WP: La "strana alleanza" di Netanyahu con Hamas che ha "dato le ali" al movimento a Gaza

WP: La "strana alleanza" di Netanyahu con Hamas che ha "dato le ali" al movimento a Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Washington Post sostiene che dal ritorno a capo del governo israeliano di Benjamin Netanyahu, nel 2009, si è verificata una "strana" convivenza tra Israele e Hamas, dove ciascuna parte ha trovato l'altra utile per realizzare i propri scopi, pur promettendosi di distruggersi a vicenda.

Mantenere divisa la popolazione palestinese

Secondo il WP dal momento in cui Netanyahu è salito al potere ha mantenuto la divisione tra i palestinesi, con Hamas a Governare la Striscia di Gaza e Fatah la Cisgiordania, impedendo qualsiasi possibilità di riconciliazione tra le parti.

"Senza una leadership unificata, Netanyahu potrebbe dire che non potrebbe portare avanti i negoziati di pace, perché non c'è nessuno con cui parlare ", ha spiegato Dahlia Scheindlin, un'analista politica israeliana.

Per lo storico israeliano Adam Raz, "negli ultimi 10 anni Netanyahu ha lavorato per bloccare ogni tentativo di porre fine ad Hamas a Gaza".

Così, mentre Hamas cementava il suo potere a Gaza non focalizzandosi sulla guerra, gli israeliani ipotizzavano che il riavvicinamento con i paesi arabi avrebbe portato a costruire rapporti più forti con il loro paese.

I governi minacciati

Questa sorta di vantaggi reciproci ha portato una codipendenza tra i due poteri dove la fine di uno porterà a quella dell’altro. "È una strana alleanza che ha fatto il suo corso", secondo Raz, ricordando che "Hamas non governerà Gaza, e penso che possiamo supporre che Netanyahu si stia avvicinando alla fine  della sua carriera politica".

Per il WP sia Hamas che Netanyahu si trovano ad affrontare la disapprovazione pubblica delle loro azioni, pur ribadendo che la valutazione del sostegno ad Hamas a Gaza, secondo il media nordamericano, è difficile, alcuni palestinesi hanno criticato pubblicamente l’organizzazione per l’attacco di ottobre, che ha lasciato i civili esposti all’assalto militare israeliano. Dall’altra parte, il WP ha evidenziato che Netanyahu, allo stesso modo, si trova inoltre ad affrontare un malcontento pubblico senza precedenti per la sua incapacità di prevenire l’attacco e per la risposta casuale del governo. Secondo i sondaggi, il 75% degli israeliani chiede che il presidente si dimetta adesso o venga sostituito quando finiranno i combattimenti.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti