alla modernizzazione e alla riparazione delle attrezzature militari esistenti e alla ricerca e sviluppo (R&S) per nuovi sistemi.

Una delle principali aree di interesse nel nuovo SAP era l'ICBM con enfasi su come eludere i sistemi di difesa missilistica. Ciò si è riflesso nell'elenco delle super armi rivelate nel famoso discorso del presidente Putin del 2018.

Oltre al missile balistico intercontinentale Sarmat, l'elenco includeva l'Avangard Hypersonic Glide Vehicle (HGV), il veicolo subacqueo senza pilota (UUV) dotato di armi nucleari Poseidon , il missile da crociera a propulsione nucleare Burevestnik , i missili ipersonici Kinzhal e Tsirkon. 

Ecco una descrizione dei nuovi armamenti tratta da The EurAsian Times: 

L'Avangard HGV

L'Avangard è un veicolo ipersonico boost-glide con un'autonomia di oltre 6.000 km che può trasportare sia un carico utile nucleare che convenzionale. Secondo un articolo apparso sull’agenzia TASS, la testata nucleare dell'HGV è "più di 2 megatoni come equivalente in TNT".

Come arma boost-glide, l'Avangard viene portato al suo apogeo da un missile balistico che fino ad ora è stato l'SS-19 "Stiletto" (UR-100NUTTH) ma dovrebbe essere sostituito dall'R-28 Sarmat che è stato appena testato con successo ed entrerà in servizio effettivo entro la fine dell'anno.

Il 23 aprile il capo dell'agenzia spaziale Roscosmos ha annunciato che il nuovo missile balistico intercontinentale Sarmat sarà schierato nella regione siberiana di Krasnoyarsk, a circa 3.000 km (1.860 miglia) a est di Mosca.

Una volta consegnato al suo apogeo suborbitale di circa 100 km, l'HGV si separa dal suo razzo e si dirige verso il suo obiettivo attraverso l'atmosfera.

Secondo le affermazioni dello stesso presidente Putin, l'HGV può navigare a velocità atmosferiche fino a 20 Mach - venti volte la velocità del suono - e può manovrare per rendere imprevedibile la sua traiettoria per l'intercettazione da parte di sistemi di difesa aerea e missilistica.

Dovrebbe anche avere la capacità di dispiegare contromisure durante il volo per confondere i sistemi di difesa.

Veicolo senza pilota subacqueo Poseidon (UUV)

Poseidone è forse la più grande super arma rivoluzionaria nell'arsenale russo, poiché aggiunge un'altra dimensione alla deterrenza nucleare. Il Poseidon è un "siluro autonomo intercontinentale a propulsione nucleare"

La velocità dell'arma dovrebbe essere di circa 70 nodi - più veloce dei siluri esistenti - e secondo alcuni rapporti forse anche 108 nodi che la rendono inarrestabile, mentre la sua profondità operativa si dice che sia di circa 1.000 metri (3.300 piedi), rendendola così irraggiungibile.

Alimentato da un reattore nucleare, il Poseidon UUV ha una portata illimitata che gli offre nuovi livelli di flessibilità operativa in termini di lancio e posizioni di destinazione. Può anche essere lanciato da sotto le calotte di ghiaccio.

Il Poseidon sarà equipaggiato su due sottomarini nucleari, il sottomarino per scopi speciali K-329 Belgorod, che è un progetto modificato del sottomarino missilistico da crociera di classe Oscar II, e i sottomarini a propulsione nucleare di classe Khabarovsk. Ciascuno di questi sottomarini può trasportare sei UUV Poseidon.

Il Poseidon UUV può distruggere i gruppi d'attacco delle portaerei (CSG) e le strutture infrastrutturali nemiche nelle regioni costiere. Molto probabilmente servirà nella flotta del Pacifico che potrebbe rappresentare una minaccia per le basi navali statunitensi sulla costa occidentale e città chiave come Los Angeles.

Gli esperti suggeriscono anche che Poseidon potrebbe avere un'opzione di lancio sul fondale marino o su un sito mobile noto come Skif (????). Le navi ausiliarie russe Zvezdochka (Progetto 20180) e Akademik Aleksandrov (Progetto 20183), entrambe dotate di capacità rompighiaccio, sono coinvolte nei test degli UUV Poseidon.

Missile da crociera a propulsione nucleare Burevestnik

Il russo Burevestnik (RS-SSC-X-09 Skyfall) è un missile da crociera sperimentale a propulsione nucleare con una portata illimitata. Non si sa molto di questo missile, poiché è avvolto nel mistero, ma ci sono una serie di speculazioni al riguardo.

Secondo Alexander Sharkovsky di Nezavisimaya Gazeta, la lunghezza del missile è di 12 metri al lancio e 9 metri in volo. Il naso ha la forma di un'ellisse, di dimensioni 1 metro × 1,5 metri.

Sharkovsky afferma che Burevestnik è un razzo termico nucleare con un motore booster a combustibile solido e presumibilmente la sua testata è una carica termonucleare ad alto rendimento.

Mentre Pavel Ivanov di VPK-news suggerisce che Burevestnik è da una metà e mezzo a due volte più grande del Kh-101 e, a differenza di quest'ultimo, le sue ali non si trovano nella parte inferiore, ma nella parte superiore della fusoliera.

Ivanov afferma inoltre che considerando che c'è un reattore nucleare a bordo, il missile deve pesare diverse volte più del Kh-101 escludendo così il Tu-160 o il Tu-95MS come vettori missilistici per Burevestnik e suggerendo la possibilità di dispiegamento sulle navi.

Secondo l'intelligence statunitense, tra il 2017 e il 2019 ci sono stati diversi test di volo di Burevestnik, ma sono stati tutti fallimenti. Dopo un altro test di lancio fallito nel 2019, uno di questi missili a propulsione nucleare è finito nel Mar Bianco. Durante il tentativo di recupero, il missile è esploso, uccidendo almeno sette specialisti e provocando una fuga di radiazioni.

Le affermazioni riportate da fonti russe indicano che questo missile potrebbe diventare operativo intorno al 2025.

Missile ipersonico lanciato dall'aria Kinzhal

Il Kh-47M2 Kinzhal ha fatto notizia quest'anno dopo che la Russia ha annunciato il 19 marzo di aver distrutto un deposito di armi nel villaggio di Deliatyn nella regione di Ivano-Frankivsk nell'Ucraina occidentale utilizzando i suoi missili ipersonici "Kinzhal", segnando il primo in assoluto uso di un'arma ipersonica.

È stato nuovamente utilizzato il giorno successivo per colpire un deposito di carburante a Kostiantynivka vicino a Mykolaiv.

Lo stesso presidente degli Stati Uniti Joe Biden, parlando del missile in una conferenza stampa, ha affermato che "è quasi impossibile fermarlo".

Il missile può viaggiare alla velocità di 5-12 mach e ha una portata dichiarata di 2000 km. Può montare sia testate convenzionali che nucleari, ma la testata convenzionale può essere sparata più velocemente e con maggiore precisione.

Può essere lanciato da bombardieri Tu-22M3 o intercettori MiG-31K.

A differenza dei missili da crociera ipersonici che utilizzano uno scramjet per la propulsione o un veicolo planante per gestire il rientro, il Kinzhal raggiunge velocità ipersoniche attraverso la pura forza grezza.

Il Kinzhal è entrato in servizio operativo nel 2017 ed è essenzialmente una versione modificata del 9K720 Iskander, un missile balistico a corto raggio lanciato da terra, con un nuovo sistema di guida costruito esclusivamente per operazioni aria-terra, secondo lo statunitense The National Interest.

Il missile è difficile da intercettare a causa della sua capacità di manovrare in tutte le fasi della sua traiettoria di volo.

Missile ipersonico lanciato dalla nave Tsirkon

Tsirkon è un missile ipersonico di manovra a scramjet lanciato verticalmente che viene affermato sia in grado di raggiungere velocità di Mach 9 e volare a un'altitudine di 30-40 km fino a una distanza di 500 km.

Gli esperti stimano la sua capacità di carico utile a 300-400 kg e la lunghezza del missile a 8-10 metri. Tsirkon deve essere lanciato dai lanciatori verticali universali 3S-14 su navi da guerra e sottomarini e dai lanciamissili costieri mobili Bastion.

Il missile può essere armato sia con testate convenzionali che nucleari.

Il missile è stato lanciato per la prima volta nel gennaio 2020 dalla fregata ammiraglio Gorshkov, seguito da numerose prove nel 2020 e nel 2021. Uno dei traguardi più importanti è stato raggiunto nell'ottobre 2021 quando il missile è stato lanciato dal sottomarino di classe Yasen K- 560 Severodvinsk.

Tsirkon viene prima portato in alta quota da un booster a combustibile solido e da lì segue una traiettoria semi-balistica di "skip-glide". Una volta raggiunta la portata del bersaglio, una testata staccabile o energia cinetica viene utilizzata per distruggere il bersaglio.

Il viceministro russo Alexei Krivoruchko ha annunciato a gennaio che il missile Tsirkon è nella fase finale dei test e che la consegna in serie alla Marina inizierà entro quest’anno.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe