EUROSTAT - L'UE raggiunge il numero record di fallimenti aziendali

EUROSTAT - L'UE raggiunge il numero record di fallimenti aziendali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il numero di fallimenti di imprese nell'Unione Europea è aumentato dell'8,4% tra aprile e giugno di quest'anno rispetto al trimestre precedente. Si tratta del dato più alto dal 2015, secondo i dati resi noti dall'Ufficio statistico europeo (Eurostat). Ungheria (40,8%), Lettonia (24,8%) ed Estonia (24,6%) i paesi più colpiti.

Si tratta del sesto trimestre consecutivo di aumento esponenziale secondo Eurostat. I settori più colpiti riguardano i servizi alberghieri e di ristorazione, dove le istanze di fallimento sono aumentate del 23,9%; quello trasporto e logistica, con un aumento del 15,2%.

La recessione economica, l'aumento dei tassi di interesse - che fanno lievitare i costi dei prestiti - e la scadenza delle misure di sostegno governative dell'era della pandemia sono i fattori alla base di questo aumento esponenziale. 

Eurostat non include in questo ultimo rapporto gli ultimi dati relativi alla Germania, protagonista dell'ultima copertina dell'Economist con il titolo: "nuovamente il malato d'Europa". I dati dell'Ufficio Federale di Statistica tedesco relativi al mese di luglio rivelano che il numero di aziende che hanno avviato una procedura fallimentare è aumentato del 23,8% rispetto all'anno precedente. "Stiamo assistendo a uno shock di mercato", ha dichiarato Christoph Niering, responsabile dell'Associazione professionale tedesca dei professionisti dell'insolvenza, al Wall Street Journal.

L'Ifo Institute di Monaco di Baviera ha riferito a luglio che il suo indice di fiducia delle imprese è sceso per il terzo mese consecutivo e che gli imprenditori sono disillusi dallo stato attuale delle loro aziende, riducendo le loro aspettative per il futuro. "La situazione dell'economia tedesca sta diventando sempre più cupa", ha dichiarato il presidente dell'Ifo Clemens Fuest.

Una delle più antiche aziende metallurgiche del Paese, Eisenwerk Erla, ha dichiarato insolvenza a marzo. La direzione dell'azienda, che ha più di 600 anni, ha attribuito la responsabilità della situazione a problemi di approvvigionamento e all'aumento delle tariffe energetiche. La catena di grandi magazzini Galeria Karstadt Kaufhof è fallita alla fine dello scorso anno e si prepara a chiudere un terzo degli oltre 100 negozi che gestisce nel Paese. I dirigenti imputano la crisi agli alti costi dell'energia e alla debolezza dei consumi. Anche il rivenditore di moda Gerry Weber Retail ha annunciato la procedura di insolvenza quest'anno e sta chiudendo 122 dei suoi 171 negozi in Germania. "Questa crisi ha colpito soprattutto le medie imprese, che dipendevano fortemente dai sussidi pubblici e che hanno perso molto", ha dichiarato a BFM Natalia Schaubert, direttore dell'organizzazione sociale tedesca Kolorit.

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti