La discriminazione razziale su mandato Nato non indigna nemmeno più

La discriminazione razziale su mandato Nato non indigna nemmeno più

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In Italia, con stolido zelo e ottusità si continua a perseguitare e discriminare gli artisti in base alla loro nazionalità russa. Ora è la volta del Premio internazionale Lipizer di Gorizia e meno male che è un Istituto "culturale"! Le motivazioni addotte a giustificazione di tale atto, mostrano chiaramente l'ipocrisia e la falsità di chi esegue servilmente le direttive di Ue-Stati Uniti-Nato. La violinista russa Lidia Kochariàn esclusa dal Premio Lipizer di Gorizia e insieme a lei altri artisti. Si legge sui media italiani: «Seguendo le disposizioni europee conseguenti alla guerra russo-ucraina, e seguendo l'esempio di altri concorsi Internazionali di varie discipline, siamo spiacenti di informarla della sua esclusione dalla 41esima edizione del Concorso Internazionale di Violino 2022. Vogliamo rassicurarla sul fatto che non vi sono discriminazioni contro la singola persona. Confidiamo che le controversie di guerra vengano risolte positivamente il prima possibile e la pace sia ristabilita. Quando succederà, saremo felici di averla nuovamente tra i concorrenti»

Oltre al cinismo di dichiarare che non si tratta di “discriminazione contro la singola persona”,  non si possono non ravvedere altre menzogne, perché la guerra è proprio quella scatenata dai 3 soggetti contro la Russia usando il sangue degli ucraini.  

Se volessero la pace davvero, come minimo i 3 soggetti non dovevano inviare le armi in Ucraina.  

Sarebbe ora di finirla con questa narrazione ipocrita!

Si tratta invece di pura incitazione all’odio, contro non solo la Russia e il suo presidente, ma anche contro il popolo russo, se aggiungiamo anche la stampa mainstream, è puro incitamento all’odio sullo sfondo della violazione senza precedenti del Diritto Internazionale, quale rappresentano le sanzioni. Sanzioni che comprendono anche l’assurdo divieto agli aerei russi di volare nei cieli dell’Ue, così i cittadini russi o italiani, per esempio, sono costretti a fare scalo in altre città, ciò che comporta, oltre al disagio, un costo elevatissimo del viaggio.  Tutto questo per cosa? Per ubbidire agli ordini di Washington!  Le sanzioni non sono legali, poiché non sono state emanate dall’ONU, contravvengono a tutte le regole dell’Organizzazione Mondiale del Commercio.

E cosa dire inoltre degli attacchi all'ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder per i suoi “legami con la Russia”?  La Commissione di bilancio del Bundestag, gli ha tolto l’uso dell’ufficio e, come ha scritto il giornale «Frankfurter Allgemeine Zeitung», l’Unione Cristiano-democratica di Germania ha proposto di togliergli anche la pensione per i suoi passati incarichi in Russia e ovviamente anche perché non ha criticato Putin, non ha usato il mantra dell’”invasione”, “aggredito e aggressore”. Così non si fa altro che legittimare la rinascita del nazismo che già galoppa per le vie europee. 

C’è ancora qualcuno che sostenga che "libertà e democrazia" sono i "principi fondanti dell'Unione Europea"?

 

 

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti