Asap: il nuovo passo del Parlamento europeo verso la belligeranza attiva

Asap: il nuovo passo del Parlamento europeo verso la belligeranza attiva

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Sergio Cararo - Contropiano

Si chiama Asap (Act in Support of Ammunition Production) la risoluzione con cui il Parlamento europeo ha dato il via libera al piano che prevede lo stanziamento di un miliardo di euro per accelerare la produzione da parte delle industrie militari europee delle munizioni da inviare alla guerra in Ucraina.

Il documento che approfondisce il coinvolgimento della Ue nella guerra è stato approvato con una maggioranza schiacciante e decisamente inquietante: 446 voti a favore, 67 contrari e 112 astenuti. Per il PD di Elly Schlein è stata un’altra giornata storta.

Nel maldestro tentativo di tenere come al solito i piedi in due staffe (si all’invio di armi all’Ucraina ma non attraverso i fondi di coesione sociale europei)  gli emendamenti presentati dal gruppo dei Socialisti e democratici, sostenuti dalla delegazione del Partito Democratico, che chiedevano l’esclusione ai fini del programma sia dei soldi del Pnrr che dei fondi della coesione sociale, sono stati respinti dalla maggioranza del Parlamento

Gli europarlamentari italiani che hanno votato contro un documento che ratifica un nuovo passaggio guerrafondaio della UE, sono stati quelli del Movimento 5 Stelle, ma anche Massimiliano Smeriglio (eletto come indipendente nelle file del Pd, e non iscritto al partito) e i Verdi Rosa D’Amato e Piernicola Pedicini.

Si sono invece astenuti gli eurodeputati del PD Pietro Bartolo, Camilla Laureti, Achille Variati e Franco Roberti. Alla fine il PD guidato da Elly Schlein, dopo la bocciatura dei suoi emendamenti, ha comunque detto di sì al provvedimento generale. Si sono astenuti anche gli europarlamentari Sergio Berlato di Fratelli d’Italia e l’indipendente Dino Giarrusso.

Secondo il progetto presentato lo scorso 3 maggio dalla Commissione europea, la metà delle risorse messe a disposizione per la produzione di munizioni arriverà direttamente dalle casse di Bruxelles, mentre i restanti 500 milioni di euro saranno stanziati dai singoli Stati della Ue che potranno attingere anche ai fondi del Recovery Found e quindi dei Pnrr.

L’Asap (Act in Support of Ammunition Production), fa parte del piano per il sostegno militare dell’Ucraina, messo a punto dall’Alto rappresentante per la politica estera della Ue Joseph Borrell.

Il piano ha l’obiettivo di fornire urgentemente munizioni e missili all’Ucraina e aiutare gli Stati membri a ricostituire ed aumentare le proprie scorte di armamenti. I fondi serviranno principalmente ad aumentare la capacità produttiva delle industrie militari, a finanziare il riadattamento delle vecchie munizioni ed ad incentivare la priorità delle spedizioni militari all’Ucraina rispetto ai contratti già firmati con altri paesi.

Il Parlamento di Strasburgo, si è ormai convertito in un consesso di guerrafondai, espressione coerente con una Unione Europea marcata da un segno chiaramente reazionario.

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti