Cina, J-20: un caccia rivoluzionario per avere il controllo dei cieli

Cina, J-20: un caccia rivoluzionario per avere il controllo dei cieli

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il caccia cinese J-20 si prospetta come un velivolo moderno e capace di spostare gli equilibri nella regione. Secondo alcuni analisti il cui punto di vista è riportato dal quotidiano ‘The Express Tribune’ il caccia sviluppato da Pechino sarà il vero punto di svolta nella regione.

"Il J-20 è davvero un grande punto di svolta per la nostra regione”, ha dichiarato il generale di divisione aerea Shahzad Chaudhry. Aggiungendo che il jet da combattimento di fascia alta cinese introdurrebbe nuove tecnologie e nuove capacità nella regione per la prima volta.

L'esperto della difesa ha affermato che l'unico altro jet da combattimento che può essere paragonato al J-20 è l'F-35 di fabbricazione statunitense e chiunque in Pakistan e in India ottenga uno di questi jet per primo avrà un vantaggio sull'altro.

Di converso i Rafale francesi acquisiti dall’India, secondo il generale, non hanno portato nessuna novità tecnologica nella regione. 

Come si è evoluto il J-20?

Durante i tre anni in cui è stato in servizio, il caccia cinese è stato soggetto a molteplici cambiamenti. Uno dei più importanti è stato il cambio di motori. Le prime unità del Drago Potente erano azionate dai motori russi AL-31FM2, del bombardiere tattico Su-34. Tuttavia, ora i J-20 sono equipaggiati con i motori WS-10B e WS-10C di produzione nazionale.

Inoltre, i caccia cinesi continuano ad essere aggiornati con nuovi rivestimenti anti-radar, sistemi di combattimento radio-elettronici più avanzati, nonché nuove armi e sottosistemi. Ne sono un esempio i missili aria-aria PL-15 a lungo raggio introdotti dalla Cina negli anni 2010.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra