Forum Antifascista Internazionale a Minsk in Bielorussia

Forum Antifascista Internazionale a Minsk in Bielorussia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Si è svolto a Minsk in Bielorussia, presso il Museo bielorusso della Grande Guerra Patriottica, il Forum Antifascista Internazionale, su iniziativa dei Partiti Comunisti di Russia e Bielorussia, al quale hanno preso parte personalità provenienti da 50 Paesi.

I partecipanti hanno condiviso l’obiettivo di unire l'umanità nella lotta contro la minaccia del fascismo, che sta crescendo nel mondo. Gli interventi hanno indicato chiaramente il ruolo delle forze reazionarie internazionali, come la principale fonte di minaccia per una nuova guerra mondiale e della rinascita del fascismo. Iniziative a sostegno dell'incontro internazionale antifascista si sono svolte in tutta la Russia.

È stato un evento che ha riunito decine di forze patriottiche di sinistra di tutto il mondo, da Pechino all'Avana. Oltre agli ospiti provenienti da Russia, Ucraina, Portogallo, Germania, Ungheria, Moldova, Georgia, Kirghizistan, a rappresentanti delle ambasciate di Cina, Corea del Nord e Cuba, sono stati collegati in videoconferenza rappresentanti di numerosi altri paesi, tutti concordi nel ritenere che sia giunto il momento di prestare attenzione al pericolo che le idee misantropiche della superiorità di una razza sull'altra, stanno nuovamente provando essere seminate nella mente delle persone di oggi. Queste manifestazioni devono essere affrontate da subito.

Nella conferenza stampa di presentazione, A. N.  Sokol, Segretario del Partito Comunista Bielorusso,  ha detto che la sede del Forum, Minsk, non è stata scelta a caso. La Bielorussia è un popolo tra i più colpiti nella lotta contro il nazismo: “... il nostro Paese ha perso un terzo della popolazione nella Grande Guerra Patriottica. Sul territorio della Bielorussia, i nazisti hanno creato 260 campi di sterminio. E’ ignominioso che il fascismo sia rinato e rialza la testa. riapre il suo becco predatore. L'Occidente ha scatenato una guerra economica e dell'informazione contro la nostra Patria…".

 Il Presidente del Partito Comunista della Federazione Russa, A. Zyuganov nel suo discorso ha osservato che: “… il fascismo come fenomeno, è generato dal grande capitale finanziario: Hitler sarebbe rimasto una figura da operetta e non avrebbe scatenato una guerra terribile, se non fosse stato sostenuto dai banchieri americani. Oggi, questa crosta marrone si sta nuovamente diffondendo in tutto il pianeta. E ancora una volta è stato rianimato dagli anglosassoni, che hanno acceso un nuovo fuoco di guerra. Per questo, secondo il Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, i membri della NATO hanno fornito assistenza militare all'Ucraina per un valore di 55 miliardi di dollari, e ovviamente non si fermeranno qui. Allo stesso tempo, va ricordato che, prima di tutto, i nazisti hanno represso comunisti e socialisti. Poi, nei forni di Auschwitz, Dachau, Majdanek, hanno distrutto intere nazioni. La minaccia del fascismo è reale anche oggi. Ecco perché stiamo tenendo il Forum antifascista a Minsk. Sono grato che la maggior parte dei paesi alleati abbia risposto all'invito…Il Capitalismo nel secolo scorso ha dato vita a due guerre mondiali in cui sono morte 90 milioni di persone. Il Capitalismo ha creato una bomba nucleare e l'ha lanciata sulle teste dei giapponesi, sebbene non vi fosse alcuna necessità militare per questo. Il Capitalismo ha scatenato la guerra fredda contro l'URSS e oggi il Capitalismo sta armando i nazisti Banderisti in Ucraina…Solo l'unità di tutte le forze amanti della pace, l'unità di tutti i popoli ci consentirà di preservare la nostra sovranità, la nostra lingua, la nostra cultura, la nostra storia millenaria…Siamo consapevoli della minaccia odierna e dichiariamo: “Il fascismo non passerà! Sconfiggeremo definitivamente questo male!” . Ma è possibile sconfiggere questo male universale solo se mobilitiamo al massimo le risorse necessarie e uniamo tutta l'umanità progressista e se riusciamo a raggiungere il cuore dei nostri vicini…Lo Stendardo della Vittoria sventola con orgoglio su questo edificio. Esso è lo stendardo dei nostri padri e nonni vincitori…I combattenti del Donbass oggi stanno combattendo sotto questo stendardo, la bandiera della vittoria. Spero che insieme vinceremo e libereremo la nostra terra dal nazismo e dal fascismo! Noi siamo il popolo della Vittoria, siamo sopravvissuti a quella storia facendo affidamento sul mondo russo, sul patriottismo popolare e sugli ideali della giustizia sovietica. Questa è la nostra formula anche oggi per la vittoria sul fascismo e sul nazismo. Auguro a tutti noi il successo in questa lotta sacra!. Spero che tutta l'umanità progressista sosterrà l'Appello dei popoli del mondo preparato qui oggi”.

Il tema della resistenza antifascista è stato proseguito da P. Symonenko, Segretario del Partito Comunista dell'Ucraina: “…l'avvento del nazifascismo al potere in Ucraina, conferma ancora una volta che questi sono gli interessi del capitale transnazionale. L'Occidente, sullo sfondo del conflitto in Ucraina, provoca l'emergere di un conflitto nucleare in Europa. Dovremmo anche pensare al fatto che dopo aver fornito proiettili con uranio impoverito nella guerra in Jugoslavia, queste forze non hanno imparato nulla. Oggi provocano l'uso di armi nucleari tattiche. Non esitano a dire che sono pronti a usare armi nucleari solo per proteggere i propri interessi…”.

Il Presidente bielorusso A. G. Lukashenko ha mandato un saluto ai partecipanti del Forum: "…Vi siete prefissati un obiettivo nobile: mettere in guardia l'umanità sul pericolo di un'altra catastrofe globale, una delle quali è il risveglio delle ideologie e delle pratiche più disumane e spietate. Sembrerebbe che le idee del nazismo, lasciate per sempre nel passato, trovino oggi nuovi seguaci nei paesi più illuminati del mondo. Per questo, la voce dei sostenitori delle idee comuniste nella lotta per il diritto di ogni persona alla pace e al lavoro creativo deve suonare in modo persistente e senza compromessi…Ho piena fiducia che gli sforzi dei partecipanti al Forum, continueranno ad essere finalizzati all'attuazione dei principi di uguaglianza, fraternità e giustizia…”.

Nel suo discorso, il vicecapo della presidenza bielorussa I. Lutsky ha sottolineato: “…la pace è la cosa più importante. Per noi è importante mantenere la pace. Ecco perché le persone che pensano alla pace e a come prevenire la guerra, si incontrano qui, organizzano vari eventi. A questo è dedicato il Forum Antifascista. Voglio ricordarvi che già nel 1946, qui a Minsk si svolse un processo per giudicare coloro che misero piede sulla nostra terra con i loro stivali forgiati. Coloro che portarono qui dolore e sfortuna, che installarono qui i campi di sterminio. Tutti devono ricordare, devono capire, che qui sarà sempre così: se qualcuno mette piede nella nostra terra, la punizione è inevitabile. Pertanto, il nostro compito, prima di tutto, è preservare la pace, trasmettere ai popoli dei paesi vicini che non dobbiamo dimenticare il ricordo di quella terribile guerra, altrimenti tutto si ripeterà. Ecco perché il ricordo della Grande Guerra Patriottica, dei suoi eroi, delle gesta del popolo vittorioso si riflette nella rinnovata Costituzione della Repubblica di Bielorussia…”.

Proteggere l'umanità dal nazifascismo! 

                                       Manifesto per l'unità dei popoli del mondo

 Il documento è stato adottato dal Forum antifascista internazionale di Minsk il 22 aprile 2023

 Minsk, Repubblica di Bielorussia, Museo di Storia della Grande Guerra Patriottica, 22 aprile 2023. 

Noi, i partecipanti al Forum Antifascista Internazionale dei paesi dell'Asia, dell'America e dell'Europa, ci siamo riuniti a Minsk per dire il nostro fermo "No!" a guerra, reazione, neofascismo e oppressione.

Ci siamo incontrati sul suolo bielorusso, ogni centimetro del quale è abbondantemente innaffiato dal sangue di milioni di vittime dell'hitlerismo. Fu qui che nel giugno 1941 iniziò la guerra santa dell'intero popolo sovietico contro la peste bruna. Tra le vittime uccise e torturate dell'aggressione nazista c'era un abitante su tre della SSR bielorussa.

Il nazismo è stato un prodotto diretto della crisi del capitalismo. Nasce dalla sete del grande capitale di mantenere ad ogni costo il potere sui lavoratori. Per i loro scopi egoistici, gli imperialisti hanno intrapreso la strada del sostegno alle forze più oscure. Hanno portato al potere Hitler, Mussolini, Franco e i loro complici ideologici. Da emarginati politici, i nazisti si sono trasformati negli arbitri dei destini di molti milioni di persone.

I popoli del mondo non hanno il diritto di dimenticare l'esperienza della lotta al fascismo. Nel 1936, con il sostegno della Germania nazista e dell'Italia fascista, scoppiò in Spagna una guerra civile. Il potere popolare ha ricevuto il sostegno dell'URSS e di molte forze progressiste. Ma allora il fascismo era più forte. Questo ha aperto la strada alla guerra più terribile della storia umana. Gli ultimi passi decisivi furono compiuti verso le fornaci e le camere a gas di Buchenwald e Mauthausen, Dachau e Sobibor, Majdanek e Auschwitz.

Le tragiche lezioni del passato dovrebbero essere ben note e ricordate sempre! Il mondo ha pagato un prezzo enorme per sbarazzarsi del nazismo. Gli eroi di questa lotta si coprirono di gloria immutabile: soldati e ufficiali dell'Armata Rossa, soldati dei paesi della coalizione anti-hitleriana, combattenti dell'Esercito popolare di liberazione cinese, rappresentanti della resistenza francese e italiana, antifascisti tedeschi clandestini, partigiani jugoslavi e coreani, patrioti polacchi e cecoslovacchi.

La bandiera rossa sul Reichstag nel maggio 1945 non è solo un fatto speciale del passato. Il significato della Grande Vittoria sul fascismo è rivolto al futuro, suona l’allarme, fa appello al cuore delle nuove generazioni.

Come negli anni Trenta del secolo scorso, il fumo nero degli incendi di guerra si sta diffondendo sul nostro pianeta. L’orizzonte sta diventando sempre più scuro. Unità e coraggio nella loro lotta dei principi sono necessari alle persone di buona volontà.

La situazione è estremamente preoccupante. Il neocolonialismo si ripropone in Africa e nelle Americhe.

Gli imperialisti stanno riscaldando la situazione in Asia. Sotto il rombo dei cannoni in Europa e in altre parti del mondo, il sangue viene versato. Il dolore e la sofferenza delle persone si stanno moltiplicando. Si odono di nuovo i gemiti dei feriti e i gemiti dei moribondi, le acrime piangenti di madri. Davanti ai nostri occhi, il mondo sembra essere pronto a cadere nell'abisso spalancato, dal quale emergono sempre più chiaramente i contorni minacciosi della svastica del ragno.

La perfida distruzione dell'URSS, il paese che sconfisse il fascismo, suscitò predatori mondiali. Il capitale globale sentiva la completa impunità. Impone la sua dittatura nei modi più vili. La micidiale minaccia della vendetta fascista cresce ogni giorno di più. La bestia del nazismo si è leccata le vecchie ferite e sta rapidamente guadagnando forza. È diventato più audace ed è strisciato fuori dalla sua tana di lupo in cerca di nuove vittime.

Il male globale è tornato in veste neoliberista. Ha creato un sistema globale di rapina di interi paesi e popoli. Si è macchiato di aggressioni contro la Jugoslavia, l'Iraq, l'Afghanistan, la Libia, la Siria. Sono stati fatti tentativi per rovesciare i governi legittimi in Venezuela, Nicaragua e Bielorussia. La pressione delle sanzioni viene esercitata contro i popoli di Russia e Cina, Cuba e Corea del Nord. Vengono utilizzate minacce militari e ricatti politici.

Alla vigilia della Seconda guerra mondiale, gli assaltatori di Hitler furono guidati dal capitale finanziario. Nel 21° secolo, controlla anche i nazisti appena coniati. Il fascismo, sconfitto 78 anni fa, non è scomparso dalla faccia della terra, perché i suoi servizi sono estremamente necessari all'oligarchia mondiale. Ecco perché la feccia nazista sta marciando a Vilnius e Tallinn. Brucia i libri a Kiev. Monumenti dei soldati-liberatori sovietici vengono demoliti a Varsavia. Deputati europei in abiti costosi attuano vili risoluzioni, cercando di equiparare il nazismo di Hitler e il socialismo sovietico. Gli spiriti maligni fascisti hanno deciso di prendersi una vendetta storica.

Il sostegno diretto degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO ha elevato l'ideologia del nazismo al rango di ideologia di stato in Ucraina. Per molti anni, i demoni di Bandera hanno organizzato balli insanguinati a Kiev, schernendo le masse. Hanno trasformato l'Ucraina in un campo di concentramento per dissidenti, chiuso i media critici, vietato le attività di opposizione e scatenato rappresaglie contro i comunisti. Tutti coloro che preservarono gli ideali della fratellanza dei popoli e la lealtà alla Grande Vittoria sul fascismo sono sottoposti a repressione. I nazisti hanno bruciato vive le persone a Odessa, le hanno fatte saltare in aria e le hanno uccise da cecchini. Di anno in anno, i militanti di Azov con denti da lupi terrorizzavano il Donbass. I suoi coraggiosi abitanti insorsero in una lotta di liberazione contro il militarismo e il neonazismo.

I governi occidentali stanno pompando armi nell'Ucraina di Bandera. Zelensky sta già dichiarando il desiderio di possedere un arsenale nucleare, ma la NATO non lo ha colpito sulle mani, al contrario, esprime la sua disponibilità a trasformare l'esercito ucraino secondo i propri standard. E i pazzi di Londra sono essi stessi pronti a trasferire proiettili con uranio impoverito nelle mani del regime neonazista.

I paesi della NATO non solo reiterano tipi letali di armi, hanno riempito il mondo intero con le loro basi militari. Quattrocento laboratori biologici statunitensi in diversi paesi stanno sperimentando i virus e i batteri più pericolosi. Le conseguenze di queste azioni possono interrompere lo sviluppo pacifico di interi stati. Inoltre, minacciano tutta l'umanità come specie biologica.

I comunisti hanno sempre sottolineato: "Il fascismo è guerra". Il corso degli eventi lo conferma ancora una volta. La risposta dei popoli può essere una sola: il mostro fascista deve essere distrutto. I bacilli della peste bruna sono troppo pericolosi, devono essere neutralizzati con sicurezza e rapidità. Il prezzo della disattenzione sarà estremamente alto, gli orrori condannati a Norimberga non devono ripetersi. Non abbiamo il diritto di lasciare che la reazione mondiale commetta nuove sanguinose atrocità.

Le azioni e i pensieri dell'occidente imperialista sono sature del veleno e dell'odio malizioso per tutto ciò che è progressista, sovrano e libero. Biden e Scholz, von der Leyen e Borrell, Duda e Morawiecki, sono tutti solo personale di supporto nel sistema della dittatura globale. Il loro successo professionale è direttamente determinato dalla loro volontà di servire gli interessi dell'oligarchia finanziaria globale.

I globalisti nascondono le loro azioni con ricerche pseudo-intellettuali. Estraggono le idee più reazionarie dalle teorie di Nietzsche, Chamberlain e Gobineau sul "superuomo" e sulla "superiorità razziale". Stanno preparando una miscela esplosiva di neo-malthusianesimo e post-umanesimo. Presentare assurdità misantropiche sulla "priorità del progresso tecnologico rispetto allo sviluppo sociale". Fanno passare per umanesimo l'elogio dei vizi e delle perversioni. Le vecchie idee che hanno ispirato Hitler e i suoi complici sono racchiuse in una confezione pseudoscientifica di "bioingegneria" di Klaus Schwab e della sua gente.

Tutta questa falsa "innovazione" è ostile ai popoli. È promossa da coloro che sono colpiti da pregiudizi etnici e razziali, desiderosi di vendicarsi sui popoli per la vittoria sul fascismo e sul colonialismo. Questi circoli sono ossessionati dall'idea del controllo totale sull'umanità. Annunciando l'abolizione della grande cultura russa, mirano a distruggere la cultura umanistica del mondo intero, a catapultarci tutti in tempi di ferocia senza precedenti e in un campo di concentramento elettronico.

Il neoliberismo è il feroce nemico di qualsiasi sviluppo indipendente e di norme democratiche, i sistemi politici dell'Occidente sono degenerati in autocrazie assolute, le élite borghesi hanno perso il contatto con i valori della libertà e dell'umanesimo. Il loro comportamento sta sempre più aprendo la porta al neofascismo.

Contorcendosi in agonia, il capitalismo si aggrappa alla vita ad ogni costo e la reincarnazione del fascismo non lo spaventa affatto. La reazione mondiale incoraggia solo gli eredi di Hitler e Mussolini, Franco e Salazar, Antonescu e Mannerheim, Pilsudski e Quisling, distrugge freneticamente la memoria della Seconda guerra mondiale e falsifica i fatti della storia.

I piani del "nuovo ordine mondiale" si trasformano in aggressioni e conflitti, neofascismo e neocolonialismo, minacciando una nuova guerra mondiale. Il mondo intero oggi sta diventando un campo di battaglia, ma dobbiamo vincere questa battaglia, in nome di tutto il meglio e progressivo che è stato creato dalla cultura mondiale, in nome di un degno futuro per l'umanità!

La chiave del successo è l'unità e la coesione delle forze amanti della pace del pianeta. La vittoriosa resistenza alla reazione mondiale non può che essere universale. Siamo profondamente convinti che la nostra solidarietà internazionale sia in grado di proteggere l'umanità dalla minaccia fascista e di non farci scivolare nell'abisso della guerra mondiale. Lo dichiariamo fermamente qui in Bielorussia: nella sua terra sacra, dove il legame inestricabile tra passato, presente e futuro è realizzato in modo particolarmente profondo.

Cari amici! Durante gli anni infuocati della Seconda guerra mondiale, si formò una grande alleanza militare di oppositori della barbarie fascista: un'alleanza di comunisti e patrioti, di uomini, donne perbene e democratici. Fu creata stato nonostante le differenze sociali e ideologiche, la differenza di opinioni politiche e religiose. Quella era la chiamata dei tempi. 

La nuova epoca di prove esige nuovamente, con insistenza, l'unità di azione di tutte le persone di buona volontà.

Uniamoci nella lotta contro il neonazismo, la reazione e il militarismo!

Lunga vita al fronte unito delle forze progressiste!

Viva la solidarietà dei lavoratori e dei popoli nella lotta contro il fascismo!

Non facciamo saltare in aria il mondo!

No pasaran! Non passeranno!”.

                                                         A cura di Enrico Vigna, CIVG Italia

 

Enrico Vigna

Enrico Vigna

Vincoli esterni (e quelli interni) di Paolo Desogus Vincoli esterni (e quelli interni)

Vincoli esterni (e quelli interni)

Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse! di Giorgio Cremaschi Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse!

Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse!

La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking" di Francesco Santoianni La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking"

La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking"

I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese di Marinella Mondaini I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese

I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Canada, quando la toppa è peggio del buco... di Alberto Fazolo Canada, quando la toppa è peggio del buco...

Canada, quando la toppa è peggio del buco...

IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO di Gilberto Trombetta IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO

IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO

È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE? di Michelangelo Severgnini È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE?

È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE?

Lotta di classe in Italia? Una pennellata degli ultimi 50 anni di Pasquale Cicalese Lotta di classe in Italia? Una pennellata degli ultimi 50 anni

Lotta di classe in Italia? Una pennellata degli ultimi 50 anni

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane di Paolo Arigotti Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane

Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane

L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale di Damiano Mazzotti L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale

L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale