Focus Iran: notizie occultate nei nostri media

Focus Iran: notizie occultate nei nostri media

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ministro esteri iraniano si congratula con Ortega per la vittoria delle elezioni in Nicaragua

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian si è congratulato con Daniel Ortega per la sua rielezione a presidente del Nicaragua nelle ultime elezioni, sperando nella promozione dei legami tra Teheran e Managua in tutti i campi.

Il massimo diplomatico iraniano mercoledì ha inviato un messaggio a Ortega, congratulandosi con lui e il suo partito per la vittoria nelle recenti elezioni presidenziali e parlamentari in Nicaragua.

Salutando lo schiacciante sostegno che il popolo "resistente e rivoluzionario" del Nicaragua ha dato a Ortega e alla sua alleanza sandinista, Amirabdollahian ha espresso la speranza per l'espansione delle relazioni amichevoli e fraterne tra Iran e Nicaragua in tutti i campi di reciproco interesse.

Ortega ha vinto il quarto mandato presidenziale consecutivo alle elezioni.

Il Consiglio Supremo Elettorale del Nicaragua ha affermato che con quasi tutti i voti scrutinati, un conteggio preliminare ha visto l'alleanza sandinista di Ortega vincere con circa il 76% dei voti.   

Da tasnim      10 novembre 2021   

 

L'Iran saluta il sostegno algerino per il ritorno della Siria alla Lega araba

Il ministro degli Esteri iraniano ha elogiato l'Algeria per la sua posizione logica a sostegno del ritorno della Siria nella Lega araba.

Giovedì, in una conversazione telefonica, Hossein Amirabdollahian e il suo omologo algerino Ramtane Lamamra hanno parlato delle relazioni tra Teheran e Algeri, nonché degli sviluppi regionali e internazionali.

Il massimo diplomatico iraniano ha salutato come lodevole la posizione logica dell'Algeria sul ritorno della Siria alla Lega Araba.

Ha anche espresso la speranza che il prossimo incontro della Lega Araba porti benefici alla comunità islamica.

Amirabdollahian ha anche lodato l'Algeria per aver votato contro la decisione dell'Unione africana di concedere lo status di osservatore al regime israeliano, affermando che l'Algeria ha agito sulla base di saggezza e logica.

Evidenziando le strette relazioni politiche tra Iran e Algeria, ha espresso la speranza per il rafforzamento dei legami in tutti i campi.

Amirabdollahian ha inoltre descritto l'ultima riunione delle camere di commercio dei due paesi come un passo positivo nell'allargamento delle relazioni commerciali tra i due paesi.

Da parte sua, Lamamra ha affermato che la riunione delle camere di commercio comporterebbe l'espansione delle relazioni commerciali e l'aumento del volume degli scambi commerciali.

Sottolineando la necessità della formazione di un comitato politico tra Algeria e Iran, ha invitato il ministro degli esteri iraniano a visitare Algeri.

I due ministri degli Esteri hanno inoltre salutato l'andamento positivo e costruttivo delle relazioni politiche e parlamentari tra i due Paesi, hanno parlato degli ultimi sviluppi in Libia e hanno sottolineato che i problemi in quel Paese potrebbero essere risolti dai gruppi libici e senza interferenze straniere.           Da tasnim       - 11 novembre 2021 -

 

Iran: accordo sul nucleare c'è già, parleremo di sanzioni Usa   11 Novembre 2021

Tutti sanno che l’ accordo  nucleare è stato gravemente danneggiato dalle azioni illegali degli Stati Uniti,ed i paesi restanti del JCPOA (in persiano BARJAM) ...sono consapevoli del fatto che l'attuale situazione e' dovuta alle continue violazioni americane della risoluzione 2231 e l'uscita unilaterale degli USA da questo accordo".

Il viceministro degli Esteri iraniano Ali Bagheri Kani ha dichiarato, mercoledì, che al centro dei colloqui a Vienna, il 29 novembre, ci saranno le conseguenze risultanti dall'abbandono dell'accordo sul nucleare da parte degli USA e le sanzioni economiche statunitensi nei confronti dell'Iran.

Il diplomatico ha spiegato che Teheran non intende discutere sulla questione del nucleare ai colloqui, in quanto questa è stata completamente risolta nel Piano d'azione congiunto globale JCPOA ossia BARJAM.

Il viceministro ha sottolineato che Teheran si focalizzerà sul tema riguardante le conseguenze dell'uscita dall'accordo sul nucleare da parte degli USA, nonché sulle sanzioni che Washington impone dal 2018.

Il Piano d'azione congiunto globale (JCPOA) è stato firmato nel 2015 da Iran, Cina, Francia, Germania, Russia, Regno Unito, Stati Uniti, insieme all'Unione Europea. L'accordo prevedeva la revoca delle sanzioni nei confronti dell'Iran, in cambio di restrizioni al programma nucleare iraniano, come garanzia che Teheran non avrebbe ottenuto armi nucleari. Nel maggio 2018, l'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il ritiro unilaterale di Washington dal JCPOA, reimponendo anche sanzioni economiche all'Iran. Esattamente un anno dopo, la Repubblica islamica ha annunciato che avrebbe gradualmente provveduto all’ arricchimento dell'uranio.

A Vienna sono in corso di svolgimento le trattative per ripristinare l'accordo sul nucleare e annullare le sanzioni USA. Lo scorso 20 giugno si è concluso il sesto giro di negoziati. Per alcuni mesi le parti non sono riuscite a decidersi sulla seguente serie di incontri, ma, lo scorso 3 novembre, Teheran e Bruxelles hanno annunciato di aver concordato una data.

Da parstoday

 

Iran, Cuba è un partner strategico

 “Cuba è ora un partner strategico sotto tutti i punti vista e in tutti gli aspetti per la Repubblica Islamica dell’Iran”,... ha dichiarato il il ministro degli Esteri dell’Iran Hossein Amir-Abdollahian  durante un incontro con il suo omologo cubano Bruno Rodriguez Parrilla a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. “L’Iran non vede limiti all’espansione dei legami con Cuba. La nuova amministrazione dell’Iran è pragmatica e cerca di attuare i precedenti accordi presi con il Paese latinoamericano. Teheran condanna le sanzioni statunitensi contro Cuba”, ha dichiarato Amir-Abdollahian. Da parte sua, Rodriguez ha salutato la stretta collaborazione tra i due Paesi nella produzione di un vaccino per il coronavirus, esprimendo la disponibilità di Cuba ad ampliare i legami con l’Iran in tutti gli altri settori. Chiedendo la rimozione degli ostacoli economici alla promozione dei legami economici tra Cuba e l’Iran, il ministro degli Esteri ha affermato che una stretta interazione aiuterebbe le due nazioni a sconfiggere le crudeli sanzioni americane. Amir-Abdollahian ha affermato separatamente che stringere relazioni più strette con i Paesi asiatici, inclusa l’Indonesia, è una priorità principale nell’agenda di politica estera della nuova amministrazione iraniana. Durante un incontro con il suo omologo indonesiano Retno Marsudi, ha affermato che tra i Paesi asiatici l’Indonesia è uno Stato prioritario nella politica estera iraniana. Da parte sua, Marsudi ha affermato che Jakarta attribuisce importanza al rafforzamento dei legami con Teheran. Ha anche ringraziato l’Iran per aver esportato prodotti farmaceutici in Indonesia, sottolineando la necessità di portare avanti i precedenti accordi tra le due nazioni musulmane.         ParsToday   7/10/2021

 

Amir Abdollahian: il programma di difesa dell'Iran continuerà indipendentemente dagli atti "distruttivi" degli Stati Uniti          9 novembre 2021

In una conversazione telefonica, il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian e il suo omologo francese Jean-Yves Le Drian hanno discusso varie questioni, tra cui le relazioni bilaterali e i colloqui di Vienna volti a rilanciare l'accordo nucleare del 2015.

La conversazione ha avuto luogo prima che l'Iran e le restanti parti dell'accordo nucleare (Francia, Germania, Gran Bretagna, Cina e Russia) riprendano i colloqui sull'accordo nucleare a Vienna il 29 novembre.

All'inizio della conversazione, il ministro degli Esteri francese ha chiesto informazioni sulle condizioni di salute del suo omologo iraniano a cui è stato diagnosticato il Covid-19 e gli ha augurato una pronta guarigione.

Il massimo diplomatico iraniano ha ringraziato il ministro degli Esteri francese per i suoi saluti e ha osservato che il governo iraniano cerca un approccio pragmatico e orientato ai risultati sia nelle relazioni bilaterali che nei colloqui sul nucleare, e ha espresso la speranza che le consultazioni Teheran-Parigi possano aiutare a far progredire la cooperazione tra i due paesi . 

Amir Abdollahian ha affermato che Iran e Francia hanno un grande potenziale, osservando che l'Iran è pronto ad espandere le relazioni bilaterali basate sul rispetto reciproco e sugli interessi comuni e che le relazioni possono essere ampliate in vari campi.

In questo contesto le due parti hanno discusso delle relazioni bilaterali e dell'opportunità di cooperazione, facendo riferimento alle due telefonate tra i presidenti di Iran e Francia, nonché i colloqui tra Amir Abdollahian e il presidente francese Emmanuel Macron a margine dell'incontro di Baghdad il 28 agosto e il recente faccia a faccia dei due ministri degli esteri a New York il 25 settembre.

Ricordando la responsabilità degli Stati Uniti per l'attuale situazione che circonda il Joint Comprehensive Plan of Action (il nome ufficiale dell'accordo nucleare) e il silenzio dei tre paesi europei nella stravaganza degli Stati Uniti, Amir Abdollahian ha affermato che l'Iran vuole raggiungere un buon accordo, ma questo richiede condizioni, compreso il ritorno delle altre parti ai loro pieni impegni e l'effettiva revoca delle sanzioni.

Riferendosi alle recenti sanzioni statunitensi contro l'Iran, Amir Abdollahian ha definito la mossa una conferma della continua sfiducia dell'Iran nei confronti degli Stati Uniti e ha sottolineato la necessità di fornire garanzie e di condurre una verifica efficace.

Il capo della diplomazia iraniana ha anche descritto il programma di difesa della Repubblica islamica come un diritto sovrano e ha aggiunto che, indipendentemente dal comportamento non costruttivo delle sanzioni statunitensi, l'Iran continuerà ad aumentare risolutamente il suo potere di difesa.

Notando che l'Iran è seriamente intenzionata a raggiungere fruttuosi negoziati sul nucleare ed è pronto a stipulare immediatamente un buon accordo, Amir Abdollahian ha sottolineato che l'Agenzia internazionale per l'energia atomica dovrebbe evitare la politicizzazione del caso nucleare iraniano e ha sottolineato la continua cooperazione tecnica dell'Iran con l'AIEA.

Il ministro degli Esteri francese ha anche affermato che Parigi sostiene il ritorno di tutte le parti al JCPOA e farà tutto ciò che è in suo potere per farlo, e ha espresso la speranza che i prossimi colloqui a Vienna procedano rapidamente.

Nella telefonata di martedì Macron ha inviato i suoi saluti anche al presidente iraniano e la risposta reciproca si è riflessa attraverso i ministri degli Esteri.

Sempre martedì si sono tenuti colloqui tra i due Paesi a livello di viceministri degli Esteri per gli Affari politici a Parigi. I colloqui si sono concentrati su questioni regionali e internazionali. 

                                                                                              Da teherantimes

 

La Bielorussia è pronta a vendere latticini e prodotti a base di carne all'Iran

La Bielorussia è interessata alla vendita all'Iran di prodotti lattiero-caseari e a base di carne (manzo, burro, carne di pollo, uova di gallina e di quaglia), nonché foraggi combinati e premiscele per animali. Le possibilità sono state discusse in una sessione del gruppo di lavoro bielorusso-Iran sulla cooperazione in agricoltura, BelTA e si è avuta comunicazione di ciò, dal canale Telegram del ministero bielorusso dell'agricoltura e dell'alimentazione.

A sua volta, l'Iran è interessato a vendere alla Bielorussia verdura, frutta, frutta secca, noci, pesce e frutti di mare, nonché altri prodotti agricoli.

La sessione della commissione è stata presieduta dal vice ministro bielorusso dell'agricoltura e dell'alimentazione Aleksei Bogdanov e dal vice ministro dell'agricoltura iraniano Abbas Askarzadeh. Sono state discusse le prospettive del commercio e della cooperazione economica Bielorussia-Iran, in particolare un aumento della scelta e del volume degli alimenti e delle materie prime agricole nel commercio reciproco.

Nel periodo gennaio-settembre 2021 Bielorussia-Iran il commercio di materie prime alimentari e agricole ha totalizzato 8 milioni di dollari, il 114,5% rispetto a gennaio-settembre 2020.   

 

8/11/2021  da Belta

 

L'ammiraglio afferma che l'Iran ha raggiunto gli obiettivi previsti nell'esercitazione Zulfiqar 1400             10 novembre 2021

Tenere esercitazioni in tempo di pace ha un "deterrente" e un "grande effetto strategico", ha detto mercoledì il vice capo dell'esercito per il coordinamento.

L'ammiraglio Habibollah Sayyari ha affermato che la recente esercitazione militare, nome in codice Zulfiqar-1400, ha raggiunto gli obiettivi prefissati.

La massiccia esercitazione militare, tenutasi dal 7 al 9 novembre, ha coinvolto unità navali, aeronautiche, di difesa aerea e di terra. Si estendeva dal settore orientale dello strategico Stretto di Hormuz alla punta settentrionale dell'Oceano Indiano e parti del Mar Rosso. È iniziato dalle coste di Makran nel sud-est dell'Iran 

"Abbiamo raggiunto gli obiettivi previsti degli esercizi anfibi di Zulfiqar", ha spiegato Sayyari. "Tenendo questo esercizio, abbiamo acquisito maggiore fiducia nei preparativi contro qualsiasi aggressione e minaccia". 

Il generale superiore ha descritto l'esercitazione come un piano tattico e operativo che migliora le capacità di combattimento e le capacità delle forze armate. 

"Uno degli obiettivi delle forze militari e dell'esercito della Repubblica islamica dell'Iran è mantenere la prontezza in tempo di pace e la capacità di rispondere con decisione agli errori dei nemici in tempo di guerra", ha affermato l'ammiraglio Sayyari, aggiungendo: “Il miglioramento della deterrenza contro le minacce future, la fiducia in se stessi nel monitoraggio e nell'affrontare le minacce e la previsione delle aree operative, di intelligence e di addestramento e l'aumento della fiducia nelle operazioni su larga scala in terra, aria e mare facendo affidamento su tecnologie e risultati indigeni e capacità interne sono tra gli obiettivi da perseguire nelle  esercitazioni militari."

Ha sottolineato il miglioramento della capacità dell'esercito nell'esercitazione Zulfiqar-1400, affermando che l'estensione geografica dell'esercitazione mostra il dominio dell'intelligence e la capacità delle forze armate iraniane.

L'ammiraglio Sayyari ha aggiunto che le esercitazioni navali iraniane “sono oltre le acque territoriali” e includono acque internazionali. 

“In quest'area, molti paesi stanno osservando e vedono la potenza del potere navale, militare e operativo del paese. Tenere esercitazioni in tempo di pace ha un effetto deterrente e strategico".

Ha detto che in tali esercizi si formano e si dividono forze amiche e forze dell'ipotetico nemico (arancione) e allo stesso tempo il comando di controllo dell'esercizio mette alla prova le capacità, l'uso degli strumenti, la tattica e la creatività bellica delle due forze contrapposte.

Il vice capo dell'esercito ha detto che i giochi di guerra portano innovazione.

Ha aggiunto: "Uno degli obiettivi degli esercizi è trasferire le esperienze ai più giovani. Una vasta gamma di giovani viene addestrata negli esercizi. Trasferire conoscenze ed esperienze alle giovani generazioni nell'ambiente reale delle operazioni e abbinare la manodopera richiesta per assumersi responsabilità in diverse categorie, è uno degli obiettivi importanti dell'esercitazione Zulfiqar-1400."

L'alto generale ha dichiarato: "Nelle esercitazioni navali e nelle acque internazionali, unità sottomarine e armi sottomarine, compresi i siluri, sono state previste e utilizzate contro bersagli. Si sono anche esercitati nel lancio di missili terra-aria contro droni intrusi nell'area di operazione e nel lancio di missili. e l'artiglieria contro i bersagli giorno e notte."

Ha sottolineato che l'uso di droni suicidi e attacchi accurati a obiettivi nell'area di addestramento, l'espansione e il funzionamento dei sistemi di guerra elettronica lungo la costa sudorientale si basava sulle capacità indigene del paese in conformità con il programma prestabilito. Teherantimes

 

Iran: con Venezuela piano di cooperazione ventennale

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian ha incontrato il suo collega venezuelano Felix Plasencia, giunto oggi a Tehran per una visita ufficiale. Le parti hanno esaminato le modalità dell'ampliamento delle relazioni bilaterali nonché gli ultimi sviluppi della regione e del mondo. In una conferenza stampa congiunta, il capo della diplomazia di Tehran ha dato la notizia secondo cui il presidente venezuelano Nicolas Maduro visiterà l'Iran nei prossimi mesi durante i quali sarà firmato un accordo di cooperazione ventennale. Lo riferisce l'ISNA. "Iran e Venezuela possono espandere la loro cooperazione a livello tecnico, economico, commerciale, scientifico, tecnologico e nel settore energetico e delle estrazioni minerarie", ha detto Abdollahian in riferimento all'accordo. Nell'esprimere sostegno a Maduro, il ministro degli Esteri iraniano ha anche criticato gli Usa definendo "dannose" le politiche di Washington "contro Caracas". 

18/10/2021  da parstoday

 

Presidente iraniano: impegno per l’indipendenza economica e di contrasto contro l’arroganza straniera in campo economico

 

Il Presidente iraniano ha descritto la via d'uscita dai problemi esistenti nel Paese, come possibile e realizzabile e ha detto: "Oggi il Paese ha bisogno di un lavoro impegnato e coerente per superare i problemi, ma lo considero possibile perché NOI POSSIAMO".

Parlando in un incontro con élite, studiosi, famiglie di martiri e veterani di guerra, e un gruppo di diversi associazioni popolari della provincia di Semnan, l'ayatollah dottor S. E. Raisi ha detto: "Confidando in Dio e confidando nelle risorse interne e capacità del Paese, in particolare le nostre risorse umane di talento, possiamo risolvere i problemi”. Il Presidente ha aggiunto: "Gli Stati Uniti volevano causare seri problemi al popolo iraniano con una pressione forte, ma oggi anche i nostri nemici ammettono che la tenace resistenza del popolo iraniano, ha sconfitto la massima pressione dei nemici e oggi la posizione della Repubblica Islamica dell’Iran è più forte che mai". L'Ayatollah Raisi ha continuato il suo discorso, chiamando ad un unione di tutti gli eventi anti-arroganza e resistenza, sulla via della causa e ha detto: "Prestare attenzione alle questioni culturali e ai principi religiosi e rivoluzionari può manifestare maggiormente l'anti-arroganza, quindi è è necessario raddoppiare gli sforzi per spiegare i principi dell'anti-arroganza». Sottolineando che l'anti-arroganza dovrebbe manifestarsi anche nel campo delle questioni economiche, il dott. Raisi ha continuato: "La più importante manifestazione di anti-arroganza in campo economico è raggiungere l'indipendenza economica dagli stranieri e adottare strategie di prosperità e rimuovere gli ostacoli alla produzione ". Il presidente ha affermato: "Così come il potere militare può creare deterrenza contro l'arroganza in modo che i nemici non possano cospirare, allo stesso tempo gli sforzi nei settori economico e agricolo possono anche contribuire all'indipendenza del PaeseOggi i produttori, operatori economici, lavoratori e agricoltori, per quanto si stanno sforzando per l'indipendenza del Paese nel campo della produzione dei beni di prima necessità e dei bisogni delle persone, sono infatti sulla strada per affrontare” l’ Arroganza". Il Presidente ha aggiunto: "La storia di 40 anni dopo la vittoria della Rivoluzione Islamica ha molte vittorie, onori e lezioni nel campo delle questioni politiche ed economiche a cui dobbiamo prestare attenzione nelle nostre decisionila provincia di Semnan ha un grande potenziale in vari settori economici, agricoli, industriali e minerari. Il governo è determinato ad eliminare i problemi in tali industrie, in modo che possano migliorare la linea di produzione, e, a questo proposito, invito il governatore generale a seguire seriamente i problemi di tali industrie". Riferendosi alla richiesta di uno dei relatori nel campo del sostegno all'artigianato e ai lavori domestici per le donne nella provincia, Raisi ha affermato: "Il governo presterà seria attenzione al sostegno dell'artigianato insieme alla prosperità dell'industria del turismo della provincia e crediamo che se queste aree prospereranno, sicuramente contribuiranno a creare posti di lavoro e l'economia della provincia”. Riferendosi alla proposta culturale e sociale della provincia, in materia di attenzione all'orario di lavoro delle donne e di assegnazione ai turni di notte, l'Ayatollah Raisi ha chiarito: "La dignità delle donne non deve essere in alcun modo violata e l'orario di lavoro deve essere pianificato in un modo che sia in linea con la dignità dei ruoli di madre e moglie delle donne".

da presidentrir  04 - novembre 2021

 

Mostrate le traduzioni cinesi dei libri persiani per bambini  10 novembre 2021

Le traduzioni cinesi di una raccolta di dieci libri per bambini di scrittori iraniani contemporanei sono state presentate mercoledì durante una sessione a Teheran.

La sessione di inaugurazione è stata organizzata come preludio alla Iran Book Week, che si aprirà il 15 novembre. I libri sono stati tradotti in cinese sulla base del Translation and Publication Grant Programme dell'Iran.

"My Moon, Our Moon", "I'm Scared", "There Was the Moon and a Fox" e "My Kind Sara", tutti scritti da Anihita Teimurian, e "The Bird, the Little Boy and the Train" di Ahmadreza Ahmadi sono tra i libri.

I cinque libri sono stati originariamente pubblicati dall'Istituto iraniano per lo sviluppo intellettuale dei bambini e dei giovani adulti (IIDCYA).

"C'era la luna e una volpe" è un punto culminante dei libri, sulla base del quale è stata realizzata un'animazione con lo stesso titolo da Babak Nazari. 

Racconta la storia di una volpe che ama la luna e scala una montagna per intrattenere il chiaro di luna. Fa sentire la luna a casa cucinandole cibo delizioso. A volte, la volpe canta belle canzoni alla luna per farla rimanere più a lungo, ma sorgono problemi perché la luna cresce gradualmente al punto che non può più venire nella tana della volpe.

"Cosa dovrei indossare?" di Payam Ebrahimi era un altro libro della collezione. Si tratta di Sara, una bambina che deve decidere quale abbigliamento indossare per la festa di Capodanno per rappresentare la sua futura occupazione. Pensa di essere una sarta, un'astronoma, una donna dei pompieri e persino una pirata che ha mappe di ogni tesoro. Cosa dovrebbe indossare?

La collezione comprende anche “The Black Crow Goes On a Trip” di Babak Saberi e “Mr. Rana” di Mostafa Khoraman. "The Black Crow Goes On a Trip" porta i bambini nel mondo di un corvo nero che si prepara a intraprendere un viaggio. 

Cosa dovresti portare con te quando vai in viaggio? Una valigia piena di vestiti? O cibo in scatola? Che ne dici di un paio di occhiali da sole? O forse un paio di scarpe da ginnastica? Ora, cosa pensi che porterebbe con sé un corvo? Uno zaino? Vestiti caldi? Una torcia elettrica? Sicuramente no.

Se vuoi sapere di cosa hanno bisogno i corvi durante il viaggio, vieni e accompagna il nostro corvo nero.

"Sig. Frog” parla di una rana che ha un bastone magico e può realizzare qualsiasi desiderio. Alcuni animali desiderano essere grandi e forti, mentre altri desiderano essere piccoli, quindi possono insinuarsi in qualsiasi buco. Primo, la coccinella vuole essere cento volte più grande. Allora la tartaruga vuole essere più piccola. E alcuni animali vogliono rimanere come sono. Ora è il turno di Mr. Frog di soddisfare i suoi desideri. Tre, due e uno...! Eccoti!

I tre libri sono stati pubblicati da Tuti Books, un importante editore di libri per bambini a Teheran.

Tra i libri c'era anche “100 Pieces of Ruby”, la raccolta di poesie sui melograni di Mostafa Rahmandoost. 

La collezione include anche "Lo sciacallo che pensava di essere un pavone" di Fereshteh Sarlak.

La storia, conosciuta anche come “Mr. Jackal Stole My Paints”, è basato su un racconto del poeta persiano Rumi. Si tratta di uno sciacallo depresso per l'impossibilità di soddisfare il suo desiderio di essere attraente e colorato come un pavone. Per realizzare il suo sogno, dopotutto, ruba i colori più belli da un tintore e li applica al suo cappotto.

All'incontro organizzato presso il Ministero della cultura e dell'orientamento islamico hanno partecipato il vice ministro iraniano della cultura per gli affari culturali, Yaser Ahmadvand, l'addetto culturale cinese Zhozy Haw e un gruppo di scrittori ed editori iraniani.

Da TeheranTimes

 

Zarif: Netanyahu falsifica la Storia e la Torah. L’Iran ha salvato 3 volte gli ebrei

L’ex  primo ministro sionista B. Netanyahu per giustificare le sue bugie sull'Iran ha sempre fatto ricorso a una storia falsa ed alla falsificazione della Torah. Così ha detto il ministro degli Esteri iraniano M. Zarif alle affermazioni senza fondamento fatte dall’ex premier israeliano. "Per diffondere le sue cieche bugie contro una nazione, che nel corso della storia ha salvato 3 volte gli ebrei, Netanyahu ricorre a una falsa storia ed alla falsificazione della Torah.", ha dichiarato Zarif.

Netanyahu in un incontro, negli scorsi anni, con il presidente russo V. Putin, aveva sostenuto che circa 2.500 anni fa, l'Impero persiano cercò di distruggere il popolo ebraico, ma non riuscì a farlo, ed adesso l'Iran, erede di quell' Impero, secondo Netanyahu, persegue ancora lo stesso obiettivo.

Da Parstoday  

A cura di Enrico Vigna, 23 novembre 2021

 

Enrico Vigna

Enrico Vigna

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti