Assange. Risoluzione bipartisan al congresso Usa per far cadere tutte le accuse

Assange. Risoluzione bipartisan al congresso Usa per far cadere tutte le accuse

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Agata Iacono


Una risoluzione bipartisan del Congresso chiede alle autorità statunitensi di revocare tutte le accuse contro Assange, perchè il suo era giornalismo e non spionaggio.

Il deputato repubblicano Paul Gosar ha presentato una risoluzione in cui si afferma che "le attività giornalistiche regolari" sono protette dal Primo Emendamento e che il governo degli Stati Uniti dovrebbe porre fine al procedimento giudiziario contro il fondatore di Wikileaks Julian Assange, accusato di aver pubblicato documenti militari statunitensi classificati.
 
La risoluzione bipartisan presentata mercoledì è stata co-sponsorizzata dai rappresentanti James McGovern, D-Mass.; Thomas Massie, R-Ky.; Marjorie Taylor Greene, R-Ga.; Anna Paulina Luna, R-Fla.; Eric Burlison, R-Mo.; Jeff Duncan, R-S.C.; Ilhan Omar, D-Minn., e Clay Higgins, R-La.
 
"Considerando che le normali attività giornalistiche, compreso l'ottenimento e la pubblicazione di informazioni, sono protette dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti", si legge nella risoluzione.
 
Assange sta affrontando 17 capi d'accusa per presunta ricezione, possesso e comunicazione di informazioni classificate al pubblico ai sensi dell'Espionage Act e un'accusa di cospirazione per commettere intrusioni informatiche. Le accuse sono state mosse dall'amministrazione Trump in relazione alla pubblicazione nel 2010 dei cablogrammi che l'analista dell'intelligence dell'esercito americano Chelsea Manning ha fatto trapelare a Wikileaks in dettaglio sui crimini di guerra commessi dal governo degli Stati Uniti a Guantánamo Bay, a Cuba, nel campo di detenzione, in Iraq e in Afghanistan. I materiali hanno anche esposto casi di tortura e rendition da parte della CIA.
 
Nella risoluzione si legge che Assange, un cittadino australiano, è stato accusato dal governo degli Stati Uniti per la presunta cospirazione per commettere intrusioni informatiche con l'accusa di aver aiutato Manning ad accedere ai computer del Dipartimento della Difesa senza autorizzazione, anche se Manning "aveva già accesso al computer menzionato, la presunta violazione dei computer del Dipartimento della Difesa era impossibile e non c'era alcuna prova che il signor Assange avesse avuto alcun contatto" (con Manning).
 
"Considerando che, nel 2010, WikiLeaks, un'organizzazione mediatica fondata da Julian Assange, ha pubblicato una cache di centinaia di migliaia di informazioni, tra cui documenti di valutazione dei detenuti di Guantánamo Bay, cablogrammi del Dipartimento di Stato, file sulle regole di ingaggio e altri rapporti militari degli Stati Uniti", si legge nella risoluzione. "Considerando che la divulgazione di queste informazioni ha promosso la trasparenza pubblica attraverso l'esposizione dell'assunzione di prostitute bambine da parte degli appaltatori del Dipartimento della Difesa, gli incidenti di fuoco amico, le violazioni dei diritti umani, le uccisioni di civili e l'uso della guerra psicologica da parte degli Stati Uniti".
 
Assange è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh a Londra da quando è stato rimosso dall'ambasciata ecuadoriana l'11 aprile 2019, per aver violato le condizioni della cauzione. Aveva chiesto asilo all'ambasciata dal 2012 per evitare di essere mandato in Svezia con l'accusa di aver violentato due donne, perché la Svezia non avrebbe fornito garanzie che lo avrebbe protetto dall'estradizione negli Stati Uniti. Le indagini sulle accuse di violenza sessuale sono state infine archiviate.
 
Se venisse estradato negli Stati Uniti dopo aver esaurito tutti i suoi appelli legali, Assange affronterebbe il processo ad Alexandria, in Virginia, e potrebbe essere condannato fino a 175 anni in un carcere di massima sicurezza americano.
 
La risoluzione arriva dopo molti altri sforzi bipartisan quest'anno da parte dei legislatori negli Stati Uniti e nel paese natale di Assange, l'Australia, che chiedono agli Stati Uniti di ritirare le accuse e porre fine alle loro richieste di estradizione.
 
Il mese scorso, infatti , più di una dozzina di legislatori statunitensi hanno sottoscritto una lettera firmata da McGovern e Massie, che è stata inviata al presidente Biden esortandolo a porre fine all'accusa contro Assange. A settembre, una delegazione di legislatori australiani ha visitato Washington, D.C., per incontrare funzionari statunitensi e sostenere la libertà di Assange.
In occasione del quarto anniversario dell'arresto di Assange ad aprile, la deputata Rashida Tlaib, democratica del Michigan, ha inviato una lettera al Dipartimento di Giustizia firmata da alcuni membri della Camera chiedendo di ritirare le accuse.
 
Nel 2020, una risoluzione simile è stata presentata da Massie e dall'ex deputata Tulsi Gabbard, che era una democratica mentre era in carica, che ha difeso la stampa libera e ha chiesto il ritiro delle accuse contro Assange. Massie ha anche precedentemente sponsorizzato una legislazione bipartisan per riformare l'Espionage Act e proteggere informatori e giornalisti.
 
Nessun editore era stato incriminato ai sensi dell'Espionage Act fino ad Assange, che molti sostenitori della libertà di stampa descrivono come un pericoloso precedente destinato a criminalizzare il giornalismo. I pubblici ministeri statunitensi e i critici di Assange hanno sostenuto che la pubblicazione di materiale classificato da parte di WikiLeaks ha messo a rischio la vita degli alleati degli Stati Uniti, ma non ci sono prove che la pubblicazione dei documenti abbia messo in pericolo qualcuno.
 
"Considerando che il successo dell'incriminazione del signor Assange ai sensi dell'Espionage Act creerebbe un precedente che consentirebbe agli Stati Uniti di perseguire e imprigionare i giornalisti per attività protette dal Primo Emendamento, tra cui l'ottenimento e la pubblicazione di informazioni, cosa che si verifica regolarmente", si legge nella risoluzione di mercoledì. "Considerando che la libertà di stampa sancita dal Primo Emendamento è essenziale per promuovere la trasparenza pubblica ed è una salvaguardia cruciale per la nostra Repubblica".
 
"Considerando che numerosi difensori e organizzazioni per i diritti umani, la libertà di stampa e i diritti alla privacy hanno rivelato il loro sincero e fermo sostegno al signor Assange", ha aggiunto la risoluzione.
 
Inoltre, i redattori e gli editori di questi organi di stampa statunitensi ed europei che hanno lavorato con Assange alla pubblicazione di estratti da oltre 250.000 documenti ottenuti nella fuga di notizie di Cablegate – The Guardian, The New York Times, Le Monde, Der Spiegel e El País – hanno scritto una lettera aperta l'anno scorso chiedendo agli Stati Uniti di ritirare le accuse contro Assange.
 
L'amministrazione Obama ha deciso di non incriminare Assange nel 2013 per la pubblicazione dei cablogrammi riservati da parte di WikiLeaks nel 2010 perché avrebbe dovuto incriminare anche i giornalisti delle principali testate giornalistiche che hanno pubblicato gli stessi materiali. L'ex presidente Obama ha anche commutato la condanna a 35 anni di Manning per violazioni dell'Espionage Act e altri reati a sette anni nel gennaio 2017, e Manning, che era in carcere dal 2010, è stato rilasciato più tardi nello stesso anno.

Ma il Dipartimento di Giustizia dell'ex presidente Trump si è successivamente mosso per incriminare Assange ai sensi dell'Espionage Act, e l'amministrazione Biden ha continuato a perseguire il suo processo.
 
Durante l'amministrazione Trump, la CIA avrebbe avuto in programma di uccidere Assange per la pubblicazione di strumenti di hacking sensibili dell'agenzia noti come "Vault 7", che secondo l'agenzia rappresentavano "la più grande perdita di dati nella storia della CIA", ha riferito Yahoo nel 2021. L'agenzia è stata accusata di aver discusso "ai più alti livelli" dell'amministrazione sui piani per assassinare Assange a Londra e ha seguito gli ordini dell'allora direttore della CIA Mike Pompeo di redigere "schizzi" e "opzioni" di uccisione.
 
La CIA aveva anche avanzato piani per rapire Assange e aveva preso la decisione politica di incriminarlo, secondo il rapporto.
 
WikiLeaks ha anche pubblicato comunicazioni interne nel 2016 tra il Comitato Nazionale Democratico e la campagna della candidata presidenziale Hillary Clinton che hanno rivelato i tentativi del DNC di sostenere Clinton nelle primarie democratiche di quell'anno.
 
La risoluzione di Gosar afferma che "le normali attività giornalistiche, compreso l'ottenimento e la pubblicazione di informazioni, sono protette dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti", che "la libertà di stampa del Primo Emendamento promuove la trasparenza pubblica ed è cruciale per la Repubblica Americana", che "il governo federale dovrebbe far cadere tutte le accuse e i tentativi di estradizione di Julian Assange" e che "il governo federale consente a Julian Assange di tornare a casa la sua nativa Australia, se lo desidera".

 
Fonte, pubblicata da Marcello Foa su X, Bipartisan congressional resolution calls on US officials to drop charges against Julian Assange https://www.foxnews.com/politics/bipartisan-congressional-resolution-calls-us-officials-drop-charges-against-julian-assange

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti