Armi occidentali e massacro in Yemen: gli ultimi (drammatici) dati sulle vittime civili

Armi occidentali e massacro in Yemen: gli ultimi (drammatici) dati sulle vittime civili

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Faranno mai uno speciale i nostri media mainstream sulla guerra brutale contro lo Yemen lanciata proprio otto anni fa che ha causato il più grande disastro umanitario del nostro tempo? Domanda retorica visto che l’occidente tutto, in testa USA e Gran Bretagna hanno fornito armi alla coalizione guidata dall’Arabia Saudita per disintegrare lo Yemen, già prima della guerra il paese più povero del mondo arabo. Un vero atto umanitario insomma.

Intanto, il movimento di resistenza yemenita Ansarallah ha dichiarato che oltre 49.000 civili sono stati uccisi e feriti attraverso la violenza diretta dal lancio delle operazioni della coalizione guidata dai sauditi nel 2015, accusando anche la coalizione di usare armi proibite.

Il Ministero dei Diritti Umani del governo di Salvezza Nazionale guidato da Ansarallah ha ricordato, durante una conferenza stampa a Sanaa che "Il numero totale di morti e feriti in otto anni ha superato i 49.000, inclusi più di 8.700 bambini e più di 5.400 donne".

"1.483.00 civili sono morti indirettamente a causa di epidemie di malattie croniche, veleni da sostanze chimiche di armi proibite, malnutrizione e altre cause", ha denunciato il ministero.

Inoltre, le operazioni militari della coalizione guidata dai sauditi e il suo blocco delle aree sotto il controllo di Ansarallah negli ultimi 8 anni hanno portato il tasso di povertà a raggiungere il 95% e il tasso di disoccupazione a superare il 65%.

Il Ministero yemenita ha anche ricordato che "l'ingiusto assedio ha esacerbato le sofferenze e causato un'acuta insicurezza alimentare per oltre 16 milioni di persone".

Un cessate il fuoco mediato dalle Nazioni Unite concordato lo scorso aprile ha contribuito a ridurre notevolmente i combattimenti e la violenza tra le forze di Ansarallah e la coalizione guidata dai sauditi.

Le speranze per la fine della guerra sono state sollevate anche dopo l'Iran e l'Arabia Saudita ha recentemente accettato di ristabilire le relazioni diplomatiche. L'Iran è visto dall'Arabia Saudita come fornitore di armi al movimento Ansarallah.

Altro segnale positivo, Ansarallah e il governo sostenuto dai sauditi dello Yemen hanno accettato di scambiare centinaia di prigionieri dopo i colloqui in Svizzera del 21 marzo.

Tuttavia, le ostilità sono riprese ieri, quando le forze di Ansarallah hanno attaccato un'area nella provincia produttrice di petrolio di Marib, uccidendo 10 soldati dell'esercito yemenita sostenuto dai sauditi, ha riferito AFP.

"Gli Houthi [Ansarallah] hanno lanciato un attacco sulle colline che sovrastano il distretto di Harib, a sud di Marib, e hanno fatto progressi su quel fronte, provocando lo sfollamento di dozzine di famiglie", ha detto una fonte militare ad AFP, parlando a condizione di anonimato.

"Almeno 10 soldati sono stati uccisi, oltre a un numero imprecisato di aggressori", ha aggiunto la fonte.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"BERSAGLI" - 7. La nostra dicendenza di Giovanna Nigi "BERSAGLI" - 7. La nostra dicendenza

"BERSAGLI" - 7. La nostra dicendenza

Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili" di Paolo Desogus Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili"

Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili"

7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano" di Francesco Santoianni 7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano"

7 ottobre, Haaretz e il "fact checking italiano"

Putin, Hamas e un (delirante) editoriale di Biden di Marinella Mondaini Putin, Hamas e un (delirante) editoriale di Biden

Putin, Hamas e un (delirante) editoriale di Biden

NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro di Emanuele Dessì NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro

NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Riflessioni di filosofia della storia e della politica di Marco De Angelis Riflessioni di filosofia della storia e della politica

Riflessioni di filosofia della storia e della politica

Al principio era la crisi economica.... di Antonio Di Siena Al principio era la crisi economica....

Al principio era la crisi economica....

Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole di Gilberto Trombetta Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole

Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole

NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO di Michelangelo Severgnini NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO

NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Dalla caccia, all'asta del Che Dalla caccia, all'asta del Che

Dalla caccia, all'asta del Che

A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte) di Giuseppe Masala A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte)

A che ora è la terza guerra mondiale? (Seconda parte)

Come curare il tuo cane con il Prozac di  Leo Essen Come curare il tuo cane con il Prozac

Come curare il tuo cane con il Prozac

L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese di Paolo Arigotti L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese

L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese

Diamond e lo studio delle crisi e delle rinascite delle nazioni di Damiano Mazzotti Diamond e lo studio delle crisi e delle rinascite delle nazioni

Diamond e lo studio delle crisi e delle rinascite delle nazioni