Bengasi. Stringere le mani ad un ministro di un governo che per l'occidente non esiste

Bengasi. Stringere le mani ad un ministro di un governo che per l'occidente non esiste

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

BENGASI CAPITALE DELL'ISIS IN NORD AFRICA: 2014-2016

A poche ore dal nostro arrivo a Bengasi.

Ritrovarsi nel centro storico della città, costruito dagli Italiani e distrutto dall'Isis come se fosse un quartiere di Homs in Siria.

Eppure questi muri crivellati di colpi non li abbiamo visti.

Non sono proprio entrati nel nostro immaginario.

Eppure queste distruzioni fanno ancora più male. Perché ci riguardano. Perché non abbiamo fatto niente in soccorso dei libici occupati dall'Isis.

Anzi, forse ci dispiace un po' che a Bengasi si siano liberati da soli.

Da soli... grazie a Khalifa Haftar, come ci ripetono qui.

Il suo coraggio ha unito i libici che hanno combattuto per liberare le città dell'est della Libia.

All'ovest invece, a Tripoli, ci siamo noi e soprattutto i Turchi. Così almeno garantiamo la presenza dei gruppi armati e delle milizie.

E garantiamo che la guerra continui, così come la schiavitù, la tratta di esseri umani e tutto il resto.

BENGASI: LA CITTÀ CHE NON ESISTE

Ho cominciato oltre 4 anni fa, mettendomi in contatto sui social con chi stava in Libia, migranti-schiavi e libici, chiedendo loro di raccontarmi un'altra storia.

Oggi, a Bengasi, ho stretto la mano e ho chiacchierato con Ahmed Houma, ministro della difesa del governo Bashagha, il legittimo governo libico, forte del voto di fiducia del parlamento. Governo non riconosciuto dall'Occidente e costretto ad un esilio interno nell'est del Paese dalle milizie di Tripoli che noi finanziamo in chiave coloniale, per saccheggiare il petrolio libico.



Dalle nottate insonni nella mia stanza a chattare con ignoti, fino alla stanza di un ministro di un governo che per l'Occidente non esiste, ma per i Libici è tutto ciò che hanno. Sono venuto qui per dire loro una cosa: c'è una parte di Italia che ora vi conosce, che ora sa chi siete, che ora sa quanto il popolo libico vi ami e che oggi, come i partigiani nel secolo scorso, non si riconosce nelle politiche coloniali del proprio paese.


--------------------------------

COMPRA DI MICHELANGELO SEVERGNINI:


L'URLO: SCHIAVI IN CAMBIO DI PETROLIO



Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente