Caos in Ecuador: Correa accusa Moreno e Lasso di aver permesso l'infiltrazione del crimine organizzato

Caos in Ecuador: Correa accusa Moreno e Lasso di aver permesso l'infiltrazione del crimine organizzato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Caos e terrore in Ecuador. Dopo che il presidente Noboa ha decretato lo stato di emergenza e il coprifuoco, lunedì sono stati segnalati sequestri di poliziotti, incendi di auto e altri attacchi, ma la violenza non si è fermata e martedì si sono verificate altre azioni criminali.

Sui social network è circolato un video attribuito a criminali che avevano sequestrato tre poliziotti nella città di Machala, nel sud-ovest dell'Ecuador. Video accompagnato da una minaccia a Noboa: "Hai dichiarato guerra e farai la guerra, hai pensato con i piedi ed è ora di assumerti le conseguenze dei tuoi errori (...) Hai dichiarato lo stato di emergenza, dichiariamo come bottino di guerra la polizia civile e i militari, chiunque venga trovato per strada dalle 11:00 di sera sarà giustiziato".

Nel pomeriggio si è verificato l'atto che ha allarmato maggiormente la popolazione e che sta facendo il giro del mondo. È stato il sequestro del canale TC Televisión, situato nella città di Guayaquil, nella provincia di Guayas. I criminali, incappucciati e armati, hanno trattenuto i lavoratori, un'azione che è stata trasmessa in diretta per almeno 15 minuti.

Decine di giornalisti e cameraman hanno chiesto aiuto tramite chat di gruppo alla Polizia nazionale e al servizio di sicurezza integrato ECU 911. Al giornalista José Luis Calderón sono state persino puntate delle pistole alla testa e poi gli è stato messo in tasca un candelotto di dinamite. Nel frattempo, il giornalista era stato fatto inginocchiare e chiedeva ai criminali di non essere colpito.

Alina Manrique, responsabile del programma di informazione, ha raccontato all'AP ciò che ha vissuto: "Mi hanno puntato una pistola alla testa. Ho sofferto. Sono stata presa dal panico. Ho pensato a tutta la mia vita, ai miei due figli".

Pochi minuti dopo l'emergenza, la Polizia nazionale ha riferito di essere intervenuta sul posto, di aver evacuato le persone e di aver catturato i criminali. 

"La polizia è entrata per cercare di prendere il controllo [...] I criminali - sei erano lì sul set - hanno detto loro di andarsene o ci avrebbero ucciso. Io piangevo dal panico. Alla fine i criminali, vedendosi alle strette, hanno consegnato le armi. Ho abbracciato il poliziotto. Mi ha dato la mano e mi sono alzato dal pavimento", ha aggiunto Manrique nel suo racconto.

Il sindaco di Guayaquil, Aquiles Álvarez, ha dichiarato che otto persone sono morte a causa dei violenti eventi che si sono verificati in città, cifra poi salita a dieci, mentre altre tre persone sono rimaste ferite.

Inoltre, le autorità locali hanno riferito durante una conferenza stampa che un poliziotto è stato ferito e 14 persone sono state arrestate. Secondo i dati forniti, sono state incendiate diverse auto e moto. 

Nel frattempo Noboa ha emesso un nuovo decreto che modifica quello emesso lunedì, in cui riconosce l'esistenza di un "conflitto armato interno" nel Paese. Nel decreto, il presidente identifica diversi gruppi di criminalità organizzata transnazionale come "organizzazioni terroristiche e attori non statali belligeranti".

Questi gruppi sono Águilas, ÁguilasKiller, AK47, Caballeros Oscuros, ChoneKiller, Choneros, Corvicheros, Cuartel de las Feas, Cubanos, Fatales, Gánster, Kater Piler, Lagartos, Latin Kings, Lobos, Los p.27, Los Tiburones, Mafia 18, Mafia Trébol, Patrones, R7 e Tiguerones.

"Ho ordinato alle Forze Armate di effettuare operazioni militari per neutralizzare questi gruppi", ha dichiarato Noboa sul suo account X.

In seguito, Roberto Izurieta, segretario generale del presidente per le comunicazioni, ha annunciato che il Consiglio di Sicurezza Pubblica e di Stato è stato istituito "per analizzare la situazione del Paese".

Di fronte alla serie di atti criminali, il governo ecuadoriano ha sottolineato che i gruppi terroristici che attaccano il Paese sono "obiettivi militari" nel mirino delle forze armate, che avranno il compito di far rispettare l'ordine nella nazione sudamericana.

L'ammiraglio Jaime Vela Erazo, capo del Comando congiunto delle forze armate, ha affermato congiuntamente dai ministri del Governo, Monica Palencia, e della Difesa, Giancarlo Loffredo. "Non ci tireremo indietro né negozieremo", ha sottolineato Vela in un breve video pubblicato dalla Segreteria generale della comunicazione.

"Hanno scatenato un'ondata di violenza per terrorizzare la popolazione, per la quale hanno commesso atti sanguinosi senza precedenti nella storia della nazione. Nonostante la loro brutale malvagità, questo tentativo fallirà".

A tutti questi eventi si aggiunge la crisi delle carceri. Da lunedì, in diverse carceri i detenuti tengono in ostaggio le guardie carcerarie.

Questa situazione si è verificata il giorno seguente l'evasione di José Adolfo Macías Villamar, alias "Fito", leader della banda criminale Los Choneros e legato al cartello messicano di Sinaloa, che si trovava in una cella di massima sicurezza del Carcere Regionale, nella provincia di Guayas.

A lui si è aggiunto Fabricio Colón Pico, leader di una cellula del gruppo criminale Los Lobos, catturato nelle prime ore del mattino di venerdì scorso ed evaso dal carcere di Riobamba, nella provincia di Chimborazo, solo tre giorni dopo. L'uomo è stato accusato dalla procuratrice generale dell'Ecuador, Diana Salazar, di essere dietro a un complotto per assassinare lei e la sua famiglia.

Il Servizio Nazionale di Attenzione Integrale agli Adulti Privati della Libertà e agli Adolescenti (SNAI) ha indicato che oltre a Colón Pico, altri detenuti sono fuggiti dal carcere e che a partire da martedì mattina almeno 12 di loro erano stati ricatturati.

In seguito, l'istituzione ha comunicato che sono state liberate 11 guide penitenziarie detenute in tre carceri e che si sta lavorando alla liberazione di altri 125 agenti e 14 membri del personale amministrativo tenuti in ostaggio in cinque carceri.

Correa fa appello all’unità nazionale

L’ex presidente dell’Ecuador Rafael Correa ha affermato che l'attuale crisi non è responsabilità di Noboa, "che è in carica da sei settimane", ma dei suoi predecessori Lenín Moreno e Guillermo Lasso, che ha accusato di aver consentito l'infiltrazione delle mafie del crimine organizzato all'interno dello Stato.

"Non è un caso, lo hanno permesso per tanti anni, perché il loro obiettivo era cercare di distruggerci come alternativa politica e hanno permesso tutto", ha detto l'ex presidente, che ha anche lanciato le sue frecciate contro "la stampa corrotta" che, a suo avviso, ha spinto per accelerare lo smantellamento dello Stato.

Il politico, che è stato due volte presidente dell'Ecuador, ha riconosciuto che la criminalità organizzata è sempre esistita nel Paese, ma che la "differenza cruciale" è che ora c'è "l'infiltrazione delle forze armate e della polizia".

E ha aggiunto: "Non solo si sono infiltrati, ma dominano il sistema carcerario e da lì dirigono il crimine organizzato, ed è per questo che, quando il Presidente Noboa ha voluto riportare l'ordine, ha avuto questa risposta".

Correa ha espresso il suo fermo sostegno a Noboa sui social network, con un forte appello all'unità nazionale: "Tutto il sostegno, presidente. Il crimine organizzato ha dichiarato guerra allo Stato e lo Stato deve uscire trionfante. È tempo di unità nazionale".

Il politico ha anche fatto diverse raccomandazioni al presidente, che si è da poco insediato: "Sostituite le migliaia di poliziotti che occupano assurdamente posti burocratici con personale civile o con poliziotti in pensione e mandateli in strada. La Patria trionferà, e sempre, fino alla vittoria".

Ai microfoni di RT, il leader della Revolución Ciudadana ha affermato di non aver mai assistito a una distruzione così vertiginosa di un Paese, "senza sanzioni e senza blocco", ricordando che appena nel 2017 l'Ecuador era la seconda nazione più sicura della regione.

"Oggi siamo la quinta nazione più violenta al mondo e abbiamo leader della criminalità organizzata che hanno dichiarato guerra allo Stato. Questo era inimmaginabile", ha affermato Correa.

L’ex presidente ritiene inoltre che alcune delle misure annunciate dall'attuale governo, come la costruzione di mega-carceri per emulare le controverse politiche di Nayib Bukele, siano "solo marketing".

"È vendere fumo", ha detto l'ex presidente, che ritiene più efficace piazzare dei disturbatori di segnale nelle carceri, rafforzare i controlli sugli ingressi nelle prigioni e, ancor più, epurare i funzionari pubblici incaricati di questi compiti.

Per questo motivo, ha ribadito l'invito al Presidente Noboa a operare una profonda trasformazione all'interno dello Stato per eliminare le mafie che, a suo avviso, si sono radicate con l'appoggio di funzionari corrotti all'interno delle forze pubbliche.

Correa ha respinto l'idea che l'aiuto straniero sia la chiave per risolvere la crisi di sicurezza del Paese e ha invece ritenuto fondamentale la riorganizzazione della struttura governativa con funzionari in grado di gestire la situazione, criticando gli attuali membri del gabinetto di Noboa.

"La prima cosa che Noboa deve fare è circondarsi di persone competenti. Abbiamo offerto il nostro pieno appoggio, con una squadra capace e disposta a dare la vita per il Paese, per combattere il crimine organizzato e sconfiggere la guerra che hanno dichiarato".

Per l'ex presidente, la cosa più importante al momento è che lo Stato metta in campo tutta la sua legittima forza per affrontare la situazione e, una volta superata, inizi a valutare le azioni a breve e lungo termine.

A questo proposito, ha ricordato che il suo governo è riuscito a tenere a bada la criminalità organizzata "senza basi straniere e senza l'aiuto di altri Paesi".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti