Elena Basile - Le mie 6 domande rivolte alla Dottoressa Gruber

Elena Basile - Le mie 6 domande rivolte alla Dottoressa Gruber

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



"C’è un diffuso malcontento nella società civile e l’impressione che non sia più possibile analizzare gli eventi di politica internazionale con strumenti culturali idonei approfondendone le cause storiche. Nelle democrazie occidentali nelle quali la libertà di pensiero e di espressione sono pilastri della società liberale, si ascolta lo stesso catechismo, gli stessi slogan sono ripetuti sui media europei. Chi non si conforma rischia di essere criminalizzato, isolato e linciato." Come l'AntiDiplomatico è per noi un grande onore poter rilanciare questo testo, queste 6 domande essenziali rivolte alla giornalista di La 7, Lilli Gruber, da parte dell'ex ambasciatrice Elena Basile.

Buona lettura.


-------------------------


di Elena Basile*


Gentilissima Dott. ssa Gruber,

vorrei rivolgerle alcune domande che mi sono state indirizzate da molti cittadini italiani sui social media. Sono seguita su FB e altri social in quanto ex Ambasciatrice in grado di avere un pensiero non dipendente dalla narrativa occidentale, a volte di aspra critica alla politica degli ultimi decenni degli Stati Uniti e della NATO. Le risposte potrebbero  contribuire a far diminuire il divario impressionante, basti pensare al recente astensionismo dal voto, che esiste tra società civile da un lato e società politica  e spazio mediatico dall’altro.

Ricorderei il contesto. Dopo avere partecipato alla sua trasmissione otto e mezzo il lunedi 9 ottobre, arrivata la sera a casa, ho ricevuto una chiamata dalle sue collaboratrici che, nel sottolineare come gli indici di ascolto della trasmissione fossero cresciuti, mi hanno trasmesso il suo invito a essere presente nuovamente il mercoledi seguente . Paolo Mieli, durante la puntata dell’11 ottobre di otto e mezzo, perse per un secondo la sua elegante ironia, e le si rivolse, con modi un tantino inquisitori, riferendosi alla eventualità che partecipassi con allarmante frequenza  al suo programma. Non sono infatti stata più invitata.

1. Ritiene, dottoressa, che la censura delle voci in grado di rappresentare il dissenso diffuso nella società civile nei confronti della politica estera sostenuta dal centro-sinistra e dal centro-destra, vada a beneficio della democrazia italiana?

2. Condivide la deontologia professionale del conduttore televisivo, Formigli, che attira l’ospite, la sottoscritta, nella trasmissione Piazza Pulita impegnandosi a domande singole iniziali e successivamente non mantiene la promessa e non si scusa ostentando una certa arroganza?
  
3. Ho molto rispetto per le donne che  si sono affermate, malgrado le oggettive difficolta, nei diversi settori professionali. Tendo a dare per scontata la solidarietà femminile. Sono rimasta  sorpresa quando dopo gli attacchi subiti dalla sottoscritta sui principali giornali (sono stata considerata una usurpatrice di titoli, appartenente ai gradi medio bassi della carriera diplomatica) non vi siano state reazioni da parte sua o di altre femministe.  La maggioranza dei capi di rappresentanze diplomatiche sono uomini, Ministri Plenipotenziari con funzioni di Ambasciatori. Una volta cessati dal servizio per una consuetudine di cortesia,  sono chiamati Ambasciatori. Potrei fornirle gli esempi di tanti colleghi Ministri Plenipotenziari uomini introdotti dai giornalisti e conduttori televisivi come Ambasciatori. Si è quindi nel mio caso in presenza di un linciaggio contro un diplomatico donna, una delle poche ai gradi apicali della carriera, che ha espresso un pensiero critico.  Sono ammissibili tali comportamenti in una società democratica che difende le pari opportunità?

4. Ogni qual volta, dottoressa, abbia lodato la sua professionalità e la sua capacità, rispetto a altri conduttori televisivi, di far esprimere ai suoi ospiti un pensiero compiuto malgrado il poco tempo a disposizione, molti cittadini hanno sottolineato che lei partecipa alle riunioni del gruppo Bilderberg, foro che riunisce a porte chiuse le elites imprenditoriali e politiche con i rappresentanti della stampa. Il mondo è troppo complesso a mio avviso per essere diretto da incontri periodici tra gruppi di classi dirigenti. Potrebbe spiegare come sua partecipazione al Bilderberg non la impegni a una precisa agenda politica?

5. In diverse occasioni ho sottolineato la mancanza di un diritto di informazione corretto e pluralista. Ritiene che i giornalisti siano una casta che non possa essere criticata?

6. Nel caso vi fossero dubbi sulla mia collusione con servizi segreti di Stati stranieri (tali diffamazioni sono state numerose sulla stampa) si potrebbe chiedere il parere della mia collega di concorso, Belloni, mai stata Ambasciatrice all’estero e con una splendida carriera interna, oggi Direttrice del DIS?


C’è un diffuso malcontento nella società civile e l’impressione che non sia più possibile analizzare gli eventi di politica internazionale con strumenti culturali idonei approfondendone le cause storiche. Nelle democrazie occidentali nelle quali la libertà di pensiero e di espressione sono pilastri della società liberale, si ascolta lo stesso catechismo, gli stessi slogan sono ripetuti sui media europei. Chi non si conforma rischia di essere criminalizzato, isolato e linciato. Bisogna  affermare che  Putin è un criminale di guerra, che l’aggressione russa non è stata provocata, che  Israele ha il diritto di difendersi per poter essere considerati persone a modo. Un incubo Orwelliano di cui la gente soffre e che fa male alla democrazia. Come protagonista del giornalismo italiano sarebbe importante si esprimesse sui temi che le ho riassunto.

* Scrittrice. Ex Ambasciatrice italiana in Svezia e in Belgio 

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti