Con la minaccia turca, i curdi intensificano dialogo con Damasco

Con la minaccia turca, i curdi intensificano dialogo con Damasco

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le aree ed i punti di contatto e confronto tra l'Esercito arabo siriano e le 'Forze democratiche siriane' da un lato, e l'esercito turco e i miliziani “turkmeni” dall'altro, alta tensione nel Nord est della Siria, tra addestramenti e manovre militari, con l'arrivo di ampi rinforzi per entrambe le parti nelle campagne di Hasaka e Raqqa, destinate a diventare scontri veri e propri.

Allo stesso tempo, la polizia militare russa sta cercando di aumentare la vitalità degli incontri e del dialogo diretto tra l'esercito arabo siriano e la leadership delle FDS per risolvere i punti controversi alla luce delle minacce turche riguardo il lancio un'azione militare nel nord-est del paese arabo.

Rinforzi siriani e sforzi russi

Fonti locali e sul campo hanno riferito a Sputnik che i rinforzi militari per l'esercito arabo siriano sono arrivati ??alla città strategica di (Ain Issa) e alla periferia della città (Tal Abyad) sulla strada internazionale (Al-Hasakah - Raqqa - Aleppo) nota come M-4, nella campagna del governatorato di Raqqa, con l'intensificazione delle minacce turche e delle organizzazioni turkmene, che stanno attaccando le postazioni delle FDS nella periferia orientale e settentrionale della città.

L'arrivo di rinforzi militari siriani coincide con quelli massicci per i miliziani turkmeni sotto il controllo dell'esercito turco nelle aree settentrionali del governatorato di Raqqa, dove una grossa colonna è arrivata, giovedì scorso, dalla città (Tal Abyad).

Le fonti hanno aggiunto che i rinforzi siriani sono arrivati ??dopo aver tenuto diversi incontri, mediati dai russi, con rappresentanti dell'esercito siriano e leader delle FDS nell'area (Tal Tamer) a nord-ovest di Hasaka e nella città (Ain Issa) a nord di Raqqa, in al fine di aumentare la comunicazione e il riavvicinamento tra le due parti per respingere qualsiasi attacco turco, su queste aree, dove sono presenti posti di osservazione e basi russe.

Nel frattempo, l'aeronautica russa sta ancora conducendo manovre ed esercitazioni militari con munizioni vere in coordinamento con l'esercito arabo siriano nelle aree delle linee di contatto, come a (Tal Tamr), (Ain Issa), (Tal Abyad) e nella campagna settentrionale di Aleppo.

Nella stessa direzione, l'esercito turco e i miliziani tukmeni  hanno condotto esercitazioni militari nel nord del governatorato di Hasaka, in concomitanza con l'arrivo di rinforzi siriani da un lato e le FDS dalle altre zone del nord est della Siria.

Fonti dell'opposizione hanno riferito a Sputnik che le forze turche hanno iniziato a condurre esercitazioni militari congiunte con la divisione "Ahrar al-Sharqiya", che è affiliata alle fazioni "turkmene", nella città di Mabroukaalla strada internazionale (M4) nel sud-ovest campagna di Ras al-Ain, vicino alle aree di contatto con l'esercito arabo siriano e le FDS.

Le esercitazioni militari congiunte tra l'esercito turco e le fazioni "turkmene" ad esso fedeli, sono le prime del loro genere dall'escalation delle dichiarazioni turche per lanciare un'operazione contro contro le FDS nel nord della Siria, al "tempo opportuno " nelle parole dei leader turchi.

Artiglieria

Nello stesso contesto, l'esercito turco e le milizie armate  hanno rinnovato i loro attacchi con granate e artiglieria contro le postazioni delle FDS e abitazioni civili nei villaggi circostanti (Abu Rasin) e (Tal Tamer) nella campagna nordoccidentale di Hasaka.

Fonti locali hanno rivelato che l'esercito turco e i turkmeni hanno preso di mira con una serie di colpi di artiglieria pesante i villaggi che circondano il distretto (Abu Rasin) e il villaggio di (Al-Dardara) nelle vicinanze di (Tal Tamer) in la campagna nordoccidentale di Hasaka, causando danni materiali a case e proprietà.

Le fazioni turkmene continuano a prendere di mira villaggi e città sicuri nelle campagne di Hasaka, Aleppo e Raqqa con artiglieria e razzi, provocando vittime civili, danni alle proprietà pubbliche e continui sfollamenti di civili.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti