Golfo di Gabes, scongiurato il disastro ambientale?

Golfo di Gabes, scongiurato il disastro ambientale?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sembra scongiurato il pericolo di un disastro ecologico nelle acque nel Golfo di Gabès, in Tunisia, a seguito dell’ affondamento della “Xelo”, nave di carico commerciale battente bandiera della Guinea Equatoriale, avvenuto lo scorso 16 aprile.

Subito dopo il naufragio i ministeri tunisini di Trasporti e Ambiente avevano parlato della presenza nel relitto di un carico di 750 tonnellate di carburante, basandosi sulle dichiarazioni del capitano della nave affondata.

Scenario, questo , completamene cambiato nei giorni a venire, a seguito delle operazioni congiunte effettuate da subacquei tunisini e italiani, dopo l’arrivo in loco di una nave anti inquinamento inviata dalla Marina italiana. "La nave Xelo affondata nel Golfo di Gabés non contiene diesel e i suoi serbatoi sono vuoti", ha precisato il ministero dell'Ambiente in una nota. Pertanto per le autorità tunisine non ci sarebbe il rischio di inquinamento immediato.

Il capitano della Marina tunisina Mezri Letayef, a capo di un'unità di crisi nel porto di Gabès ha spiegato come i “quattro serbatoi sono pieni di acqua di mare", palesando poi la possibilità che che la nave non sia effettivamente attiva nel trasporto di carburanti.

Già le autorità egiziane avevano negato il fatto che la Xelo fosse partita dalla città di Dalmietta come inizialmente si era sostenuto.

In una vicenda che si tinge di giallo , nel frattempo ieri, proprio il tribunale di Gabés ha spiccato i mandati di arresto per l’equipaggio, con le accuse di “formazione di organizzazione criminale, sabotaggio di nave e danni a cose altrui e dello Stato”.

Nei giorni scorsi poi la magistratura tunisina ha contestualmente avviato due inchieste: una per disastro ambientale e l’altra sulle cause del naufragio.

 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti