Bernardo Arévalo denuncia un "golpe in atto" in Guatemala

Bernardo Arévalo denuncia un "golpe in atto" in Guatemala

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente eletto del Guatemala, Bernardo Arévalo, ha denunciato l'esistenza di un colpo di Stato in corso per rompere l'ordine costituzionale, in riferimento alle azioni contro il suo partito Semilla.

"C'è un gruppo di politici e funzionari corrotti che si rifiuta di accettare questo risultato", ha dichiarato il sociologo in una conferenza stampa, nonostante abbia vinto le elezioni dello scorso 20 agosto.

"È stato messo in atto un piano per rompere l'ordine costituzionale e violare la democrazia. Queste azioni costituiscono un colpo di Stato promosso dalle istituzioni che dovrebbero garantire la giustizia nel nostro Paese".

Insieme alla vice-presidente eletta Karin Herrera, ha accusato il Procuratore generale Consuelo Porras, il capo della Procura speciale contro l'impunità Rafael Curruchiche e il settimo giudice di istanza penale, Fredy Orellana.

Compresi "il Consiglio direttivo del Congresso della Repubblica e altri attori corrotti e antidemocratici", ha denunciato l'ex diplomatico, che ha considerato le azioni una presa in giro della volontà popolare espressa liberamente alle urne.

Le ha descritte come false, illegittime e illegali in diversi casi, con l'obiettivo di impedire l'insediamento delle autorità elette, compresi i deputati del suo gruppo.

Tutto questo, ha aggiunto, indebolisce e nega l'autorità e la legittimità che il popolo guatemalteco ha costituzionalmente conferito.

Arévalo ha invitato il popolo guatemalteco, la società civile, gli imprenditori e i lavoratori, il movimento popolare, le chiese e le autorità indigene, gli studenti e altri attori sociali a unirsi in difesa della democrazia e del rispetto senza limitazioni della volontà popolare.

"Faccio appello a tutti noi affinché ci uniamo per sconfiggere le forze golpiste che stanno cercando di tenerci sommersi nella corruzione, nell'impunità e nella povertà".

Arévalo ha avvertito che ci sono ancora quattro mesi prima dell'insediamento in cui le "mafie politiche" cercheranno di consumare il colpo di Stato.

In mezzo a una campagna di discredito, disinformazione e delegittimazione, Arévalo ha vinto il secondo turno delle elezioni con oltre 20 punti di vantaggio sulla sua rivale Sandra Torres, dell'Unità nazionale della speranza (UNE).

Nulla può impedirgli di entrare in carica il 14 gennaio 2024, ha dichiarato dopo che il capo del Registro Cittadino del Tribunale Supremo Elettorale (TSE), Ramiro Muñoz, si è conformato alla sentenza di Orellana e ha cancellato Semilla.

Le manovre, tuttavia, continuano in diversi ambiti, ed è stato persino avvisato di piani per assassinarlo, dato il pericolo che egli rappresenti per alcuni "una nuova primavera" e dia avvio a una reale lotta alla corruzione. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti