Deputati Usa: sanzionare l'Algeria per accordi con Mosca

Deputati Usa: sanzionare l'Algeria per accordi con Mosca

 

Ventisette membri del Congresso hanno inviato una lettera indirizzata al Segretario di Stato americano Anthony Blinken il 30 settembre chiedendo l'imposizione di sanzioni contro l'Algeria per i suoi accordi sulle armi con la Russia.

Nella lettera, i 27 legislatori statunitensi, guidati dalla deputata repubblicana Lisa McClain, hanno mostrato preoccupazione per quella che hanno definito una relazione crescente tra Mosca e Algeri.

Secondo quanto riferito, gli accordi sulle armi in questione, firmati lo scorso anno, valevano circa 7 miliardi di dollari e includevano la vendita degli aerei da guerra russi Su-57 all'Algeria, che Mosca non ha fornito a nessun altro stato.

Secondo le preoccupazioni evidenziate nella lettera, l'accordo rende l'Algeria il terzo maggior destinatario di armi russe nel mondo.

I legislatori hanno chiesto l'imposizione delle sanzioni ai sensi del Countering America's Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA), approvato dal Congresso nel 2017.

In base a questo atto, vengono imposte sanzioni a qualsiasi paese per intraprendere transazioni con i dipartimenti di intelligence o di difesa del governo russo.

“Questo recente acquisto di armi Algeria-Russia sarebbe chiaramente classificato come “una transazione significativa” ai sensi della CAATSA. Eppure, nessuna sanzione a sua disposizione è stata predisposta dal Dipartimento di Stato", si lamenta nella lettera a Blinken.

"Pertanto, vi chiediamo di iniziare immediatamente ad attuare sanzioni contro coloro che nel governo algerino sono coinvolti nell'acquisto di armi russe", conclude la missiva.

Si ipotizza che dietro questo obiettivo di sanzionare Algeri ci sia Israele, dal momento che il motivo che Tel Aviv non un esercito algerino rafforzato a sud del Mediterraneo, soprattutto data la posizione del paese nordafricano contro l'occupazione e il sostegno ai Palestinesi.

L'Algeria e la Russia hanno storicamente goduto di buone relazioni. L'Unione Sovietica è stato il primo paese a stabilire relazioni diplomatiche con l'Algeria dopo la sua indipendenza dall'occupazione coloniale francese nel 1962.

Le relazioni tra i due paesi sono state di recente più forti, con entrambi che hanno lavorato per l'Algeria per diventare infine un membro del gruppo di economie emergenti Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa (BRICS).

Il gruppo BRICS delle economie emergenti rappresenta un'alternativa al sistema economico dominante statunitense e guidato dall'Occidente, in particolare per i paesi colpiti negativamente dalle sanzioni occidentali.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nasce NOI - Nuovo Ordine Internazionalista di Emanuele Dessì Nasce NOI - Nuovo Ordine Internazionalista

Nasce NOI - Nuovo Ordine Internazionalista

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Storia di una tragedia annunciata di Gilberto Trombetta Storia di una tragedia annunciata

Storia di una tragedia annunciata

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

La fine del PCI e la distruzione della ragione di Paolo Pioppi La fine del PCI e la distruzione della ragione

La fine del PCI e la distruzione della ragione

La grande storia della nascita e della morte del denaro di Damiano Mazzotti La grande storia della nascita e della morte del denaro

La grande storia della nascita e della morte del denaro