Aggressioni a catena. Ad Israele non basta la Siria, attacca anche il Libano

Aggressioni a catena. Ad Israele non basta la Siria, attacca anche il Libano

Foto di repertorio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Eccoci sul pianeta impunità. Non si trova in qualche galassia sperduta, è in Medio Oriente sorge sui territori palestinesi occupati e si chiama Stato di Israele. In questo Stato/Pianeta, tutto è concesso, dal bombardare altri paesi sovrani, violare i diritti dei palestinesi segregandoli in un regime di apartheid o possedere arsenali nucleari.

Ieri, un'altra dimostrazione, infatti, il regime israeliano ha attaccato con carri armati e obiettivi di artiglieria in Libano e una fonte libanese stima a 22 il numero di proiettili lanciati contro il Paese arabo.

L'esercito israeliano ha riferito in un comunicato di aver bombardato, all'inizio della giornata, obiettivi in ??Libano in risposta al lancio di due razzi, dal sud del territorio libanese, verso il nord dei territori palestinesi occupati. 

 

 

Secondo la nota, il presunto lancio dei razzi ha attivato le sirene nelle zone di confine, pur non lasciando vittime né danni materiali. Allo stesso modo, la nota specifica che il sistema antimissile israeliano Iron Dome potrebbe aver intercettato solo uno dei razzi, mentre l'altro ha colpito un'area vuota.

Una fonte della sicurezza libanese, citato in forma anonima dal Jerusalem Post, ha affermato che sul Libano sono stati sparati almeno 22 proiettili.

Sebbene non sia ancora noto chi abbia lanciato i razzi contro i territori occupati, Israele esclude il coinvolgimento del Movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah).

Attacchi in Siria

Prima di attaccare il Libano, le difese aeree siriane avevano intercettato un attacco israeliano nella campagna di Aleppo, come hanno riferito i media statali siriani, mentre sono state segnalate esplosioni anche vicino all'aeroporto di al-Nayrab.

L'attacco è avvenuto nella zona di al-Safirah, sud di Aleppo, nella tarda notte di lunedì, secondo l'agenzia di stampa siriana araba, condividendo anche presunti filmati del momento in cui le munizioni sono state intercettate. 

 

 

 

Sono circolati anche altri video che mostravano gli attacchi, con esplosioni segnalate nelle vicinanze dell'aeroporto al-Nayrab, un sobborgo di Aleppo. I funzionari siriani non hanno confermato se gli obiettivi sono stati colpiti con successo.

 

 

Tel Aviv ha già bombardato la regione di al-Safirah, affermando di aver preso di mira strutture gestite dalla Forza Quds iraniana. L'ultimo attacco israeliano segnalato nell'area è avvenuto lo scorso settembre.

 

 

Mentre i funzionari israeliani raramente confermano tali operazioni, gli aerei da guerra delle forze di difesa israeliane (IDF) attaccano regolarmente e impunemente il territorio siriano con il pretesto di colpire le postazioni iraniane. Teheran, con Mosca ha sostenuto Damasco nella sua lotta contro il terrorismo ed è presente in Siria su precisa richiesta del governo siriano.

 

Gli attacchi ad Aleppo arrivano meno di 24 ore dopo che le milizie irachene hanno denunciato che un drone americano ha preso di mira un camion che trasportava rifornimenti nella Siria orientale, come riportato dall'Associated Press e dai media statali siriani. 

Sono emerse anche fotovideo non confermati che mostrerebbero le conseguenze dell'attacco. 

Sebbene l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden abbia effettuato diversi attacchi aerei in Iraq e Siria da quando è salita al potere a gennaio, il Pentagono non ha confermato l'operazione di domenica scorsa.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti