WSJ: La visita di Biden in Arabia Saudita è stata "più che imbarazzante"

WSJ: La visita di Biden in Arabia Saudita è stata "più che imbarazzante"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La visita del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in Arabia Saudita, durante il suo tour in Medio Oriente la scorsa settimana, è stata "più che imbarazzante", ritiene l'ex editore del Wall Street Journal Karen Elliot House in un articolo pubblicato lunedì scorso. 

L'autore ha ricordato che la visita è stata "dominata" dalle foto in cui Biden si saluta con il pugno con il principe ereditario e leader di fatto, Mohamed bin Salmán, a cui si fa riferimento anche con le sue iniziali, MBS. 

In questo senso, ha sottolineato " il modo ridicolo " con cui la Casa Bianca ha gestito il viaggio. "Il dipendente della Casa Bianca che pensava che un banale pugno da amico ad amico fosse preferibile alla solita stretta di mano formale dovrebbe essere licenziato", ha detto.

Questo gesto di Biden non ha nulla a che vedere con le misure anti-Covid , considerando che ha stretto la mano ad altri funzionari sauditi e in precedenza ad israeliani e palestinesi. Se pensavate che rinunciare a una stretta di mano avrebbe placato i critici anti-sauditi nel vostro stesso partito, vi sbagliavate, ha lamentato House

Tra le altre polemiche, House ha evidenziato il fatto che Biden ha affermato di aver detto a bin Salmán di ritenersi responsabile dell'omicidio del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi nel 2018. L'esperto ha ricordato le parole del ministro degli Affari esteri saudita, Adel al-Jubeir, che "non ha ascoltato" il presidente degli Stati Uniti che incolpa MBS per l'omicidio.

In questo senso, House ha sottolineato che anche il New York Times ha messo in dubbio l'accuratezza del racconto di Biden, osservando che " ha creato una storia nel descrivere eventi che gli altri partecipanti all'incontro non ricordano".

"Senza alcun progresso"

Parlando di più dei risultati, House ha osservato che Biden ha concluso la sua visita nel regno "senza alcun progresso" non solo sulla questione del petrolio, ma sulla pace in Yemen, sul contenimento dell'Iran e "tutto il resto ". 

In tal senso, ha ricordato che con il suo viaggio l'inquilino della Casa Bianca "sta danneggiando gli interessi di sicurezza degli Stati Uniti. in Medio Oriente", mentre allo stesso tempo ha mostrato "al mondo che né l'Arabia Saudita né altri Stati del Golfo hanno abbastanza fiducia negli Stati Uniti da fare sacrifici per rinnovare relazioni gravemente danneggiate".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti