Hezbollah con i suoi droni “ha il potere di giocare” con Israele

Hezbollah con i suoi droni “ha il potere di giocare” con Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il canale televisivo israeliano 13 ha evidenziato ieri la potenza dei droni di Hezbollah, che il 2 luglio ha sfidato Israele inviando tre velivoli da ricognizione nel giacimento di gas di Karish nelle acque contese con il regime israeliano Tel Aviv.

Secondo la fonte, la scena successiva potrebbe essere una guerra aerea tra Israele e Hezbollah; pertanto, il regime sionista deve prestare molta attenzione all'incidente di Karish.

Con l'invio dei tre velivoli senza pilota, secondo il media, il segretario generale di Hezbollah, Seyed Hasan Nasrallah, aveva l'obiettivo di inviare il messaggio che il giacimento di gas in questione sarà teatro di conflitto fino alla disputa di confine tra Israele e Libano.

In effetti, si aggiunge, la potenza aerea di Hezbollah è migliorata e una mancanza di risposta da parte del regime di Tel Aviv comporterebbe la continuazione di tali misure; che mostra "il potere di Nasrallah di giocare con Israele", perché sa che "non andremo in guerra a causa dei droni e quindi può provocarci", avvertono i media israeliani.

Il giacimento di Karish, situato nel Mediterraneo orientale, è uno dei principali temi della disputa marittima tra Libano e Israele, che nell'ottobre 2020 ha avviato negoziati sotto l'egida degli Stati Uniti per delimitare il proprio confine marittimo e rimuovere da quello gli ostacoli alla prospezione di idrocarburi.

I colloqui, però, sono stati sospesi a maggio 2021 per divergenze sulla superficie dell'area contesa. La tensione è salita all'inizio di giugno, con l'arrivo nel giacimento di Karish della nave britannica per la prospezione ed estrazione del gas “Eergean Plc”, incaricata dal regime di Tel Aviv per operare in quell'area.

Il governo libanese ha definito l'attività di Israele nel suddetto campo come "provocatoria e ostile", mentre Hezbollah ha minacciato di dare una tempestiva risposta al nemico israeliano se continuerà con le sue azioni provocatorie nell'area contesa.

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti