Bharat Dogra - Senza i 22 anni di “guerra al terrorismo” si sarebbero potuto salvare oltre 10 milioni di vite

Bharat Dogra - Senza i 22 anni di “guerra al terrorismo” si sarebbero potuto salvare oltre 10 milioni di vite

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Bharat Dogra* - CounterCurrents


Il movimento per la pace in varie parti del mondo ha sottolineato in vari contesti che se le ingenti somme spese per le varie guerre fossero state spese invece per soddisfare i bisogni civili essenziali, oltre ad evitare la perdita di vite umane causata dai combattimenti e dai bombardamenti effettivi causa della perdita delle infrastrutture sanitarie distrutte dalle bombe, molte vite avrebbero potuto essere salvate anche dirottando le spese belliche verso bisogni civili essenziali attualmente non soddisfatti.

Nel contesto della “guerra al terrorismo” durata 22 anni, lanciata dagli Stati Uniti e da alcuni dei loro più stretti alleati nel 2001, si stima che, evitando ciò e deviando la spesa stimata di circa 8.000 miliardi di dollari (al ritmo di circa un miliardo di dollari USA) dollari al giorno o 700.000 dollari al minuto), sarebbe stato possibile salvare oltre 10 milioni di vite umane, cifre quasi uguali in patria e all’estero (circa 5 milioni all’estero e circa 5 milioni negli USA). Inoltre, si sarebbero evitati feriti gravi e invalidità per un gran numero di persone. Circa 38 milioni di persone avrebbero potuto essere salvate dallo sfollamento. Non si sa quanti terroristi questa guerra ha eliminato, ma certamente ne sono stati creati molti nuovi, compresi alcuni gruppi terroristici e settari molto pericolosi.

Il Costs of War Project della Brown University (USA) aveva stimato in circa 920.000 morti diretti derivanti dalla violenza (combattimenti veri e propri, bombardamenti, ecc.) causata dalla guerra terroristica degli Stati Uniti post 11 settembre a circa 920.000 (poco meno di un milione, o 0,9 milioni, questa cifra include i soldati statunitensi morti), aggiungendo che se si contano anche tutte le morti indirette legate alla “guerra al terrorismo” (ad esempio le morti causate successivamente da malattie derivanti dalla distruzione di strutture igienico-sanitarie durante i bombardamenti), allora il numero di questi decessi potrebbe rivelarsi molto più elevato, anzi potrebbe essere molte volte superiore. Quest’anno questo progetto ha anche pubblicato le sue stime sulle morti indirette causate nella Guerra al terrorismo. Queste morti causate indirettamente sono state stimate tra 3,6 e 3,7 milioni. Se a questi si aggiungono le morti dirette causate in precedenza.

I dettagli per raggiungere questa stima sono stati forniti in un documento accuratamente studiato e ampiamente citato, intitolato in modo significativo “Come la morte sopravvive alla guerra: l’impatto riverberante delle guerre successive all’11 settembre sulla salute umana”. Questo importante articolo scritto da Stephanie Savell è una conferma delle tendenze passate (come nella guerra di Corea) secondo cui le morti indirette continuano molto tempo dopo la guerra vera e propria e possono essere molto più elevate delle morti di guerra immediate.

Sebbene questo studio affermi chiaramente che il bilancio totale delle vittime nelle zone di guerra come Afghanistan, Pakistan, Iraq, Siria e Yemen dopo l’11 settembre potrebbe essere compreso tra 4,5 e 4,6 milioni (con circa 38 milioni di sfollati), sostiene anche che sono così tanti gli aspetti della vita che sono colpiti dalla guerra che potrebbe non essere possibile ottenere stime molto precise e anche queste stime sono presentate in una situazione ancora in corso. Poiché in questi paesi il numero di bambini gravemente malnutriti affetti da “deperimento” è molto elevato e la fame e le privazioni sono diffuse, la tragedia continua ancora.

Mentre la stima principale sembra concentrarsi sui cinque paesi sopra menzionati, in questo rapporto viene discussa anche la tragica situazione di alcuni altri paesi come la Somalia e la Libia. Specialmente nel contesto della Somalia si ritiene anche che, date le gravi condizioni di carestia che regnano qui, le leggi antiterrorismo avrebbero potuto incidere negativamente anche sugli aiuti di cui hanno disperatamente bisogno le persone che muoiono di fame.

Questo studio ci dice che, mentre gli effetti a lungo termine della guerra continuano a causare sempre più morti, disabilità e disagio, a volte questi decessi possono addirittura aumentare con il passare del tempo. Nel caso dell’Iraq, il numero di bambini che soffrono di difetti congeniti e disabilità potrebbe essere molto elevato, sebbene ciò sia stato negato da altri. Esistono numerosi esempi di rischi per la salute a lungo termine derivanti da diverse armi, bombe e munizioni estremamente pericolose.

Tenendo in considerazione tutti questi fattori e includendo anche i paesi esclusi dalle stime della Brown University, è probabile che il bilancio delle vittime nella guerra al terrorismo abbia superato i 5 milioni.

Consideriamo ora le possibilità di utilizzo alternativo degli oltre 8.000 miliardi di dollari spesi per la Guerra al Terrore in un periodo di 22 anni (al ritmo di circa 365 miliardi di dollari all'anno). Confrontate questo dato con le stime di bilancio presentate dai funzionari del Programma Alimentare Mondiale, secondo le quali sarebbero necessari 40 miliardi di dollari l’anno per porre fine alla fame a livello mondiale. Più vicino a casa, negli Stati Uniti, sono aumentati i problemi di fame, malnutrizione, senzatetto, negazione dei servizi sanitari e dei servizi essenziali. La mortalità correlata alla povertà negli Stati Uniti è stata stimata in circa 200.000 decessi all’anno (studio di David Brady pubblicato su JAMA Internal Medicine aprile 2023). La mortalità in eccesso negli Stati Uniti (definita come mortalità superiore alla mortalità nei paesi con livelli simili di prosperità) è stata stimata a circa 600.

Se l’80% dei quasi 365 miliardi di dollari spesi ogni anno per la Guerra al Terrore fosse stato speso per soddisfare i bisogni essenziali non soddisfatti del popolo degli Stati Uniti, ciò avrebbe comportato il salvataggio di almeno 250.000 vite umane in un anno, ovvero oltre 5 milioni di vite in un periodo di 22 anni.

Se il 19% dei 365 miliardi di dollari spesi ogni anno per la Guerra al Terrore fosse stato speso in programmi di riduzione della fame nelle aree più colpite dalla fame a livello mondiale, anche questo avrebbe salvato molte preziose vite umane.

Se il restante 1% fosse stato speso per un’indagine assolutamente onesta e trasparente sull’enorme tragedia degli attacchi dell’11 settembre, e questa indagine fosse stata coordinata da alcune delle persone più colte e di massima integrità negli Stati Uniti, allora forse non ci sarebbe stato alcuna necessità e giustificazione per qualsiasi guerra del genere.


(Traduzione de l'AntiDiplomatico)


*Giornalista freelance, autore, ricercatore, attivista. Tra le sue pubblicazioni si ricordano Planet in Peril, Protecting Earth for Children, Earth without Borders and A Day in 2071.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti