Crisi al confine greco-turco e la mutazione antropologica della sinistra

Crisi al confine greco-turco e la mutazione antropologica della sinistra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Antonio Di Siena
 

La crisi dei rifugiati sul confine greco-turco è la prova definitiva della mutazione antropologica della sinistra, trasformatasi ormai nella faccia politicamente corretta del potere.
 

Fino a vent’anni fa infatti, la sinistra, si sarebbe principalmente focalizzata sul protestare massicciamente contro la causa di questo esodo di massa: la guerra in Siria. E in seconda battuta contro l’operazione militare turca di invasione di uno Stato sovrano. Un’aggressione vile, imperialista e contraria a qualunque norma del diritto internazionale.


Oggi invece, continuando a difendere quell’Unione europea responsabile del massacro greco, tacendo sulle bombe Franco-americane sulla Siria e addirittura schierandosi con i fondamentalisti islamici (e appoggiando quindi indirettamente la guerra contro Assad), il massimo che riesce a balbettare è invocare l’accoglienza indiscriminata di qualche milione di profughi (fra cui ci sono certamente migliaia di jihadisti), senza minimamente preoccuparsi delle ricadute socio-politiche derivanti da una richiesta del genere. Insostenibile dentro un modello politico governato dalla dottrina liberista della stabilità dei prezzi e del contenimento della spesa pubblica. Tanto nelle disastrate periferie del sud Europa di spazio ce n’è ancora e il disagio sociale non è ancora al punto critico..
 

Questa piroetta ideologica l’ha portata da posizioni di solidarietà inter-nazionalista (che se ricordo ancora il latino significa fra le nazioni) a quelle di una solidarietà apolide e inter-individualista più prossima al cristianesimo che non al socialismo.
 

Dimostrando come la sinistra ormai sia divenuta a tal punto incapace di un’analisi critica del presente da risultare sostanzialmente impolitica e quindi completamente inutile nell’ottica di qualsiasi processo trasformativo della realtà in una prospettiva anche soltanto riformista. Figurarsi in grado di ribaltare gli attuali rapporti di forza.
 

Ragion per cui chiunque ancora si preoccupa di come far avanzare culturalmente le rivendicazioni socialiste o si stacca definitivamente da essa o si trasformerà egli stesso in un ostacolo.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti