Con i reparti di terapia intensiva vuoti Conte proroga l'emergenza fino al 31 dicembre

Con i reparti di terapia intensiva vuoti Conte proroga l'emergenza fino al 31 dicembre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Giuseppe Masala
 

Che Conte sia una persona particolarmente ambigua l'abbiamo detto da illo tempore ma qui ormai si sta esagerando. La notizia che il Governo voglia prorogare lo "stato di emergenza" a causa della Pandemia fino al 31 Dicembre preoccupa profondamente. Qui è in gioco la tenuta democratica del paese e le garanzie costituzionali dei cittadini.


 

Di grazia, il Professor Conte, a quale emergenza sanitaria si riferisce? In Italia al momento non c'è alcuna emergenza sanitaria, i reparti di terapia intensiva sono vuoti da malati Covid19, così come gli ospedali. E pochi malati che si stanno scoprendo sono extracomunitari perlopiù bengalesi lasciati entrare scriteriatamente a causa di una decisione folle del Ministro della Sanità. Di cosa stiamo parlando? Cosa ci stanno nascondendo?
 

A livello economico, davvero stupefacente il dato della produzione industriale italiana: + 42,2% rispetto al mese di Aprile. Su base annua rimaniamo ancora ad un -20,3%.

Ma il dato rimane spaventoso considerato il fatto che il tessuto produttivo italiano non ha ottenuto nulla dallo stato al di là di proclami roboanti e anzi, la maggior parte delle aziende ha dovuto agire come banca per i propri dipendenti anticipando la cassa integrazione straordinaria. Ovviamente manco vale la pena fare i paragoni con lo tzunami di soldi veri ottenuto dalle aziende tedesche, americane e giapponesi. La capacità di resistenza degli italiani non ha eguali al mondo. Sono trenta anni che prendiamo batoste a causa di una classe dirigente che ormai non si sia più se definire criminale o cretina e del loro sogno europoide e nonostante tutto siamo ancora qui. A Bruxelles e a Berlino qualcuno s'è sentito male per l'invidia e l'odio.

Ovviamente i problemi sono tutti sul tavolo, ma questo è davvero un buon segno.

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano di Michelangelo Severgnini Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

I giornali preparano la (solita) trappola mortale di Pasquale Cicalese I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente